ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
1 ora

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
3 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
3 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
4 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
4 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
4 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
4 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
5 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
5 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
6 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
6 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
6 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
6 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
6 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
6 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
Bellinzonese
6 ore

Domande e risposte sulla sessualità nei luoghi di cura

Giovedì 13 ottobre questa tematica delicata sarà al centro del convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro. Si rifletterà su limiti e approcci diversi
Luganese
7 ore

Ex direttore indagato, incontro informativo per i genitori

Domani sera è prevista una riunione riservata ai familiari della sede delle scuole Medie. Intanto il docente ha incaricato un avvocato di fiducia
Locarnese
7 ore

Alla Magistrale la Festa del libro per bambini e ragazzi

Una giornata dedicata, con letture, incontri con gli autori, mercatino, workshop e firmacopie, sabato 1° ottobre dalle 10 alle 18 a Locarno
Locarnese
7 ore

Ascona, incontro con il vincitore del premio Amalago

Per presentare gli obiettivi del riconoscimento letterario e annunciare l’apertura della seconda edizione
Locarnese
7 ore

Caffè riparazione dell’Acsi a Quartino

Per far durare di più oggetti e materiali; per un’economia circolare pro ambiente
laR
 
19.01.2021 - 21:45
Aggiornamento: 22:44

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni

commissioni-di-quartiere-riviera-e-bellinzona-valutano
Il Comune e le sue istituzioni: una possibilità data anche ai singoli quartieri tramite l'istituzione di apposite associazioni o commissioni (Ti-Press)

Rapporto cittadini-istituzioni: quali ‘ponti’ realizzare per assicurare il giusto dialogo bilaterale, migliorare la coesione locale e individuare opportunità di crescita reciproche? Laddove non si sono fino ad oggi create le Associazioni di quartiere, nella nuova Bellinzona potrebbero presto spuntare apposite Commissioni la cui designazione dei membri, non avvenuta durante la prima legislatura che sta per terminare, compete al Municipio. Si tratta dei quartieri di Bellinzona centro (ossia la vecchia Bellinzona pre-aggregazione) e, nella cintura sud, di quelli di Monte Carasso e Sementina nonché del quartiere periferico di Gudo. Idem nel nuovo Comune di Riviera nato, come la capitale ticinese, nell’aprile 2017 unendo gli ex Comuni di Lodrino, Iragna, Osogna e Cresciano: in nessuna delle quattro località si è sentita fino ad oggi l’esigenza di creare spontaneamente un’associazione di quartiere o di sollecitare il Municipio affinché costituisse delle commissioni.

Partiamo da Bellinzona: dall’inizio della prossima legislatura una riflessione andrà fatta nei quattro quartieri fino a oggi rimasti sprovvisti dell’organismo spontaneo (associazione) caldeggiato sin dal progetto aggregativo. A Bellinzona-centro, Monte Carasso, Sementina e Gudo pochi hanno mostrato interesse a costituire associazioni ad hoc. Taluni tentativi non sono andati a buon fine. A Gudo, per esempio, una suggestione giunta nel 2018 da Palazzo Civico è stata valutata, discussa ma infine rifiutata dal comitato della Pro, associazione che da un ventennio promuove il territorio locale e organizza eventi e animazioni a favore della popolazione. Il ragionamento fatto dal comitato è quello di non voler mischiare i due piani di attività, ciò che invece in altri quartieri si è ritenuto di poter fare, ma quasi sempre partendo dall’istituzione di un’associazione ‘ex novo’. A stupire è il vuoto rimasto nella Turrita. Uno stupore però da relativizzare, considerando che a sua volta la ‘vecchia’ città conta sul proprio territorio più sotto-quartieri, quali Daro, Artore, Carasso, Galbisio, Ravecchia, Semine, Pratocarasso, Gerretta. Aree in cui l’identità locale è (rimasta) talvolta molto ben marcata e che a loro volta sono spesso favorite da una sufficiente rappresentanza di consiglieri comunali o municipali da sollecitare, all’occorrenza, su temi o situazioni puntuali. 

Cosa dice il Regolamento comunale

Il Regolamento comunale pone le Commissioni di quartiere in testa alle possibilità date, indicando invece le Associazioni come loro alternative tramite il concetto “in luogo di”. Dal canto suo il Municipio invertendo le priorità ha sempre detto di voler favorire la nascita delle Associazioni rispetto alla via più istituzionale delle Commissioni, indicando così la volontà di potersi interfacciare con realtà locali autocostituite e perciò, almeno in teoria, più pulsanti e proattive. E peraltro al beneficio di contributi comunali volti a finanziare l’organizzazione di eventi. Quanto alle Commissioni, il regolamento prevede che entro quattro mesi dopo le elezioni comunali il Municipio pubblichi l’avviso di candidatura per far parte dell’organismo consultivo composto da tre-sette persone. Finora non è stato fatto perché si attendevano spinte dal basso, in effetti manifestatesi in nove quartieri su tredici. I candidati alle commissioni, maggiorenni, devono presentarsi supportati da almeno dieci proponenti domiciliati nel territorio di competenza. Al Municipio spetta poi il compito di designare e, in caso di un numero superiore a sette, operare una scelta; sulla base di quali criteri, non è dato sapere. A ogni modo è esclusa la doppia funzione di membro della commissione e quella di consigliere comunale o municipale. Ogni commissione dispone di un budget deciso dal Consiglio comunale su proposta municipale a copertura delle spese operative, mentre i membri ricevono il gettone di presenza. A loro volta Associazioni e Commissioni di quartiere sono correlate fra loro dalla conferenza dei presidenti per favorire lo scambio orizzontale di informazioni. Conferenza che può riunirsi liberamente, ma almeno una volta all’anno. Incaricato di gestire i rapporti bilaterali è l’Ufficio quartieri. Le commissioni sono tenute a incontrare il Municipio, o chi per esso, almeno una volta all’anno e a convocare un’assemblea di quartiere almeno una volta a legislatura. Incontro al quale può essere richiesta la presenza di rappresentanti del Municipio o dell’amministrazione comunale.

Il sindaco di Riviera: ‘Faremo il passo’

«Probabilmente a causa delle dimensioni meno importanti di Bellinzona, qui la popolazione non ha finora segnalato l’esigenza di costituire associazioni o commissioni di quartiere», spiega alla ‘Regione’ il sindaco Alberto Pellanda. Fra gli altri motivi viene citato il fatto che tutte le quattro comunità sono rappresentate in Municipio, oltre che in Consiglio comunale: «Ciò che agevola il dialogo fra popolazione e autorità in presenza di situazioni puntuali o problematiche più ampie». Essendo poi già presenti sul territorio varie associazioni che da lungo tempo si occupano dell’animazione locale, viene meno l’esigenza di istituirne altre che rischierebbero di creare doppioni. «A ogni modo – conclude il sindaco – nel rispetto del Regolamento comunale, con l’avvio della nuova legislatura compiremo i passi ufficiali necessari a istituire le Commissioni di quartiere. Dovremo attivarci entro sei mesi dalle elezioni: a quel punto capiremo se vi sarà un concreto interesse per questa soluzione».

Il sindaco di Faido: ‘Esempi virtuosi di vitalità’

Risalendo il Ticino ecco Faido, che nel corso delle ultime legislature ha aggregato i precedenti dodici Comuni della Media Leventina. Su undici frazioni periferiche, attualmente otto contano ciascuna tre propri rappresentanti. Una soluzione, quella delle commissioni, anch’essa fissata nel Regolamento comunale, che non prevede per contro la possibilità delle associazioni. Compiti commissionali: coordinare l’assemblea di frazione, tenere i contatti con amministrazione e autorità, farsi portavoce di richieste locali. La nomina è di competenza municipale su proposta dei cittadini della frazione. «Dov’è emersa la richiesta, abbiamo proceduto alla designazione. Dov’è mancata, il motivo è semplice: la realtà faidese non è troppo vasta, ci si conosce tutti abbastanza bene, ciò che facilita i rapporti interpersonali e l’esposizione di richieste al nostro indirizzo. Il tutto ‘alla buona’», spiega il sindaco Roland David. Alcune commissioni di frazione, aggiunge, «operano normalmente, altre sono un po’ passive, talune si distinguono per dinamismo. Persone impegnate che lavorano bene». È la prova che pur venendo meno l’ormai ex Comune, non cessa l’attenzione verso la cosa pubblica. E anzi, «c’è lo stimolo a organizzarsi per fare recepire meglio determinate idee o esigenze». David cita in particolare tre commissioni di frazioni virtuose «che sono esempio di buon funzionamento: Osco, Rossura e Mairengo». Includere nel Regolamento la possibilità di creare associazioni di quartiere, con tanto di budget comunale, «ci è sembrato eccessivo e condizionante. Possano per contro spontaneamente sorgere nuove associazioni locali, come successo a Cavagnago dove da qualche tempo si può usufruire dell’ex casa comunale ristrutturata e divenuta un centro civico per manifestazioni a beneficio della frazione e della Traversa». Il sindaco indica infine che «tutte le frazioni mostrano un buon livello di vitalità. Questo grazie alle associazioni ricreative già attive da lungo tempo e anche a Parrocchie e Patriziati che al di là delle commissioni giocano sul piano locale un ruolo importante nei rapporti col Comune».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved