passerella-rossa-di-galbisio-degrado-chi-paga
Inaugurata nel dicembre 2010 (Ti-Press)
Bellinzonese
01.02.2021 - 12:420
Aggiornamento : 14:25

Passerella rossa di Galbisio: ‘Degrado, chi paga?’

Mps e Verdi sollecitano la Città affinché ripristini, in garanzia, quello che viene denunciato come un precoce deterioramento

La passerella metallica di colore rosso, che a Bellinzona da un decennio sovrasta il fiume Ticino collegando i quartieri di Galbisio e Pratocarasso, sembra trovarsi in cattive condizioni. Lo sostiene quattro consiglieri comunali (le Mps Monica Soldini e Angelica Lepori Sergi e i Verdi Ronny David e Marco Noi) che interpellano il Municipio esponendo una situazione a loro giudizio preoccupante. Costato oltre due milioni di franchi, il cantiere era iniziato nella primavera 2010 per concludersi con l'inaugurazione del dicembre di quell'anno. Commissionata dalla Città di Bellinzona, progettata e realizzata da ditte del Sopraceneri, la struttura, elencano i consiglieri, “giace oggi in una situazione di degrado con l’illuminazione Led fuori uso dal 2015 e sostituita maldestramente con cavi a sbalzo nell’estate 2020”. Inoltre “mostra evidenti fessurazioni sul rivestimento della pavimentazione, la vernice rossa si sta scrostando in più punti e la ruggine sta intaccando la pavimentazione, la sottostruttura e la parete dove la vernice è fessurata”. Oltre al degrado, “sulla pavimentazione e sul parapetto rosso sono presenti graffiti, scritte e disegni mai tolti dai servizi urbani”.

Da qui una serie di domande volte a sapere se le norme Sia prevedano un ripristino ‘in garanzia’ dai costruttori e quali termini di garanzia siano stati fissati a suo tempo. Qualora siano più lunghi dei canonici 2 anni, questo tipo di problemi devono/possono essere fatti rientrare quali difetti da sanare entro i termini di garanzia? Il Municipio intende far valere la garanzia solidale e pretendere un ripristino immediato? Il discorso viene poi esteso alla “situazione di degrado” sue due sponde della golena: il Municipio intende intervenire prima della prossima legislatura e prima dell’estate? Questo considerando anche le nuove infrastrutture come le nuove passerelle ciclopedonali previste tra Gorduno e Castione e all'ex Torrettta, nonché le zone di rinaturazione in arrivo all'ex Torretta e alla Saleggina.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved