ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 min

Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)

È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
20 min

Hangar 1, il Cantone risponde alle Città

Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Ticino
3 ore

Dai Tilo ai bus tra Taverne-Torricella e Lamone-Cadempino

Le misure sono dovute a lavori infrastrutturali per l’adattamento dei marciapiedi nella stazione. Sono da prevedere tempi di percorrenza più lunghi
Luganese
3 ore

Cantori della Stella in missione a Berna

Tra i gruppi svizzeri, che saranno a Palazzo federale per incontrare i membri del Parlamento, anche uno proveniente da Tesserete
Locarnese
3 ore

Valmaggia, il Giro del Mondo di Emilio Balli

In occasione dell’Assemblea di venerdì il Museo illustrerà il programma d’attività futuro. Si ripartirà con una mostra inedita e prestigiosa
Luganese
4 ore

Dfa, consegnati i premi del Lions club Ceresio

I riconoscimenti per le migliori tesi di Bachelor sono stati attribuiti a Martina Poggi (Scuola elementare) e a Sofia Pisottu (Scuola dell’infanzia)
Grigioni
5 ore

Frana in Val Calanca: sgombero a pieno regime

Le previsioni meteo potrebbero compromettere la riapertura della strada attesa per la fine di settimana
Luganese
17 ore

Campione d’Italia in versione Natale 2022 fra musica e doni

Doppio appuntamento, giovedì 8 e domenica 18 dicembre, nell’enclave con la ‘Casa di Babbo Natale’ e tanto altro
Luganese
19 ore

I pompieri di Melide celebrano Santa Barbara

Patrona di minatori e vigili del fuoco; la cerimonia si è svolta presso la sede intervento Ffs
Locarnese
20 ore

Moghegno, 14esima edizione della Via dei presepi

Da domenica al 6 gennaio saranno esposte al pubblico, nelle pittoresche vie del nucleo, 25 natività realizzate con tecniche e materiali tra i più svariati
Bellinzonese
20 ore

Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre

Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
laR
 
25.01.2021 - 20:22
Aggiornamento: 21:05

Il Borghetto di Giubiasco perde altri pezzi

Apri-chiudi di negozi sulla via: prossimamente abbasseranno la saracinesca una lavanderia, un negozio di alimentari e un'enoteca

il-borghetto-di-giubiasco-perde-altri-pezzi
Ti-Press

Chi ha l’abitudine di passeggiare lungo la via Borghetto di Giubiasco se ne sarà reso conto: negli anni le vetrine affacciate sulla strada hanno cambiato insegna più volte. I piccoli negozi non hanno vita facile, la concorrenza online e dei grandi centri commerciali ha mietuto vittime un po’ in tutto il Ticino. E l’arrivo del Covid-19 per molti è stato il colpo di grazia. La crisi non ha risparmiato nemmeno il cuore pulsante dei commerci di Giubiasco che a breve perderà altri pezzi. Fra pochi giorni chiuderà infatti l’enoteca The Winery e nei prossimi mesi abbasseranno le serrande anche un negozio di specialità alimentari, aperto soltanto quest’estate, e una lavanderia. Nell’anno appena concluso invece hanno terminato la loro attività un negozio di abbigliamento militare, chiuso pochi mesi dopo l’apertura, e un chiosco. Porte chiuse definitivamente anche al ristorante pizzeria Centrale che ha concluso la sua attività due anni fa. La pandemia, dicevamo, per molti ha peggiorato gli affari, come nel caso dell’enoteca The Winery, aperta due anni e mezzo fa. Per la responsabile Monica Lo Bianco, con l’entrata in scena del coronavirus, il lavoro è calato, tanto da trovarsi in difficoltà a pagare l’affitto. La scelta è stata quindi quella di abbassare la saracinesca e continuare con la vendita di vini online e consegne a domicilio. Uno dei principali problemi riscontrati dalla clientela dell’enoteca era, peraltro, la mancanza di posteggi nelle immediate vicinanze del negozio. Per chi acquista dei cartoni di vino, spiega la titolare, è piuttosto faticoso trasportarli fino ai posteggi più vicini, distanti comunque alcune centinaia di metri. 

‘Molto dipende dagli articoli venduti’

Qual è la causa del frequente susseguirsi di aperture e chiusure in via Borghetto? Ne abbiamo parlato con Sabrina Borella, membro di comitato della Società commercianti di Giubiasco, nonché titolare di una gioielleria proprio sulla via. «Negozi che aprono e chiudono ci sono in tutto il cantone e non solo qui», sottolinea la nostra interlocutrice. «È vero che in via Borghetto, non essendoci tantissimi commerci, una chiusura balza subito all’occhio», afferma. Il problema, continua Borella, non sta secondo lei nella mancanza di posteggi: «Anzi, ritengo che nelle vicinanze ce ne siano diversi». Anche riguardo agli affitti, non le risulta che questi siano troppo alti, essendo peraltro abbastanza datati gli edifici presenti nella via. Una possibile causa di chiusura sarebbe da ricondurre anche al tipo di commercio aperto poiché, secondo Borella, non tutte le attività funzionano e molto dipende dagli articoli venduti. 

‘Il problema è la mentalità non il Covid’

Mentre per quanto concerne la situazione pandemica, la nostra interlocutrice risponde che la Società dei commercianti di Giubiasco non ha finora ricevuto segnalazioni riguardo a chiusure dovute al Covid-19. I problemi che toccano i commerci sono presenti già da prima dell’arrivo del coronavirus, spiega Borella. «È una situazione difficile aggravatasi negli anni. Il Covid non c’entra, e anzi alcuni negozi, come quelli che vendono viveri, hanno addirittura lavorato di più perché le persone non possono recarsi oltre confine a fare acquisti». Borella ricorda l’importanza di sostenere i piccoli commerci, ad esempio evitando di acquistare articoli online. «È un problema di mentalità, ma la popolazione dovrebbe capire che di questo passo si camminerà per strada con i negozi chiusi». E il riferimento non è alle chiusure provvisorie imposte attualmente dalle autorità per contenere il contagio del virus.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved