in-leventina-prospettive-positive-ma-servono-posti-di-lavoro
Lo spopolamento in Leventina sembra essersi fermato (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
gallery
Mendrisiotto
21 min

Furgone prende fuoco a Rancate

Il veicolo si trovava sul piazzale di una carrozzeria. Le fiamme hanno intaccato anche un’auto posteggiata a lato.
Ticino
1 ora

Dopo qualche ora di tregua tornano le code al San Gottardo

In occasione del fine settimana dell’Ascensione anche le Ffs non escludono difficoltà per i viaggiatori
Bellinzonese
15 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
17 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
17 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
17 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
17 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
17 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
17 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
18 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
19 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
19 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
20 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
21 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
21 ore

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
22 ore

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
23 ore

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
1 gior

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
1 gior

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
1 gior

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
1 gior

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
1 gior

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
1 gior

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
1 gior

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
1 gior

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
1 gior

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
1 gior

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
1 gior

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
1 gior

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
Luganese
1 gior

Il Circo Knie e il futuro: quale terreno per il carrozzone?

Interrogazione al Municipio di Lugano del consigliere comunale Ppd Luca Campana per conoscere la prossima destinazione degli spettacoli
Luganese
1 gior

Scollinando in compagnia per la dodicesima volta

Si terrà domenica 12 giugno l’evento enogastronomico che si dispiega in undici comuni della collina Nord di Lugano
Bellinzonese
1 gior

Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona

La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
1 gior

‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’

Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
Luganese
1 gior

Polizia del Vedeggio: il clima si fa più teso

Cresce il malumore all’interno del Corpo dopo l’inchiesta amministrativa. E il vicecomandante, sospeso, ricorre al Consiglio di Stato
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione: Ppd, Lega e Udc tirano dritto e firmano

In Gestione accelerata sulla riduzione del balzello chiesta dai popolari democratici. Gli altri partiti: una forzatura, mancano le risposte del governo
Luganese
1 gior

Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’

Non piace la promenade, che invece di essere a lago si snoderebbe accanto alle strade esistenti a monte. Inoltrate a Palazzo civico le osservazioni
30.01.2021 - 17:10

In Leventina prospettive positive, ma servono posti di lavoro

I sindaci di Faido, Airolo e Quinto non si ricandidano alle prossime elezioni comunali. Tra progetti andati in porto e altri sfumati il bilancio è buono.

I sindaci di Faido, Quinto e Airolo hanno deciso già più di un anno fa di non ripresentarsi alle elezioni comunali, dopo diversi anni in cui hanno vissuto i cambiamenti avvenuti in Leventina. Tra progetti andati in porto, altri sfumati e non da ultimo la pandemia che prolungato di un ulteriore anno il loro mandato, il bilancio è tutto sommato positivo. E anche il futuro sembra essere indirizzato sui binari giusti. 


Da sinistra Roland David, Franco Pedrini e Valerio Jelmini (Ti-Press)

Faido

Roland David: ‘Fusione molto importante’

«Grazie all’aggregazione abbiamo sviluppato una capacità progettuale migliore e acquisito una maggiore forza contrattuale». Roland David (Ppd), che lascerà la carica dopo 29 anni da municipale di Faido, di cui 21 da sindaco, è ottimista sul futuro della Media Leventina: oggi «possiamo garantire una buona qualità di vita su un territorio interessante». In ogni caso, la sfida futura è quella di riuscire a «creare nuovi posti di lavoro» che permetterebbero di «rendere ancora più attrattiva la regione».

David dopo aver annunciato quasi due anni fa (aprile 2019) la decisione di non ripresentarsi alle prossime elezioni comunali, nel frattempo non ha cambiato idea. «Sono ancora convinto di questa scelta», afferma. «È giusto cedere il testimone, prima che diventi una routine e che si perda la motivazione». La pandemia di coronavirus ha però costretto il sindaco a prolungare il suo mandato di un anno. «Anche se eravamo arrivati a tre settimane dalle elezioni (poi rinviate, appunto, al 18 aprile 2021,ndr) e la testa era ormai già altrove, restare in carica non è stato un peso. È subentrato un senso di responsabilità: in un momento difficile bisognava garantire la continuità e l’esperienza mi ha aiutato a far funzionare bene le cose anche in una situazione di emergenza. È anche stato un anno interessante, visto che abbiamo dovuto affrontare nuove problematiche e ha pure permesso di avviare ulteriori progetti a favore della regione».

‘Puntare su servizi e turismo’

In quasi 30 anni, ovvero da quando David è entrato nell’esecutivo di Faido, come è cambiata la Media Leventina? «Vi è stato un cambiamento profondo della nostra realtà», risponde il sindaco. «Dagli anni 90 a oggi la Leventina ha perso diversi abitanti. E questo è dovuto in particolare alla dismissione di molti posti di lavoro pubblici o parapubblici. Ora, però, l’impressione è che la situazione si sia stabilizzata e che lo spopolamento si sia concluso. È però chiaro che qualsiasi progetto che crea occupazione può fare la differenza e su questo bisogna lavorare». In particolare, David ritiene che «la Media Leventina dovrebbe puntare sui servizi e sul turismo». Due concetti che sono «legati fra loro» come dimostra ad esempio il mantenimento della vecchia linea del San Gottardo che almeno per i prossimi 10 anni sarà garantita e gestita dalla Südostbahn. L’auspicio è che «nascano ancora una serie di attrazioni in modo che la ferrovia possa essere utilizzata sempre di più, così da rendere ancora più allettante la nostra regione sia a livello di residenza primaria, sia in ambito turistico».

Per David è stata l’aggregazione all’origine di molti progetti andati in porto sotto il suo sindacato. «Con la fusione abbiamo cambiato marcia: abbiamo ad esempio acquisito gli impianti turistici di Carì, fondamentali per promuovere la montagna, e realizzato la copertura della pista di ghiaccio di Faido che si sta rivelando un investimento molto azzeccato. A livello energetico abbiamo poi riscattato le linee della Società elettrica sopracenerina, dandole in gestione alla Cooperativa elettrica di Faido. È stato un passo interessante verso l’autonomia energetica del nostro Comune e ha inoltre generato posti di lavoro».

Quali i rammarichi invece? «Una delusione che pesa riguarda il Museo cantonale di storia naturale: ci siamo battuti molto per portarlo a Faido, ritenendo la nostra candidatura estremamente valida, ma purtroppo è stato deciso altrimenti (ndr: come sede il Consiglio di Stato ha optato per Locarno)».

Anche per quanto riguarda il ricambio generazionale nella politica, David è ottimista: «L’aggregazione ha portato un nuovo entusiasmo anche da questo punto di vista. C’è un gruppo trasversale di giovani con tanta energia che è pronto a mettersi in gioco con la voglia di mettersi a disposizione e lavorare a favore della propria comunità».

Airolo

Franco Pedrini: ‘Ottimo sostegno tra Comuni’

In Alta Leventina l’aggregazione non è andata in porto. Tuttavia, «in tutte le circostanze nelle quali è emersa la necessità fra i vari Comuni di cooperare, siamo sempre riusciti a trovare una collaborazione». Per Franco Pedrini (Ppd), che lascerà la carica di sindaco di Airolo dopo 13 anni, questi «ottimi rapporti» hanno permesso di realizzare importanti progetti a livello regionale. Progetti che rendono il sindaco «fiducioso» per il futuro, visto che permetteranno di «rendere più attrattiva la vita ad Airolo».

Nell’ottobre del 2019 Pedrini aveva fatto la sua scelta: alle prossime elezioni comunali non si ricandiderà. «Ho dato tutto quello che potevo dare e ora sono arrivato al punto in cui forze e motivazione vengono un po’ meno». Anche nel suo caso la pandemia ha prolungato di un anno il mandato, visto il rinvio delle Comunali 2020. «Avevo già sbarazzato l’ufficio. Ma ovviamente non mi sono tirato indietro, anche se ho faticato a rimettermi in gioco». In ogni caso si tratta di un buon momento per passare il testimone, perché coincide con l’inizio dei lavori di progettazione nell’ambito della riqualifica del fondovalle che permetterà alla nuova gestione comunale di guidare l’esecuzione dall’inizio alla fine». Il progetto, avallato da Cantone e Confederazione, prevede di utilizzare gli inerti provenienti dalla costruzione del secondo tubo del San Gottardo per coprire l’autostrada, destinando così il terreno recuperato all’agricoltura, alle attività turistico-sportive e allo svago.

Pedrini ricorda che quando è entrato in carica 13 anni fa «l’Alta Leventina attraversava una fase di demotivazione generale: vi era una certa disaffezione a causa di chiusure di attività di servizio pubblico che hanno portato alla perdita di posti di lavoro e quindi anche allo spopolamento». Ora, invece, «ci sono interesse, positività e prospettive per il futuro». Infatti, «si inizia a intravedere un ritorno della gente in valle».

‘L'acquisto degli impianti di risalita ha rilanciato l'alta valle’

Ma quali sono stati i progetto più importanti andati in porto? «Siamo ad esempio riusciti, assieme al collega di Quinto, ad acquistare gli impianti di risalita di Airolo, fondando la società Valbianca». Ciò ha permesso di «rilanciare l'alta valle, in particolare a livello di turismo invernale. Un altro grosso progetto, nel quale è coinvolto anche Quinto, riguarda la nuova centrale idroelettrica del Ritom (i lavori dovrebbero terminare nel 2023, ndr) che ha portato lavoro e anche un po’ di ossigeno alle casse dei due Comuni». Sempre a livello energetico, il sindaco ricorda il parco eolico sul San Gottardo, la messa in servizio di due microcentrali, così come la rete di teleriscaldamento dotata di nuova centrale termica a cippato di legna che «è stata accolta molto bene dalla popolazione». Pedrini cita poi «la Valascia: un progetto regionale che ha messo in evidenza la solidarietà dei Comuni dell’Alta Leventina, i quali hanno permesso di avviare la costruzione del nuovo stadio». Infine, pure «la sistemazione del tratto autostradale tra Airolo e Varenzo ha avuto degli effetti benefici per le ditte del posto permettendo pure di creare qualche posto di lavoro». Fra i rimpianti vi è invece, la mancata realizzazione, dopo lunghe trattative, «di uno stabile per l’imbottigliamento dell’acqua minerale direttamente sul nostro territorio».

In ogni caso il sindaco è fiducioso: «La riqualifica del fondovalle permetterà di destinare terreni a tutta una serie di attività (come spa, percorsi pedonali, ecc.) che renderanno la regione più attrattiva sia a livello turistico, ma anche a livello residenziale». In questo senso, la vecchia linea ferroviaria del San Gottardo, la cui gestione è garantita dalla Südostbahn, «avrà sicuramente un impatto positivo». Per quanto riguarda il ricambio generazionale in politica, «anche se in generale oggi i giovani hanno altri interessi, ne abbiamo comunque trovato alcuni disposti a mettersi in lista e a portare avanti la cosa pubblica in modo competente e con la voglia di fare».

Quinto

Valerio Jelmini: ‘Uniti sarebbe meglio’

«Sono stato e sarò sempre un sostenitore dell’aggregazione in Alta Leventina». Valerio Jelmini (Plr) – entrato in Municipio a Quinto nel 2000, divenendo sindaco nel 2008 – è convinto che una fusione possa «dinamizzare la conduzione dei Comuni coinvolti, vivacizzando così la politica». Una politica che altrimenti tende a essere esclusivamente portata avanti pensando a se stessi e meno a progetti che potrebbero portare «un maggiore indotto e posti di lavoro a un’intera regione».

Jelmini ha annunciato ormai più di un anno fa che non si sarebbe ripresentato alle Comunali e nel frattempo non ha cambiato idea: «Bisogna essere capaci di mollare nel momento in cui l’entusiasmo viene un po’ meno, lasciando così spazio ad altre idee e dando anche la possibilità alle nuove generazioni di entrare in politica». E il fatto di essere dovuto restare sindaco un anno in più a causa della pandemia che ha posticipato le elezioni comunali non ha pesato particolarmente: «L’ho fatto volentieri, anche se ero già pronto a lasciare l’incarico e ho dovuto riprendere in mano alcuni dossier che volevo fossero ripresi dal nuovo Municipio. Ho sempre lavorato con piacere e ho ottenuto anche molte soddisfazioni».

Speranze per il decollo della zona industriale di Piotta

Soddisfazioni come sostenere «il nuovo stadio dell’Ambrì-Piotta», anche se la sua costruzione «non è stata merito di Quinto». Questo progetto, oltre ad aver generato lavoro, «permetterà all’Hcap di proseguire la sua attività a livello agonistico, garantendo una cinquantina di impieghi e un indotto a livello cantonale di 12-13 milioni di franchi all’anno». Vi sono poi altri progetti di stampo regionale che hanno portato più occupazione ed entrate finanziarie: «Come il salvataggio con Airolo degli impianti di risalita di Pesciüm, la nuova centrale idroelettrica del Ritom e i cantieri autostradali». In ambito comunale, Jelmini ricorda «la rete di teleriscaldamento, un vettore energetico a emissioni zero di cui potranno anche beneficiare le ditte che si installeranno nella zona industriale; la micro-centrale idroelettrica di Busnengo; l’ostello di 70 posti presso la Casermetta e il nuovo Centro servizi comunali». Tra i rimpianti, invece, oltre alla mancata concretizzazione dell’aggregazione – che non è andata in porto probabilmente «a causa, tra l’altro, del timore che venisse a mancare l’aspetto della prossimità dei servizi» – vi è pure il mancato decollo della zona industriale di Piotta. Anche se «all’ultimo minuto un privato ha comprato parte di quest’area, ciò che mi fa ben sperare».

Jelmini è quindi fiducioso per il futuro dell’alta Leventina: «Siamo usciti da quella fase in cui vi era solo frustrazione a causa della perdita di posti di lavoro federali e di chiusure». Frustrazione che ha anche portato a uno spopolamento della valle che però negli ultimi anni è rallentato, dando spazio anche al fenomeno inverso: «Notiamo che vi è interesse a tornare, per aprire una nuova attività o anche solo per fuggire un po’ dalle città. La pandemia ha poi anche dimostrato che grazie all’home office si può lavorare senza per forza recarsi nei grandi centri. E infatti ci sono sempre più persone interessate ad acquistare abitazioni nella regione». Infine, anche se non sono molti, vi sono giovani che «si affacciano volentieri alla politica e questo mi fa essere ottimista». Jelmini trae un bilancio più che positivo della sua esperienza in politica e la consiglia, visto che ha anche imparato molto. Particolarmente importante, e non scontata, è la capacità «di mettersi d’accordo che ti sprona a trovare soluzioni adatte a tutti». 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
airolo elezionicomunali faido franco pedrini quinto roland david valerio jelmini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved