ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Prima condanna in tribunale per il ‘caso targhe’

Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso
Locarnese
2 ore

Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese

Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
3 ore

Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps

L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
Luganese
3 ore

Comano ha il suo Mercatino di Natale

Il prossimo martedì 6 dicembre il nucleo Tèra d’súra si vestirà con le atmosfere delle festività
video
Bellinzonese
3 ore

Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’

Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Luganese
3 ore

A Grancia la Posta cambia sede e ‘vestito’

Inaugurati i nuovi spazi, centrali e accessibili. Obiettivo del Gigante giallo creare dei ‘veri e propri centri di servizi’
Locarnese
3 ore

‘Vento di vita vera’, la storia culturale della Val Bavona

Il film di Kurt Koller verrà proiettato al Cinema Otello di Ascona martedì 29 novembre alle 20.30
Locarnese
4 ore

Consegnato il premio ‘Prenditi cura anche con il cuore’

Il Soroptimist Club Locarno ha deciso di premiare Annick Artaria, che ha svolto la sua formazione presso la Clinica Fondazione Varini a Orselina
Ticino
4 ore

In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre

Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
4 ore

‘Illuminazione pubblica spenta, occorre valutare’

Pedemonte, il Municipio risponde all’interrogazione di Monotti che chiedeva di rinunciare alla luce dei lampioni sulle strade nottetempo come risparmio
Locarnese
4 ore

Il Munipio di Tenero-Contra ha incontrato i suoi neodiciottenni

Venerdì 25 novembre ha avuto luogo il tradizionale incontro, seguito da una cena in compagnia
Locarnese
4 ore

Il Treno dell’Avvento porta la magia del Natale nelle Centovalli

Domenica 4 dicembre l’amato treno storico, addobbato per l’occasione, porterà i viaggiatori da Locarno a Camedo, dove troveranno anche Babbo Natale
Locarnese
5 ore

Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco

Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
5 ore

È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona

Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
18.01.2021 - 06:00

Per le Medie di Castione ‘si valutano soluzioni alternative’

Il Cantone conferma quanto emerso durante l'ultima seduta di Consiglio comunale: se i ricorsi saranno accolti dal governo, il progetto impugnato decadrà

per-le-medie-di-castione-si-valutano-soluzioni-alternative
La vecchia Scuola media ha sete di spazio, ma il vicinato contesta l'ampliamento giudicando il previsto nuovo edificio eccessivo (Ti-Press)

Per il nuovo complesso scolastico previsto a Castione i tempi si stanno allungando inesorabilmente. I due ricorsi riguardanti il progetto originario (‘Se ci fosse la luna si potrebbe cantare’) sono infatti ancora pendenti e finché non saranno evasi dal Consiglio di Stato «resterà tutto fermo», dice alla ‘Regione’ il sindaco di Arbedo-Castione Luigi Decarli. Tutto fermo, ma con qualcosa che si muove: ossia scenari alternativi in fase di approfondimento. Da noi contattata la Sezione cantonale della logistica – che gestisce questo dossier includendo l’ampliamento sia della Scuola media sia della Scuola dell’infanzia comunale – conferma infatti, ma senza aggiungere dettagli, quanto era emerso lo scorso dicembre durante l'ultima seduta di Consiglio comunale: “Attendiamo che i ricorsi contro la modifica di Piano regolatore e il credito di progettazione votato dal Consiglio comunale siano evasi. Nel frattempo, com’è normale che sia, si stanno verificando eventuali ipotesi alternative, che potrebbero essere utili nel caso in cui i ricorsi venissero accettati”.

Alternativa fra Bellinzona e Claro

Due di queste alternative sono state illustrate un mese fa dal sindaco rispondendo a un'interpellanza giunta dai banchi del Legislativo. Una variante prevederebbe la costruzione di una nuova Scuola media in un luogo imprecisato fra Bellinzona e Claro e la demolizione dell’attuale edificio di Castione. L’altra variante considererebbe il risanamento della vecchia struttura, tuttavia con una diminuzione della capacità di studenti. In entrambi i casi, tutti o alcuni ragazzi di Arbedo-Castione, così come quelli di Lumino che attualmente frequentano le Medie di Castione, dovrebbero recarsi in una sede più lontana rispetto a quella attuale. Si tratta quindi di opzioni che non accontentano quasi nessuno. Ma «qualcosa si deve pur fare», rileva Luigi Decarli: infatti da lungo tempo ormai, le Medie e l’Asilo sono ai limiti delle loro capacità. «Nel frattempo ci siamo mossi allestendo due aule supplementari sotto la palestra delle Scuole comunali, aule presto agibili per materie speciali, come la musica, con una durata limitata a una o due ore. Spazi di riserva utili anche all’Asilo in caso di bisogno improvviso».

I due ricorsi pendenti

Per porre rimedio al prossimo raggiungimento dei limiti di capacità delle strutture, Arbedo-Castione da diversi anni intende costruire un nuovo comparto scolastico prevedendo l’ampliamento della Scuola media (di competenza cantonale) e l’inserimento – nel medesimo nuovo edificio lungo 200 metri e alto 12 e mezzo – di una mensa e di quattro sezioni della Scuola per l’infanzia. Il Municipio aveva così licenziato un messaggio con la richiesta di credito pari a 630mila franchi per l’allestimento del progetto definitivo della prima tappa, «credito approvato all’unanimità dal Consiglio comunale», sottolinea il sindaco. Un prima tappa che avrebbe permesso di costruire le strutture principalmente d’interesse comunale, ovvero asilo e mensa, con la seconda a disposizione anche degli allievi delle Medie. Tuttavia l’Associazione per il miglioramento ambientale di Castione (Amica) ha impugnato la decisione del Cc davanti al governo cantonale bloccando così l’intero progetto. Tutto ciò è avvenuto nel 2018 e ricorso è tutt'oggi pendente. Un secondo ricorso sempre dell’Amica, pure pendente davanti al CdS, osteggia la variante di Piano regolatore necessaria all’inserimento del nuovo grande complesso scolastico; a suo tempo votata dal Consiglio comunale, la variante era stata avallata dal Cantone, ma era poi dovuta tornare alla casella di partenza per una violazione procedurale avendo il Comune dimenticato di pubblicarla sui giornali. Dopo l’avvenuta pubblicazione sui media, l’Amica sostenuta da oltre 50 abitanti e confinanti si è rivolta al Governo cantonale. Che, ricordiamo, aveva in precedenza già dato luce verde con una serie di osservazioni per l’affinamento del progetto. 

Decisione a breve?

Il sindaco si aspetta una decisione governativa «a breve». Intanto però il tempo passa e cresce l’incertezza. Secondo il sindaco sarebbe proprio questo l’obiettivo dei ricorrenti: «Allungare i tempi e far cadere il progetto, con tutte le conseguenze del caso». Comunque la Scuola media «dev’essere messa a posto», indipendentemente dalla realizzazione o meno del nuovo comparto scolastico. Come alternativa al campus, la variante che prevede risanamento dell’attuale edificio con una diminuzione della capacità sarebbe quella «che farebbe meno male, anche se alcuni studenti dovrebbero per forza recarsi in un’altra sede», rileva Decarli. Infatti, in questo caso le medie «rimarrebbero a Castione, a differenza dell’altra variante che ne prevede la demolizione». Il sindaco spera in ogni caso «di completare il campus che rappresenterebbe qualcosa di molto positivo per famiglie, bambini e ragazzi di tutta la regione». Un progetto che «era stato giudicato il più performante da parte di una giuria internazionale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved