meno-spaccio-di-droga-ma-piu-alcol-e-farmaci
La sede di Antenna Icaro in via Zorzi 15 a Bellinzona (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
6 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
6 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
14 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
15 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
16 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
16 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
17 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
17 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
17 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
18 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
18 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
18 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
18 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
 
21.01.2021 - 05:500
Aggiornamento : 19:50

Meno spaccio di droga, ma più alcol e farmaci

In tempo di Covid-19, con più difficoltà a reperire la sostanza c'è chi cambia abitudini di consumo. Intervista a Martin Hilfiker responsabile di Antenna Icaro

Fare i conti con la propria dipendenza in tempo di pandemia può essere ancora più difficile. Con le restrizioni in atto per arginare la diffusione dei contagi da coronavirus, per i tossicodipendenti è diventato più arduo procurarsi la sostanza. Per alcuni il consumo diminuisce, di conseguenza aumenta però la lucidità e la sensazione di angoscia. Per altri, la difficoltà nel reperire la sostanza porta invece a un incremento del consumo di altre sostanze legali e facilmente reperibili, come alcol e farmaci. Di questo fenomeno, ma non solo, abbiamo parlato con Martin Hilfiker, direttore del Servizio per le dipendenze da sostanze di Associazione Comunità familiare, che su mandato cantonale opera a Bellinzona (in via Franco Zorzi 15) e Muralto con le attività di Antenna Icaro e ad Arbedo-Castione con il Laboratorio21 (in via Stazione 21). «Da quanto ci riferiscono gli utenti, durante il periodo del lockdown vi è stata una difficoltà nel reperire le sostanze. Meno movimento di persone sul suolo pubblico e maggiore presenza di forze dell’ordine sembrano aver disincentivato il traffico di sostanze nei luoghi pubblici», evidenzia Martin Hilfiker. Le mutate abitudini nella disponibilità e reperibilità delle sostanze stupefacenti, spiega il direttore del Servizio, hanno fatto sì che alcuni utenti abbiano cambiato le loro abitudini di consumo, riducendolo o integrandolo con altre sostanze. Altri hanno invece subìto l’assenza della sostanza poiché l’astinenza ha comportato per loro effetti negativi sia a livello fisico che psicologico. Le conseguenze sono state molteplici; alcuni hanno dovuto accedere al pronto soccorso per consultazioni e in alcuni casi si sono resi necessari ricoveri psichiatrici. Tuttavia, il direttore constata che il numero di utenti che si rivolgono al Servizio per le dipendenze è rimasto costante negli ultimi mesi e si attesta sempre intorno alle 400 persone, più 150 familiari, che sono indirettamente toccati dal problema.

Sostegno abitativo a domicilio

Nonostante le restrizioni in vigore, il lavoro per la trentina di collaboratori – tra cui operatori sociali, infermieri, psicologi, psichiatri e personale amministrativo – attivi nei due centri di competenza e nel laboratorio non si è fermato. «Anzi, siamo stati confrontati con alcune accelerazioni. Nelle due sedi di Antenna Icaro e al Laboratorio21 sono in vigore dei Piani di protezione che indicano gli accorgimenti da adottare per salvaguardare la salute dei collaboratori e degli utenti». Ad ogni utente in entrata alle strutture viene misurata la temperatura corporea e fornita una mascherina. In caso di impossibilità a frequentare fisicamente le strutture, gli utenti vengono raggiunti nelle loro abitazioni dagli operatori del sostegno abitativo. Tale servizio è finalizzato ad aiutare gli utenti a sviluppare e mantenere un’autonomia nella propria abitazione, garantendo loro condizioni di vita dignitose. Durante il primo lockdown, Laboratorio21 ha inoltre preparato e consegnato al domicilio degli utenti due pasti alla settimana. Questo laboratorio offre, ai circa 30 utenti attivi, la possibilità di un’esperienza lavorativa in grado di aiutarli a riscoprire una dimensione personale e sociale spesso trascurata. Ciò viene fatto mediante progetti individuali nel laboratorio lavanderia, sartoria, spazio verde e cucina.

In assenza di contatti videochiamate

Per le persone che soffrono di dipendenza da sostanze avere un punto di riferimento come Antenna Icaro è fondamentale, soprattutto in un periodo di grande incertezza come quello attuale caratterizzato dalla presenza del coronavirus. Cosa è accaduto dunque quando, in occasione della prima ondata pandemica, il centro non ha potuto accogliere fisicamente gli utenti? Gli operatori del Servizio li hanno raggiunto telefonicamente e li hanno informati sulle nuove procedure da adottare in funzione dell’emergenza sanitaria. «Seguendo le indicazioni cantonali e federali ci siamo subito organizzati per evitare che i pazienti uscissero di casa e si recassero presso le sedi di Antenna Icaro a Bellinzona e a Muralto. Per l’erogazione delle prestazioni previste dalla Legge sugli stupefacenti abbiamo optato per la consegna a domicilio dei medicamenti prescritti dal nostro medico psichiatra», spiega Hilfiker. Un approccio che ha permesso al Servizio di mantenere il contatto con i pazienti, mediante incontri regolari e in sicurezza. «Parallelamente tutto il personale ha mantenuto regolari contatti telefonici e colloqui con tutti gli utenti». Il lockdown ha visto tutti confrontati con precise regole e restrizioni personali. «Sul piano psicologico questo è stato un importante tema di confronto e riflessione durante gli incontri con gli utenti». Gli strumenti digitali hanno permesso di accorciare le distanze e l’ascolto offerto dall’équipe tramite videochiamata ha sopperito in parte alla mancanza di contatti. «La paura del contagio – conclude Hilfiker – ha fortunatamente indotto molti utenti a restare responsabilmente a casa e i casi di test risultati positivi al Covid-19 sono stati pochi».

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved