NJ Devils
ARI Coyotes
01:00
 
NY Rangers
TOR Leafs
01:30
 
per-la-stan-una-mostruosita-il-terzo-binario-di-bellinzona
Così si presenterebbe la situazione dopo il 2027 con tanto di terzo binario, secondo tunnel sotto Montebello e la nuova fermata Tilo (Rendering Ffs)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
4 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
5 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
5 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
5 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
5 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
6 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
6 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
7 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
Luganese
7 ore

Liceo diocesano di Breganzona, aperte le iscrizioni

Serate di presentazione pubblica, tra i percorsi possibili anche quelli per musicisti e sportivi
Luganese
7 ore

Apre il 26 gennaio il Casinò di Campione d’Italia

La sala da gioco riapre i battenti con la formula ‘Tutto in un Touch’
Locarnese
7 ore

Ronco s/Ascona, posteggi gratuiti

Fino al 28 febbraio non si dovranno pagare gli stalli pubblici comunali muniti di parchimetro
Ticino
7 ore

Visita di cortesia del console d’Italia a Lugano

Gabriele Meucci, appena entrato in carica, ha incontrato per la prima volta le autorità cantonali
Locarnese
7 ore

Losone, lavori Ses e interruzione corrente

Il 28 gennaio l’erogazione sarà brevemente sospesa, nel corso del pomeriggio, tra Caraa Servetta e via San Materno
Locarnese
8 ore

Annullato il Carnevale di Ribellonia a Solduno

Il comitato sta valutando di organizzare al suo posto un evento estivo
Locarnese
8 ore

Riapre la Bottega del Mondo a Cavergno

Dopo la pausa natalizia, riprende l’attività benefica della sede alto-valmaggese
Locarnese
8 ore

Fart, treni soppressi la notte tra Muralto e Camedo

A causa di lavori notturni lungo la linea ferroviaria alcune corse serali verranno effettuate con autobus
Ticino
8 ore

‘Chi frequenta i corsi base raramente selezionato dalle aziende’

La Società impiegati di commercio è favorevole al superamento dei livelli alla scuola media
 
27.01.2021 - 09:450
Aggiornamento : 17:15

Per la Stan una ‘mostruosità’ il terzo binario di Bellinzona

Sebbene migliorato in alcune componenti, il progetto bis suscita le ire della Società ticinese per l'arte e la natura di nuovo oppostasi

“Una mostruosità” il terzo binario previsto a sud della stazione di Bellinzona in direzione di Giubiasco, con tanto di secondo tunnel sotto Montebello e nuova fermata Tilo dietro piazza Indipendenza. Ne è convinta la Società ticinese per l’arte e la natura (Stan) che con un seconda opposizione inviata nelle scorse settimane all’Ufficio federale dei trasporti (Uft) impugna anche la pubblicazione bis dei piani fatta dalle Ffs nel mese di dicembre inserendo migliorie rispetto a quella d’inizio 2019; fra tutte il rientro nei limiti dell’elettrosmog nella palestra delle Elementari sud. In quell’occasione le opposizioni, ricordiamo, erano state 27; oggi se ne contano 16, tante se si considera che l’obiettivo era appunto affinare il progetto a fronte delle molte critiche emerse due anni fa. Dal canto suo la Stan – pur considerando la presentazione della seconda pubblicazione migliore della prima avendo incluso nella relazione tecnica anche gli aspetti architettonici – non indietreggia e anzi rincara la dose. “I pur lodevoli sforzi compiuti per migliorare l’effetto architettonico delle opere previste e migliorarne l’inserimento nel paesaggio, poco giovano per mitigare la sproporzione del volume complessivo delle opere che si pretende di forzare entro un tessuto urbano d’altra epoca che non lo sopporta”, riassume la Stan nell’opposizione firmata dal vicepresidente Benedetto Antonini e nella quale ribadisce l’improponibilità della seconda galleria di Svitto e boccia l’impatto urbanistico generale.

Collo di bottiglia e aggiramento sul Piano

Partiamo dalla questione di fondo, ossia dalla presunta necessità del terzo binario, dichiarato indispensabile dalle Ffs per risolvere il ‘collo di bottiglia’ bellinzonese sull’asse del Gottardo, restringimento nel quale devono oggigiorno convivere, con impedimento per entrambi, il traffico merci e quello passeggeri (il secondo a lunga e breve distanza). “Tutti gli operatori sembrano aver preso come un fatto ineluttabile e indiscutibile la questione di principio che il terzo binario s’ha da fare”, obietta la Stan criticando l’atteggiamento delle autorità federali che per motivi di budget hanno rinviato a dopo il 2040 o 50 la possibile realizzazione della prevista circonvallazione ferroviaria della capitale ticinese sul Piano di Magadino, con un tunnel fra Gnosca e Sementina e una nuova linea fino al portale nord di Camorino, a suo tempo indicata con tanto di stazione. “Si pensi solo che per dimostrare che la richiesta di realizzare parzialmente la galleria di aggiramento di Bellinzona per i treni merci sarebbe finanziariamente sproporzionata”, nel dossier “si accampa una cifra di realizzazione di 10 miliardi di franchi, quando in realtà ne occorrerebbe al massimo meno di un quinto”, calcola la Stan. Quanto al prospettato terzo binario, “creerà effetti nocivi e molesti alla popolazione residente nel centro storico, fa a pugni con le disposizioni della Legge sulla protezione dell’ambiente, è in grave contrasto con le disposizione Unesco, con i disposti dell’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d'importanza nazionale (Isos) e con la tutela federale e cantonale dei castelli e loro murate”. Stesso discorso per la prevista nuova fermata Tilo: “Nulla di ciò che si è potuto consultare informa sulla sua opportunità. Non un piano che indichi il potenziale comprensorio degli interessi prioritari, non uno studio sulle linee di desiderio dell’utenza potenziale, nessuna quantificazione a comprova dell’economicità dell’investimento. E fa specie notare la scarsità, per non dire l’inesistenza dei servizi che solitamente rendono una fermata attrattiva per ogni categoria d’utenza: non una stazione taxi, non una fermata autobus (ndr: già presenti nella vicina piazza), non un deposito per le biciclette. Insomma, una stazione al ribasso”.

Inserimento ordinato e armonioso?

La Stan biasima poi il fatto che a suo dire il progetto mostri in modo insufficiente – e da punti di vista non corrispondenti alla realtà o possibili soltanto utilizzando dei droni – volumi, colori e materiali che s’intende applicare: “La questione è enorme, poiché qui si parla di costruzioni lunghe 1’800 metri, alte tra muri e ripari fonici oltre 4 metri e in certe tratte anche 9. Committenti e progettisti non sembrano essersi posti il quesito a sapere se questo ‘edificio’ s’inserisca urbanisticamente e architettonicamente, in modo ordinato e armonioso, nel territorio cittadino, nel nucleo storico di Bellinzona, insediamento protetto con la nota A (obiettivo di salvaguardia) dall’Isos e dunque dalla Confederazione”. Un dettaglio esemplificativo: nei disegni “gli indispensabili pali che sorreggono la linea di contatto e i fili medesimi che ingombrano qualsiasi veduta o fotografia sono rigorosamente assenti”.

Mitigare il nuovo ‘squarcio’

Un capitolo viene poi riservato al tema Unesco che concerne il patrimonio della fortezza. La Stan lamenta il fatto che il Rapporto sull’impatto monumentale non sarebbe ancora stato approvato ufficialmente da parte dell’Unesco. In ogni caso non accetta il giudizio positivo secondo cui il “nuovo squarcio” nella murata necessario per attraversare con la seconda galleria la rocca di Montebello sarebbe mitigato e compensato da abbellimenti e interventi puntuali, quali la chiusura del varco pedonale praticato nella murata per poter accedere all’autosilo Cervia e l’aumento della visibilità verso la murata stessa.

‘Murata e collina manomesse’

Infine, la presunta mostruosità dell’opera: la Stan la motiva con la necessità di creare una piattaforma larga ben 28 metri e di posare pareti foniche ben più alte delle attuali (peraltro parzialmente in vetro che rifrangerebbe il rumore verso gli edifici sul lato opposto) destinate però a non contenere nei limiti di legge il rumore (ndr: su questo punto è pendente davanti alla Commissione federale di stima una richiesta di perizia approfondita). Pollice verso anche sui due nuovi portali sud e nord della prevista galleria, che la Stan teme dovranno essere completati da protuberanze necessarie a mitigare l’effetto pneumatico del passaggio dei treni dal tunnel verso l’esterno. Tutto ciò porta a concludere che “l’inserimento paesaggistico dei portali e della stazione non può dirsi né ordinato né armonioso”, considerando anche la “gravissima manomissione della murata sud e della collina rocciosa nord”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved