sorpassi-a-bellinzona-il-ricorso-tardivo-di-tuto-rossi
Contestato il voto del 21-22 dicembre (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
42 min

Locarno, alla Gestione piacciono gli orti comunali

Il rapporto commissionale preavvisa favorevolmente la richiesta di credito municipale per la realizzazione di 16 appezzamenti in zona Morettina
Bellinzonese
1 ora

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
1 ora

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Locarnese
2 ore

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
2 ore

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
2 ore

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
2 ore

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
3 ore

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
3 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
3 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
Locarnese
3 ore

Gordola, oltre 750 firme contro il ‘mastodonte’ alle Campagne

Abitanti preoccupati per l’inserimento del progetto immobiliare da circa 30 milioni. “Urge soluzione confacente, il Municipio faccia da mediatore”
Luganese
3 ore

Porto galleggiante contestato a Melide

Partita la raccolta di firme contro la variante pianificatoria votata ad ampia maggioranza dal Consiglio comunale nell’ultima seduta del 2021
Bellinzonese
4 ore

Danni del nubifragio, ‘nessuna responsabilità del Municipio’

L’esecutivo di Lumino risponde all’interrogazione Plr rispedendo al mittente ‘insinuazioni e speculazioni’ sull’alluvione del 7 agosto
Mendrisiotto
4 ore

Il Gran consiglio è con India e lancia ‘un messaggio forte’

Deputati compatti, tranne sui banchi della Lega (che si astiene). Critiche alla legge e all’attitudine del Cantone. Ma Gobbi non ci sta
Ticino
7 ore

Iniziativa popolare per abolire i livelli, si scaldano i motori

Scuola media. Vpod, lunedì riunione allargata per decidere su comitato e testo. Associazioni e studenti si esprimono dopo il no parlamentare al test
04.02.2021 - 19:470
Aggiornamento : 20:38

Sorpassi a Bellinzona: il ricorso tardivo di Tuto Rossi

Accuse pesanti (al limite della diffamazione) a un consigliere Plr, al partito, al Municipio e ai membri delle commissioni Gestione ed Edilizia

Dopo il Ppd anche la destra di Bellinzona, rappresentata da Udc e Lega, ha interposto ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione con cui il Consiglio comunale nella seduta del 21 e 22 dicembre, per un solo voto, ha avallato il credito suppletorio di 1,6 milioni a copertura dei sorpassi di spesa emersi sul cantiere dello Stadio cittadino. Un solo voto – stando ai due ricorsi – che è quello del consigliere liberale-radicale Andrea Cereda, dipendente della Mawi Sa (ingegnere responsabile settore direzione lavori) incaricata dal Municipio di prestare consulenza tecnica nell’ambito dell’audit interno effettuato dal Settore comunale controllo qualità e revisione. Ma mentre il Ppd nel proprio ricorso dei consiglieri Paolo Locatelli e Gabriele Pedroni, datato 30 gennaio, ha insistito sulla partecipazione al voto di Cereda ritenendola inopportuna e ravvisando un conflitto d’interessi, per contro il ricorso elaborato dal consigliere democentrista Tuto Rossi e firmato da altri rappresentanti della destra sembra più che altro un attacco frontale al Plr, senza esclusione di colpi. Un ricorso che essendo datato 3 febbraio appare peraltro tardivo, visto che il termine scadeva al più tardi il 2 febbraio.

Perizia ‘addomesticata’

Capitolo Cereda: durante la seduta di Cc egli ha assicurato, attraverso il proprio capogruppo Fabio Käppeli, di non essersi assolutamente occupato professionalmente del dossier stadio; per contro secondo Tuto Rossi e colleghi il consigliere liberale-radicale ha invece “partecipato all’allestimento della perizia Mawi addomesticata”. Un’accusa pesante, sulla quale il Servizio ricorsi del governo cantonale dovrà soffermarsi con particolare attenzione effettuando delle verifiche. Un’accusa, cui se ne aggiungono altre non meno pesanti, che potrebbe facilmente indurre lo stesso Cereda, il Plr e fors’anche i membri dell’Esecutivo, nonché la maggioranza delle commissioni Gestione ed Edilizia, a querelare Rossi e cofirmatari per i reati di calunnia e diffamazione.

‘Ha pilotato la strategia d'insabbiamento’

“La Mawi – prosegue il ricorso – è stata lautamente pagata (ndr: dal Comune) per questo suo lavoro e quindi era ovviamente impossibile che il consigliere votasse contro le conclusioni della perizia che lui stesso ha contribuito a scrivere”. Inoltre il parere delle commissioni Gestione ed Edilizia e in definitiva quello del plenum del Cc “si basano proprio su questa perizia” oltre che, ricordiamo, sui due audit interno ed esterno e sulle audizioni fatte dalle commissioni, ma non quella del perito Mawi che non si è potuta tenere (secondo i ricorrenti si è rifiutato di presentarsi). Ricorrenti secondo i quali la Mawi Sa sarebbe “in mano al Plr”. A tal punto che il consigliere Cereda “è stato costantemente informato della perizia in corso, alla quale ha ampiamente messo mano”. I ricorrenti si spingono anche a sostenere che egli abbia “pilotato la strategia d’insabbiamento che alla fine” lui stesso “ha votato”. Tutto questo, ribadiamo, mentre Cereda ha assicurato la propria estraneità alla procedura.

‘Il Municipio ha nascosto reati penali’

Capitolo Municipio: secondo i ricorrenti “ha verosimilmente scoperto che gli importi dei sorpassi sono frutto di reati penali (corruzione o altro) e invece di concludere in modo corretto i suoi audit, ed eventualmente informare il Ministero pubblico, ha preferito insabbiare tutto”. Non solo: Rossi e colleghi sostengono che il Municipio avrebbe indotto i “suoi scudieri” attivi nella Gestione e nell’Edilizia (quest'ultima presieduta da Rossi) a redigere “rapporti farlocchi per poter ratificare le illegalità in Consiglio comunale”. E che con “un golpe istituzionale ha deciso la trattazione e la votazione dei messaggi prima di Natale” senza che fosse noto l’esito dell’inchiesta disciplinare sul capo Settore opere pubbliche, successivamente trasferito all’Amb con salario decurtato. Per riuscirci, sostengono i ricorrenti, di fronte al rifiuto del presidente del Cc Luca Madonna (Lega) d’inserire il tema all’ordine del giorno della seduta di dicembre, il Municipio avrebbe “costretto a farlo fare al vicepresidente Vincenzo Mozzini”, anch’egli del Plr. Questo nonostante “la Legge organica comunale non preveda la possibilità di esautorare il presidente sostituendolo col vice”. Dal canto suo invece la Sezione enti locali esprimendosi in quei frangenti sulla querelle in corso aveva scritto che “il presidente del Cc non ha competenze particolari nell’allestimento dell’ordine del giorno”, di cui è responsabile il Municipio.

‘Annullare tutta la seduta’

E visto che il 22 dicembre il Consiglio di Stato aveva ritenuto irricevibile un ricorso di Tuto Rossi contro la convocazione del Cc, essendo questa non impugnabile ma soltanto le eventuali decisioni adottate dal Legislativo, a questo punto i ricorrenti chiedono al governo di annullare la validità dell’intera seduta con le risoluzioni sui singoli messaggi, compreso quello sul credito suppletorio per il Policentro della Morobbia e quello sul Preventivo comunale 2021.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved