meno-spaccio-di-droga-ma-piu-alcol-e-farmaci
La sede di Antenna Icaro in via Zorzi 15 a Bellinzona (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
33 min

Locarno, 'il problema burkini non è di nostra competenza'

Sulla mozione di D'Errico-Caldara chiedente il divieto di questo indumento negli stabilimenti balneari comunali e nelle spiagge il Municipio è contrario
Luganese
3 ore

Polo sportivo, dalla Curva Nord intimidazioni ai contrari

Mentre a Lugano la politica si spacca e il Pse diventa il tema principale della campagna elettorale, sale alle stelle la tensione sui social
Locarnese
3 ore

Locarnese, nella marea delle richieste di aiuto

L’elenco dei sostegni elargiti come salvagenti nelle acque alte della pandemia è ampio, ma a lungo andare in molti rischiano di affondare
Locarnese
11 ore

‘Insicura’. ‘No, conforme’. La ciclopista è un saliscendi

Per la nuova corsia cantonale Mappo-Verbanella a Minusio il Municipio auspica da mesi ulteriori interventi del Cantone. Che però non ci sente
Ticino
12 ore

'Formazione teorica e gratuita per i detentori di cani'

Dopo la decisione del 2016 delle Camere federali ('un errore'), la maggioranza della Costituzione e leggi chiede al Consiglio di Stato di (re)introdurre in Ticino il corso
Luganese
12 ore

Fiamme all'esterno di un magazzino in via Stazione a Cadro

L'incendio è divampato oggi verso le 17. I pompieri di Lugano hanno domato il rogo prima si propagasse agli stabili adiacenti. I danni sarebbero contenuti
Ticino
12 ore

Vaccinazioni: Modello inglese? Non in Ticino

Il farmacista cantonale: ‘Non ci sono studi che dimostrano l'efficacia di questo schema’
Ticino
12 ore

Aiuti alla stampa, per il governo bastano quelli di Berna

Secondo il Consiglio di Stato la mozione Jelmini ‘per un’informazione a km 0’ sarebbe di fatto evasa. Delusa l’Associazione ticinese dei giornalisti
Bellinzonese
12 ore

Riapre i battenti, con Vicari, la Casa Rotonda di Corzoneso

Dal 6 marzo e fino al 13 giugno prolungata la mostra con immagini scattate dal celebre fotografo luganese
Ticino
12 ore

'L'Ufficio di statistica rimanga nel Dfe'. Ma il Ps non ci sta

La maggioranza della commissione respinge la proposta di Simona Arigoni Zürcher (Mps-Pop-Indipendenti). I socialisti annunciano un rapporto di minoranza
Mendrisiotto
13 ore

Palazzo Turconi ha fatto spazio alla biblioteca

Il servizio ha traslocato nell'edificio. A disposizione di un patrimonio di libri e documenti ci sono 1'800 metri quadri
Bellinzonese
13 ore

Bellinzona e progetto Chiè d’Lena: ‘Sia abbandonato’

Dal Consiglio comunale la voce critica di Luigi Calanca, che chiede lumi sul previsto investimento milionario e sull'utilizzo come scuola montana
Ticino
13 ore

Covid, ‘In Ticino scuola in presenza finché sarà possibile’

Nel frattempo alcune zone italiane confinanti con la Svizzera hanno reintrodotto la didattica a distanza a causa dell'aumento dei contagi
Luganese
13 ore

Caslano, nuova perizia psichiatrica sull'omicida

Secondo un nuovo referto il giovane che uccise sua nonna può beneficiare di una scemata imputabilità di grado medio. Il caso torna in Appello
Bellinzonese
21.01.2021 - 05:500
Aggiornamento : 19:50

Meno spaccio di droga, ma più alcol e farmaci

In tempo di Covid-19, con più difficoltà a reperire la sostanza c'è chi cambia abitudini di consumo. Intervista a Martin Hilfiker responsabile di Antenna Icaro

Fare i conti con la propria dipendenza in tempo di pandemia può essere ancora più difficile. Con le restrizioni in atto per arginare la diffusione dei contagi da coronavirus, per i tossicodipendenti è diventato più arduo procurarsi la sostanza. Per alcuni il consumo diminuisce, di conseguenza aumenta però la lucidità e la sensazione di angoscia. Per altri, la difficoltà nel reperire la sostanza porta invece a un incremento del consumo di altre sostanze legali e facilmente reperibili, come alcol e farmaci. Di questo fenomeno, ma non solo, abbiamo parlato con Martin Hilfiker, direttore del Servizio per le dipendenze da sostanze di Associazione Comunità familiare, che su mandato cantonale opera a Bellinzona (in via Franco Zorzi 15) e Muralto con le attività di Antenna Icaro e ad Arbedo-Castione con il Laboratorio21 (in via Stazione 21). «Da quanto ci riferiscono gli utenti, durante il periodo del lockdown vi è stata una difficoltà nel reperire le sostanze. Meno movimento di persone sul suolo pubblico e maggiore presenza di forze dell’ordine sembrano aver disincentivato il traffico di sostanze nei luoghi pubblici», evidenzia Martin Hilfiker. Le mutate abitudini nella disponibilità e reperibilità delle sostanze stupefacenti, spiega il direttore del Servizio, hanno fatto sì che alcuni utenti abbiano cambiato le loro abitudini di consumo, riducendolo o integrandolo con altre sostanze. Altri hanno invece subìto l’assenza della sostanza poiché l’astinenza ha comportato per loro effetti negativi sia a livello fisico che psicologico. Le conseguenze sono state molteplici; alcuni hanno dovuto accedere al pronto soccorso per consultazioni e in alcuni casi si sono resi necessari ricoveri psichiatrici. Tuttavia, il direttore constata che il numero di utenti che si rivolgono al Servizio per le dipendenze è rimasto costante negli ultimi mesi e si attesta sempre intorno alle 400 persone, più 150 familiari, che sono indirettamente toccati dal problema.

Sostegno abitativo a domicilio

Nonostante le restrizioni in vigore, il lavoro per la trentina di collaboratori – tra cui operatori sociali, infermieri, psicologi, psichiatri e personale amministrativo – attivi nei due centri di competenza e nel laboratorio non si è fermato. «Anzi, siamo stati confrontati con alcune accelerazioni. Nelle due sedi di Antenna Icaro e al Laboratorio21 sono in vigore dei Piani di protezione che indicano gli accorgimenti da adottare per salvaguardare la salute dei collaboratori e degli utenti». Ad ogni utente in entrata alle strutture viene misurata la temperatura corporea e fornita una mascherina. In caso di impossibilità a frequentare fisicamente le strutture, gli utenti vengono raggiunti nelle loro abitazioni dagli operatori del sostegno abitativo. Tale servizio è finalizzato ad aiutare gli utenti a sviluppare e mantenere un’autonomia nella propria abitazione, garantendo loro condizioni di vita dignitose. Durante il primo lockdown, Laboratorio21 ha inoltre preparato e consegnato al domicilio degli utenti due pasti alla settimana. Questo laboratorio offre, ai circa 30 utenti attivi, la possibilità di un’esperienza lavorativa in grado di aiutarli a riscoprire una dimensione personale e sociale spesso trascurata. Ciò viene fatto mediante progetti individuali nel laboratorio lavanderia, sartoria, spazio verde e cucina.

In assenza di contatti videochiamate

Per le persone che soffrono di dipendenza da sostanze avere un punto di riferimento come Antenna Icaro è fondamentale, soprattutto in un periodo di grande incertezza come quello attuale caratterizzato dalla presenza del coronavirus. Cosa è accaduto dunque quando, in occasione della prima ondata pandemica, il centro non ha potuto accogliere fisicamente gli utenti? Gli operatori del Servizio li hanno raggiunto telefonicamente e li hanno informati sulle nuove procedure da adottare in funzione dell’emergenza sanitaria. «Seguendo le indicazioni cantonali e federali ci siamo subito organizzati per evitare che i pazienti uscissero di casa e si recassero presso le sedi di Antenna Icaro a Bellinzona e a Muralto. Per l’erogazione delle prestazioni previste dalla Legge sugli stupefacenti abbiamo optato per la consegna a domicilio dei medicamenti prescritti dal nostro medico psichiatra», spiega Hilfiker. Un approccio che ha permesso al Servizio di mantenere il contatto con i pazienti, mediante incontri regolari e in sicurezza. «Parallelamente tutto il personale ha mantenuto regolari contatti telefonici e colloqui con tutti gli utenti». Il lockdown ha visto tutti confrontati con precise regole e restrizioni personali. «Sul piano psicologico questo è stato un importante tema di confronto e riflessione durante gli incontri con gli utenti». Gli strumenti digitali hanno permesso di accorciare le distanze e l’ascolto offerto dall’équipe tramite videochiamata ha sopperito in parte alla mancanza di contatti. «La paura del contagio – conclude Hilfiker – ha fortunatamente indotto molti utenti a restare responsabilmente a casa e i casi di test risultati positivi al Covid-19 sono stati pochi».

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved