vaccinazione-alle-scuole-nord-anziani-separati-dai-bambini
Bellinzona è uno dei 32 centri regionali indicati dal Cantone (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

L'incallito ladro lituano che colpì in mezza Svizzera

È stato condannato a 2 ani e 8 mesi dalle Assise criminali ticinesi: il primo colpo lo commise nel Cantone
Ticino
3 ore

Dpd, Verdi del Ticino: 'Libero mercato, libero sfruttamento?'

I Verdi del Ticino esprimono solidarietà a lavoratori e lavoratrici della Dpd per le condizioni lavorative 'inaccettabili'
Ticino
3 ore

Emergenza lavoro, ‘Ci vuole una strategia della solidarietà’

Nel quarto trimestre dell’anno sono andati persi - solo in Ticino - 10 mila impieghi a fronte dei 23 mila andati in fumo a livello nazionale
Luganese
3 ore

La Città di Lugano aderisce al progetto Smartvote

Per le prossime elezioni comunali i candidati potranno creare il proprio profilo rispondendo a un questionario sui vari temi politici
Ticino
4 ore

Piste da sci e terrazze: ‘Si voleva evitare una crisi’

Gobbi spiega le ragioni che hanno portato ad adeguarsi alle disposizioni federali. I gestori degli impianti: ‘c'è grande incertezza’
Mendrisiotto
4 ore

'Alla scuola di Morbio il clima è tranquillo'

Parla Claudia Canova, sindaco del paese. Al momento si tratta di un solo caso in una classe di quinta elementare
Luganese
4 ore

Lugano, pigioni moderate: scelti i vincitori per Lambertenghi

La Cooperativa Vivere Lambertenghi si aggiudica il concorso per costruire nell'omonimo quartiere un edificio di sette piani con venticinque appartamenti
Luganese
4 ore

Da lunedì apre a Lugano la mostra Da Vinci Experience

L'esposizione multimediale visitabile fino al 30 maggio al Centro esposizioni
Ticino
5 ore

Coronavirus o meno, i radar rimangono sempre aperti

Ecco le località nelle quali la prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari in Ticino
Locarnese
5 ore

Bosco Gurin chiude la stazione sciistica

Frapolli annuncia che da lunedì gli impianti saranno fermi. La causa è il divieto di apertura delle terrazze dei ristoranti sulle piste
Locarnese
5 ore

Locarno, il Salva lancia la campagna sostenitori

Tramite volantino la popolazione viene informata sui vantaggi di una copertura sostenibile. I fondi raccolti consentono di migliorare la qualità del servizio
Bellinzonese
21.01.2021 - 13:070
Aggiornamento : 19:48

Vaccinazione alle Scuole Nord: anziani separati dai bambini

Il Comune di Bellinzona risponde ai dubbi rivolti dall'Mps al governo sulla soluzione individuata e che sarà attiva da domani. Un allievo positivo al Covid

È opportuno organizzare alle Scuole Nord di Bellinzona il centro vaccinazione di prossimità avvicinando le fasce di popolazione anziane ai 500 allievi e ai 50 docenti col conseguente rischio di contagi, specie se si considera che la variante inglese è estremamente contagiosa fra i giovani? L’interrogativo – cui si aggiunge la presenza di almeno un allievo di quarta risultato positivo al Covid negli ultimi giorni – viene posto al Consiglio di Stato dal Movimento per il socialismo. In attesa di apprendere la risposta governativa, aiuta a comprendere meglio la situazione la spiegazione che abbiamo sollecitato e ottenuto dal Comune. Sul piano logistico – rileva il segretario comunale Philippe Bernasconi – lo spazio scelto è quello dell’aula magna che non si trova all’interno dell’edificio scolastico ma ne è una parte laterale. Il percorso di accesso delle persone dirette alla vaccinazione, aggiunge, sarà predisposto in modo tale da risultare separato da quello abitualmente seguito da allievi e docenti, anche durante le pause e le ricreazioni, così da escludere il rischio di eventuali incroci e contatti. Quanto ai motivi che hanno indotto a optare per l’aula magna delle Scuole Nord, vengono citati il fatto di essere abbastanza centrale, di disporre di posteggi nelle vicinanze, di essere servita dai mezzi pubblici e di essere munita del collegamento internet necessario all’informatizzazione della procedura.

600 dosi e tre corsie

«Considerati questi fattori, nonché l’urgenza di dover predisporre in pochi giorni un servizio che dovrà a tutti gli effetti essere operativo da venerdì 22 adottando i dovuti accorgimenti – rileva Bernasconi – abbiamo ritenuto che quella scelta fosse la soluzione migliore». Sono 600 le dosi messe a disposizione della Città di Bellinzona in questa prima fase di vaccinazione riservata alle persone con più di 80 anni e ai loro conviventi over 75, facendo capo al prodotto Moderna che richiederà una seconda somministrazione dopo 28 giorni. Si parte domani (venerdì 22) per concludere lunedì 25 o al più tardi martedì 26 gennaio. Tre ore e mezza il mattino dalle 9 alle 12.30 e quattro ore mezza il pomeriggio dalle 13.30 alle 18. Saranno predisposte tre corsie di vaccinazione, il tutto coordinato e supervisionato da un medico e con il coinvolgimento di infermieri della Croce Verde di Bellinzona per l’esecuzione delle iniezioni.

Il coinvolgimento dei medici

Quanto al coinvolgimento dei medici, si sono incrociate nei giorni scorsi informazioni un po’ contraddittorie fra loro: da una parte fra Ordine dei medici e loro affiliati, dall’altra le indicazioni del Cantone. Quest’ultimo ha deciso di creare nei Comuni più importanti 32 centri regionali nei quali far confluire i medici messisi a disposizione. Motivo: razionalizzare il trasporto e la messa a disposizione delle svariate migliaia di dosi, che vanno gestite con le debite precauzioni. L’Ordine di categoria, e non pochi professionisti l’hanno capita così, ha invece comunicato l'eventualità di poter vaccinare nei rispettivi studi. Alla fine, prevalendo la via indicata dal Cantone, dei 18 medici messisi inizialmente a disposizione nel comprensorio bellinzonese ne sono rimasti pochi e causa delle difficoltà degli stessi a sospendere per un certo numero di ore le attività già programmate nei rispettivi studi. Riassumendo: un medico supervisionerà la vaccinazione nella palestra delle Scuole Nord durante una giornata, e un secondo medico per le restanti due o tre giornate. In questa prima fase di vaccinazione, cui ha aderito il 50% della fascia over 80 del Ticino, il paziente non sarà quindi vaccinato dal proprio medico di famiglia (questo potrebbe avvenire più in là nel tempo, non ora). In tal senso nei giorni scorsi è emerso qualche dubbio sul fatto di poter vaccinare persone anziane che non si conoscono: potrebbe dunque essere necessaria, sul posto, un'anamnesi persona per persona.

© Regiopress, All rights reserved