vaccinazione-alle-scuole-nord-anziani-separati-dai-bambini
Bellinzona è uno dei 32 centri regionali indicati dal Cantone (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
3 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
3 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
3 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
3 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
4 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
4 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
4 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
4 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
4 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
5 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
21.01.2021 - 13:07
Aggiornamento: 19:48

Vaccinazione alle Scuole Nord: anziani separati dai bambini

Il Comune di Bellinzona risponde ai dubbi rivolti dall'Mps al governo sulla soluzione individuata e che sarà attiva da domani. Un allievo positivo al Covid

È opportuno organizzare alle Scuole Nord di Bellinzona il centro vaccinazione di prossimità avvicinando le fasce di popolazione anziane ai 500 allievi e ai 50 docenti col conseguente rischio di contagi, specie se si considera che la variante inglese è estremamente contagiosa fra i giovani? L’interrogativo – cui si aggiunge la presenza di almeno un allievo di quarta risultato positivo al Covid negli ultimi giorni – viene posto al Consiglio di Stato dal Movimento per il socialismo. In attesa di apprendere la risposta governativa, aiuta a comprendere meglio la situazione la spiegazione che abbiamo sollecitato e ottenuto dal Comune. Sul piano logistico – rileva il segretario comunale Philippe Bernasconi – lo spazio scelto è quello dell’aula magna che non si trova all’interno dell’edificio scolastico ma ne è una parte laterale. Il percorso di accesso delle persone dirette alla vaccinazione, aggiunge, sarà predisposto in modo tale da risultare separato da quello abitualmente seguito da allievi e docenti, anche durante le pause e le ricreazioni, così da escludere il rischio di eventuali incroci e contatti. Quanto ai motivi che hanno indotto a optare per l’aula magna delle Scuole Nord, vengono citati il fatto di essere abbastanza centrale, di disporre di posteggi nelle vicinanze, di essere servita dai mezzi pubblici e di essere munita del collegamento internet necessario all’informatizzazione della procedura.

600 dosi e tre corsie

«Considerati questi fattori, nonché l’urgenza di dover predisporre in pochi giorni un servizio che dovrà a tutti gli effetti essere operativo da venerdì 22 adottando i dovuti accorgimenti – rileva Bernasconi – abbiamo ritenuto che quella scelta fosse la soluzione migliore». Sono 600 le dosi messe a disposizione della Città di Bellinzona in questa prima fase di vaccinazione riservata alle persone con più di 80 anni e ai loro conviventi over 75, facendo capo al prodotto Moderna che richiederà una seconda somministrazione dopo 28 giorni. Si parte domani (venerdì 22) per concludere lunedì 25 o al più tardi martedì 26 gennaio. Tre ore e mezza il mattino dalle 9 alle 12.30 e quattro ore mezza il pomeriggio dalle 13.30 alle 18. Saranno predisposte tre corsie di vaccinazione, il tutto coordinato e supervisionato da un medico e con il coinvolgimento di infermieri della Croce Verde di Bellinzona per l’esecuzione delle iniezioni.

Il coinvolgimento dei medici

Quanto al coinvolgimento dei medici, si sono incrociate nei giorni scorsi informazioni un po’ contraddittorie fra loro: da una parte fra Ordine dei medici e loro affiliati, dall’altra le indicazioni del Cantone. Quest’ultimo ha deciso di creare nei Comuni più importanti 32 centri regionali nei quali far confluire i medici messisi a disposizione. Motivo: razionalizzare il trasporto e la messa a disposizione delle svariate migliaia di dosi, che vanno gestite con le debite precauzioni. L’Ordine di categoria, e non pochi professionisti l’hanno capita così, ha invece comunicato l'eventualità di poter vaccinare nei rispettivi studi. Alla fine, prevalendo la via indicata dal Cantone, dei 18 medici messisi inizialmente a disposizione nel comprensorio bellinzonese ne sono rimasti pochi e causa delle difficoltà degli stessi a sospendere per un certo numero di ore le attività già programmate nei rispettivi studi. Riassumendo: un medico supervisionerà la vaccinazione nella palestra delle Scuole Nord durante una giornata, e un secondo medico per le restanti due o tre giornate. In questa prima fase di vaccinazione, cui ha aderito il 50% della fascia over 80 del Ticino, il paziente non sarà quindi vaccinato dal proprio medico di famiglia (questo potrebbe avvenire più in là nel tempo, non ora). In tal senso nei giorni scorsi è emerso qualche dubbio sul fatto di poter vaccinare persone anziane che non si conoscono: potrebbe dunque essere necessaria, sul posto, un'anamnesi persona per persona.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona over scuole nord separati vaccinazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved