scuola-reclute-di-airolo-una-sezione-contagiata-al-90
Tampone eseguito su una recluta in entrata (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
1 ora

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
1 ora

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
1 ora

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
1 ora

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
1 ora

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
2 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
3 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
4 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
4 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
5 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
6 ore

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
6 ore

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
7 ore

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
13 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
13 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
21 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
21 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
21 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
22 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
23 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
laR
 
09.02.2021 - 18:26
Aggiornamento : 23:18

Scuola reclute di Airolo, una sezione contagiata al 90%

Il genitore di un giovane si sfoga: ‘Lasciati andare in congedo senza tampone preventivo, ora siamo tutti in quarantena'. Il comandante: ‘Decisione medica’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«L’Esercito ha compiuto una grande imprudenza e adesso noi, insieme a molte altre famiglie, ne stiamo pagando le conseguenze». Ha un diavolo per capello il padre di famiglia ticinese rivoltosi alla nostra redazione dopo aver letto l’articolo dedicato alle reclute risultate positive al Covid durante la Scuola sanitaria 42 in corso ad Airolo dallo scorso 18 gennaio. Su 600 militi presenti fra reclute, sottufficiali, ufficiali e altro personale – aveva spiegato in un primo tempo il Comando da noi interpellato – nell’arco delle prime tre settimane sono state riscontrate alcune positività al Covid in due delle 16 sezioni. Casi isolati e gestiti nell’infermeria della caserma con tanto di cure, qualora necessarie, e quarantena per i contatti stretti. «Peccato che in vista del primo ‘grande congedo’ di quattro giorni fissato dalla mattina di sabato 6 febbraio alla sera di martedì 9 – obietta alla ‘Regione’ il padre di una recluta – l’Esercito non abbia ritenuto necessario eseguire in settimana, a fronte dei casi positivi già emersi, il tampone preventivo, per contro rinviato a dopo il rientro negli accantonamenti, ossia durante la seconda parte di questa settimana. Un bel rischio! Un agire, vista poi come si è evoluta la situazione, a mio avviso già in partenza sconsiderato».

Il contagio nella sezione mista

Il coronavirus, per quanto ci è dato sapere, si è diffuso in particolare nella sezione mista, composta da ragazzi e ragazze, alloggiata negli accantonamenti del Touring club svizzero a Quinto, struttura nella quale solitamente si organizzano i corsi di scuola guida. Struttura dove nei giorni precedenti al ‘grande congedo’ erano già emersi sei casi di positività. Appreso che alcune reclute erano poi state male a casa durante la giornata di sabato 6 febbraio, il caposezione la sera stessa ha avvisato la ventina di reclute tornate al domicilio invitandole a sottoporsi al tampone il giorno successivo. «E infatti domenica il test di mio figlio è risultato positivo», annota amareggiato il genitore rimarcando il fatto che sia asintomatico. Conseguenza: tutta la famiglia in quarantena per dieci giorni «con il solito problema legato alla perdita delle lezioni scolastiche per sua sorella e non pochi problemi, per quanto mi riguarda, a organizzarmi dal profilo professionale».

A casa venti positivi su 22

Ma non finisce qui: stando a quanto ci viene riferito, risulta  che oltre alle sei reclute la cui positività era emersa prima del ‘grande congedo’, e che perciò sono rimaste confinate in caserma, il 90% della ventina di reclute tornate a casa è risultato positivo durante il weekend, ovvero circa 18 nuovi casi. «Il tutto in una compagnia di Sanitari preposta a sostenere la popolazione in caso d'intervento contro la pandemia», annota il genitore. Un aspetto che non riesce a digerire riguarda anche l’inosservanza di una misura sanitaria molto semplice e divenuta quasi subito, ormai un anno fa, d’uso generale, ossia l’utilizzo del disinfettante per le mani: «Stando a quanto mi è stato riferito, le reclute e la struttura di Quinto ne sono sprovviste. Non hanno a disposizione disinfettante».

Il medico cantonale all'oscuro

Dulcis in fundo, il genitore del ragazzo ha saputo che qualcuno del gruppo ha ritenuto opportuno interpellare l’Ufficio del medico cantonale, a Bellinzona: «La risposta sembra sia stata negativa. Stando quanto riferitomi, nessuno dall’Esercito aveva fino ad allora comunicato alle autorità sanitarie cantonali quanto stava succedendo», conclude il padre di famiglia contestando quanto spiegato alla ‘Regione’ dal vicecomandante della compagnia Marcello Lesnini, e cioè che l'Esercito mette in atto ogni misura per evitare la propagazione del virus in servizio e nel contesto civile e che la salute delle reclute e dei loro familiari hanno la massima priorità.

‘Prese le misure necessarie’

Interpellato lunedì dalla redazione, il vicecomandante Lesnini aveva assicurato che si tratta di «casi isolati» e che sono state prese «le misure necessarie». Il tenente colonnello sottolineava poi che «tutti presentano o sintomi lievi o sono asintomatici e sono seguiti costantemente da personale medico». Insomma, tutti «stanno bene» e non è stato riscontrato alcun caso di variante inglese. Le reclute positive sono state poste in isolamento «in Svizzera interna o nell'infermeria ad Airolo», mentre in quarantena sono finiti coloro che sono stati a stretto contatto con le persone contagiate. Stretti contatti che secondo Lesnini in realtà si verificano raramente, visto che «vengono mantenute le distanze e si indossano la mascherina e i guanti durante l'istruzione». Insomma, «abbiamo adottato misure organizzative e logistiche per cercare di evitare i contatti stretti, ma si deve fare affidamento anche sulla responsabilità del singolo milite». In ogni caso, «la nostra priorità è ovviamente posta sulla salute della truppa». Lesnini ammetteva che alcuni casi positivi – il cui numero è ben maggiore – sono emersi dopo che le reclute sono tornate a casa, sabato mattina. In questo caso «rimarranno in isolamento nella loro abitazione», rilevava il vicecomandante aggiungendo che i militi delle due sezioni coinvolte verranno sottoposti a un tampone nasale all'entrata dal congedo.

Tra valutazione medica e libertà individuale

Ma perché – chiediamo quindi oggi all’Esercito – non è stato effettuato un test su tutti i militi prima che venissero lasciati andare in congedo, visto che erano stati registrati dei casi positivi? «È stata una decisione medica», afferma da noi raggiunto il colonnello Smg Daniele Meyerhofer, comandante delle scuole sanitarie 42 di Airolo. «Giovedì, prima del congedo, vi erano tre possibilità: licenziare i militi come previsto, trattenerli tutti in caserma, oppure effettuare un test di massa e licenziare solo chi fosse risultato negativo. Il medico della piazza d’armi ha valutato che, in caso di tampone negativo, alcuni militi sarebbero andati a casa con una certezza sbagliata, visto che l’eventuale positività sarebbe potuta emergere anche più tardi». In ogni caso, sottolinea Meyerhofer, «il congedo non era ovviamente un obbligo. Abbiamo informato la truppa sulla situazione e del rischio residuo che i militi si assumevano decidendo di partire in congedo. In modo particolare, a chi avrebbe potuto entrare in contatto con persone a rischio, abbiamo consigliato di approfittare della possibilità di rimanere in caserma. Inoltre, a poter beneficiare del congedo, erano evidentemente solo i militi che non presentavano sintomi legati al coronavirus». Molte reclute hanno però preferito assumersi la responsabilità della partenza in congedo, siccome «erano già tre settimane che si trovavano lontani da casa». Per l’esercito, infatti, anche «la salute psicofisica è molto importante», aggiunge il comandante assicurando poi che il disinfettante «viene messo a disposizione all'entrata delle diverse infrastrutture, come si vede nei negozi».

Leggi anche:

Covid, alcuni contagi alla scuola reclute di Airolo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
airolo comandante esercito quarantena reclute sezione tampone preventivo
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved