alla-sbarra-il-bombarolo-di-bellinzona-con-svastica-e-armi
Inquirenti al lavoro il 26 febbraio 2020 dopo la deflagrazione alle Scuole sud di Bellinzona (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
6 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
6 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
7 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
7 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
7 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
7 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
7 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
7 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
8 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
8 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
8 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
8 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
08.02.2021 - 12:32
Aggiornamento : 17:22

Alla sbarra il bombarolo di Bellinzona (con svastica e armi)

Sarà processato a fine febbraio il 22enne ritenuto responsabile di varie esplosioni, fra cui quella alle Scuole sud cittadine. Aveva un piccolo ‘arsenale’

È corposo l’elenco dei reati di cui dovrà rispondere un 22enne di Bellinzona davanti alle Assise criminali riunite il 25 febbraio a Lugano e presiedute dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti. In correità con un altro giovane e un minorenne, che vengono giudicati separatamente, è accusato di aver organizzato l’esplosione di diversi ordigni artigianali nella nostra regione fra il dicembre 2018 e il marzo 2020, quando infine è stato arrestato al termine di una lunga inchiesta. L’evento principale è stato la deflagrazione avvenuta nella notte del 26 febbraio scorso sul piazzale delle Scuole comunali sud cittadine, scoppio che ha causato un piccolo cratere nell’area di gioco e danni per 18mila franchi alle finestre e alle aule.

Prospettato un lungo elenco di reati

Il suo agire aveva attirato l’attenzione della popolazione per svariati mesi, petardo dopo petardo, generando una curiosità generale sull’origine di esplosioni che venivano udite in un raggio di diversi chilometri. Patrocinato dall’avvocato Niccolò Giovanettina, l’imputato dopo l’arresto ha dapprima trascorso 84 giorni in detenzione preventiva, per poi passare nel giugno scorso in esecuzione anticipata della pena al penitenziario cantonale della Stampa. Fra i reati imputatigli dalla procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis, citiamo la ripetuta fabbricazione, occultamento, uso e trasporto delittuosi di materie esplosive o gas velenosi; il danneggiamento; la discriminazione e l’incitamento all'odio; l’infrazione alla legge su armi e munizioni; nonché la registrazione clandestina di conversazioni.

Messa a rischio la vita di alcune persone

Un agire che secondo la magistrata inquirente ha anche messo in pericolo Ia vita e l’integrità di altre persone, e meglio di alcuni giovani che di volta in volta hanno assistito agli eventi, non è dato sapere se coscienti o meno del possibile rischio. Il primo episodio, risalente al 2019, riguarda l’esplosione, in un prato di Galbisio, di un ordigno assemblato dall’imputato con sei petardi contenenti 100 grammi l’uno di polvere pirica inseriti in un contenitore in cartone avvolto con corda e nastro adesivo e con attaccate quattro bombole di gas per fiamma ossidrica per aumentare il potere esplosivo. Seguono – sempre nottetempo – altri eventi simili sfociati nel danneggiamento di pareti e bidoni della spazzatura, come pure di alberi abbattuti in golena a Giubiasco, vicino al sentiero pedonale lungo il quale peraltro un ragazzo che stava facendo jogging è stato sfiorato (ma non ferito) da pezzi di legno scagliati a oltre trenta metri di distanza. Da notare che l’acquisto e l’importazione dei vari petardi, in tutto almeno 26, sono avvenuti tramite un portale estero.

L'incarico dato a due complici

Il culmine lo raggiunge alle Scuole Sud: stando agli inquirenti l’imputato ha confezionato un ordigno utilizzando un tubo d’acciaio, rinforzato con del nastro adesivo e una cintura di sicurezza per automobili, infilandovi 600 grammi di polvere pirica prelevata da quattro petardi; ha poi consegnato l’ordigno a un suo amico con l’accordo di farlo esplodere nell’ex campo di basket in presenza anche di un minorenne che faceva da ‘palo’. Il tutto mettendo in pericolo Ia loro vita e quella di altre persone, visto che non lontano erano in corso i bagordi notturni del Rabadan.

Il cappotto nazista e le armi

Ma l’elenco non finisce qui. L’accusa di discriminazione e incitamento all’odio si riferisce al fatto di aver indossato, durante l’ultima edizione del Rabadan, una riproduzione fedele di un cappotto dell’esercito militare tedesco con riprodotta una svastica sul braccio sinistro e una croce con svastica sul petto: secondo la procuratrice, così facendo ha pubblicamente propagato l’ideologia nazista intesa a screditare il popolo ebreo. Capitolo armi: l’accusa elenca una serie di oggetti di cui l’imputato era in possesso senza autorizzazione, vale a dire un bastone tattico, un manganello, una pistola soft air da lui usata cinque volte sul Piano di Magadino, una fionda dotata di poggiabraccio e un puntatore laser utilizzato a Castelgrande. Fra il materiale sequestrato figurano diverse granate fumogene, varie bombole di gas, attrezzature per saldare, banconote e lingotti d’oro fasulli, alcune pistole, attrezzatura varia per confezionare gli ordigni e, per non farsi mancare nulla, anche un visore notturno e un contatore geiger per il rilevamento della radioattività.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi bellinzona bombarolo esplosioni febbraio sbarra sud cittadine svastica
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved