l-open-air-di-monte-carasso-annulla-anche-l-edizione-2021
Un concerto dell'edizione 2019 (Marika Brusorio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
33 min

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
2 ore

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
5 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
15 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
19 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
20 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
20 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
20 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
20 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
20 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
21 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
21 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
22 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
02.02.2021 - 12:02
Aggiornamento : 18:48

L'Open air di Monte Carasso annulla anche l'edizione 2021

Troppe le incertezze legate alla situazione pandemica e all'organizzazione di manifestazioni. Il festival previsto in giugno verrà rinviato all'anno prossimo

Sarà un’altra primavera senza musica? Gli organizzatori dei festival che l’anno scorso a causa della pandemia hanno dovuto annullare gli eventi già pianificati, avevano pubblicato sulle loro pagine social e sui siti un fiducioso ‘Arrivederci al 2021’. Si sa però che per organizzare un festival musicale bisogna lavorare d’anticipo e la situazione attuale non consente di avere certezze riguardo agli eventi più imminenti. E proprio per questo gli organizzatori dell'Open air Monte Carasso hanno deciso di annullare l'evento in previsione il terzo fine settimana di giugno. Come è noto, il festival era stato annullato anche lo scorso anno a causa della situazione di emergenza sanitaria dovuta al Covid-19.  «Confermare l'evento al terzo weekend di giugno per noi al momento è troppo rischioso», spiega Samuel Righetti, responsabile comunicazione dell'Open air. Anche l'ipotesi di un rinvio è stata scartata: «Volevamo cercare una seconda data, verso il mese di settembre per essere più tranquilli e avere più tempo per valutare la situazione, ma in quel periodo il convento di Monte Carasso è molto ambito per l'organizzazione di feste di matrimonio, e quindi trovare un altro momento è davvero difficile», aggiunge. Nonostante l'annullamento gli organizzatori intendono proporre comunque qualcosa nel weekend in cui avrebbe dovuto tenersi l'Open air. In sostituzione all'evento musicale l'idea, ancora in fase di discussione, è di proporre una mostra fotografica e un piccolo evento collaterale. «Ci teniamo a far sapere che noi ci siamo comunque, questo è solo un periodo di transizione, ma torneremo a proporre musica appena sarà possibile», tranquillizza Righetti. 

Bellinzona Beatles Days posticipato

Incertezze anche per gli organizzatori del primo grosso festival in arrivo nel Bellinzonese, costretti a posticipare l’evento di qualche mese. Stiamo parlando del Bellinzona Beatles Days che era in agenda per il fine settimana del 19-22 maggio ma che verrà probabilmente spostato a fine luglio. «Abbiamo già informato il Municipio che purtroppo, a causa della situazione pandemica attuale, è per noi impossibile proporre il festival in maggio», spiega Graziano Lavizzari, presidente della Fondazione del Patriziato di Bellinzona che ogni anno organizza l’evento. L’idea, continua, è comunque di proporre il festival «la gente ha bisogno di musica, ora più che mai. E se in luglio non sarà possibile organizzarlo, lo sposteremo in agosto o settembre. Qualcosa si farà, anche a costo di farlo in inverno», tiene a sottolineare. Il presidente della Fondazione spiega che è piuttosto difficile pianificare il festival, perché le disposizioni cantonali e federali in atto per contenere i contagi di coronavirus possono cambiare da un momento all’altro. «Siamo sempre sul chi vive – riconosce – ma per poter stipulare i contratti degli artisti abbiamo bisogno di certezze e di poter pianificare una data precisa». Artisti che, se di solito erano perlopiù provenienti dal panorama internazionale, quest’anno saranno per la maggior parte locali o eventualmente italiani, ma anche in questo caso sarà da valutare la situazione Covid-19 nella vicina penisola. In caso di problemi, gli organizzatori hanno pure considerato uno scenario con una programmazione con artisti unicamente svizzeri. Il festival bellinzonese è noto per ospitare diversi gruppi provenienti dall’Inghilterra, patria dei Beatles a cui l’evento è dedicato. Troppe incognite però quest’anno, spiega Lavizzari, per immaginare di stipulare contratti con artisti provenienti dalla Gran Bretagna. 

Per celebrare i vent’anni di esistenza del festival, l’anno scorso si volevano proporre cinque giorni di musica con grossi artisti internazionali. La pandemia aveva però rovinato la festa, che era stata annullata e rinviata a quest’anno. Per questa edizione si è optato per tre serate di musica, una pop, una rock anni ’60-’70-’80 e una con tribute band dei Beatles. L’idea della Fondazione è di un’edizione completamente gratuita: «Vogliamo fare un regalo alla popolazione e ringraziare i nostri amici e sostenitori», rileva Lavizzari. Come fare però a garantire un controllo sul numero di persone presenti? Da questo punto di vista sarebbe più pratico recintare l’evento e vendere dei biglietti per l’ingresso. Un’opzione che però non piace agli organizzatori: «Sarebbe proprio l’ultima ipotesi, attuabile solo se fosse l’unico sistema per poter avere un controllo sulle entrate». 

 

 

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
beatles bellinzona covid festival monte carasso musica open air
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved