laRegione
amici-via-facebook-le-spillano-tanti-soldi
Chi c'è realmente dall'altra parte dello schermo? (depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 min

Il vaccino contro i radar? Rispettare i limiti di velocità

La lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari nel corso della settimana dal 25.01.2021 al 31.01.2021
Grigioni
18 min

Grigioni, da 39 a 100 milioni per i casi di rigore

Col nuovo lockdown le domande 'quadruplicheranno'. Degli aiuti potranno beneficiare tutte le aziende che hanno subito un calo del 15% della cifra d'affari.
Luganese
38 min

Banda di giovani rinviata a giudizio per rapina a Lugano

Quartetto rischia fino a 5 anni di carcere per aver intimato con le minacce ad altrettanti coetanei di farsi consegnare il denaro in loro possesso
Locarnese
42 min

Locarno, tornano i prestiti di giochi e libri per ragazzi

Di nuovo a disposizione la Ludoteca e la Biblioteca per i più giovani. Appuntamento da prendere online e divieto di fermarsi a fare attività
Ticino
46 min

Pensioni dei Consiglieri di Stato, non luogo a procedere

Per il pg Andrea Pagani, dalle segnalazioni di Matteo Pronzini (mps) sul versamento del supplemento Avs ai ministri, non emergono elementi di rilevanza penale
Bellinzonese
59 min

Rumori molesti a Bellinzona: le ore in più saranno 2 e non 7

Il Municipio corregge un errore di battitura presente nella prima versione della sua Ordinanza e la ripubblica
Luganese
1 ora

Mezzo milione a favore di progetti medio-piccoli

L'Ente regionale per lo sviluppo del luganese apre il bando di concorso 2021. Contributi a fondo perso o sotto forma di prestito.
Luganese
2 ore

Stemma di Lugano, 'si eviti un uso improprio'

Il Municipio ha avvisato di nuovo la Lega e gli altri partiti prospettando pure le conseguenze giuridiche in caso di un'azione legale
Bellinzonese
2 ore

Bni di Belllinzona, fatturato di quasi 3 milioni di franchi

Nel 2020 gli imprenditori Tre Castelli di Business Network International hanno realizzato ricavi per 2'841'589 franchi
Bellinzonese
2 ore

Classe in quarantena alle Elementari Nord di Bellinzona

L'Ufficio del medico cantonale lo ha deciso dopo la terza positività. Iniziata nell'aula magna la vaccinazione degli over 80
Bellinzonese
2 ore

Arbedo, sospese le celebrazioni per la festa di San Paolo

A causa dell'emergenza sanitaria legata al coronavirus la benedizione del pane e la tombola parrocchiale non avranno luogo
Ticino
2 ore

Truffe crediti Covid, arrestati due residenti nel Sottoceneri

Due imprenditori accusati di aver fornito false informazioni per ottenere crediti Covid-19 per oltre un milione e mezzo di franchi poi usati per altri scopi
Bellinzonese
2 ore

Arbedo-Castione, biblioteca chiusa fino al 28 febbraio

La decisione è stata presa in seguito alle nuove disposizioni legate al coronavirus. Si potrà comunque continuare a riconsegnare libri e chiedere prestiti.
Ticino
4 ore

Bus regionali affollati, in arrivo corse supplementari

Sono 16 le tratte extraurbane, gestite da Autopostale, soggette a sovraffollamento nelle ore di punta. Il Dt auspica correttivi già dalla prossima settimana
Mendrisiotto
4 ore

Per la sindaca di Castel San Pietro saluti augurali online

Il messaggio, casa pandemia, si potrà vedere da sabato, 23 gennaio, sul sito internet dell'amministrazione comunale www.castelsanpietro.ch
Mendrisiotto
5 ore

Chiuso per lavori un tratto di via S. Martino a Mendrisio

Il cantiere interessa la zona dalla chiesetta al parcheggio delle piscine. All'origine c'è un danno alle canalizzazioni
Bellinzonese
5 ore

Vaccino ad Arbedo-Castione: necessario il certificato medico

Da oggi si fissano gli appuntamenti per gli over 80, iniezioni al via dal 1° febbraio al Centro sociale
Luganese
6 ore

Angelo Bernasconi il settimo Ppd per Lugano

Completata la lista per il Municipio, il 29 gennaio la ratifica dell'Assemblea (on line)
Bellinzonese
13.01.2021 - 06:000
Aggiornamento : 11:47

'Amici' via Facebook le spillano tanti soldi

60enne della valle di Blenio perde 10mila franchi raggirata da uomini conosciuti in rete. I consigli della polizia e la lettura del fenomeno da parte di un esperto

Un momento di fragilità e solitudine. Poi la conoscenza online di un giovane uomo di bella presenza, frequenti scambi di messaggi e telefonate. Le racconta di essere un soldato americano in Afghanistan, dice di amarla e di volerla sposare. Poi la richiesta di soldi per alcune spese improvvise, somme sempre più alte, che diventano migliaia di franchi. Una 60enne della valle di Blenio decide di raccontarci la sua disavventura con le truffe amorose online – dette anche ‘Love scam’ o ‘Romance scam’ – per sensibilizzare e mettere in guardia: «Non fatevi abbindolare», è il suo monito. La vittima ha perso diecimila franchi: concessi a due uomini sotto forma di prestito, non le sono mai stati restituiti. La disavventura è iniziata lo scorso ottobre quando la donna viene contattata su Facebook da un individuo che le invia una richiesta di amicizia; dopodiché iniziano a scriversi, con contatti sempre più frequenti. Tempo dopo si fa vivo un altro uomo, anch'egli giovane e di bella presenza. I due adescatori, con varie scuse, iniziano a chiederle prestiti di denaro. Uno le racconta di aver bisogno di un aiuto finanziario per far fronte a spese ospedaliere, l'altro per dei documenti. La donna soddisfa le richieste versando migliaia di franchi. Dopo un ulteriore versamento le sorgono i primi dubbi, anche perché nuovi ‘amici’ iniziano a contattarla con le stesse modalità chiedendole aiuto finanziario. A quel punto la donna disorientata decide di rivolgersi a ProSenectute per chiedere sostegno e si reca in polizia per sporgere denuncia contro i due uomini.

‘Ero in un momento critico della mia vita’

«Ero in un momento critico della mia vita. Mio marito è andato a vivere in casa anziani, io avevo appena smesso di bere e di abusare di medicinali», ci spiega la vittima del raggiro. In quel momento di fragilità ha creduto a ciò che quegli uomini le dicevano. «Mi hanno ingannata, eppure sembrava tutto reale», prosegue, ancora incredula, evidenziando quanto i truffatori si mostrino amichevoli e gentili. «Promettevano tante cose, di sposarmi, di farmi viaggiare, mi dicevano che non potevano vivere senza di me. Insomma, cose che per una donna, in un momento di fragilità, sono belle da sentire», riconosce. «E invece erano tutte bugie!», esclama con la rabbia di chi si sente tradito. Ma le ripercussioni negative non finiscono qui. Oltre che emotivo, il danno è ovviamente anche economico, ciò che l'ha costretta a rivolgersi ai servizi sociali. Inoltre alcuni familiari del marito sono ora arrabbiati con lei e non le rivolgono più la parola. La vittima vorrebbe in qualche modo essere risarcita, ma è consapevole che riuscire a raggiungere i suoi truffatori non sarà affatto semplice.

Talvolta foto e video per ricattare

Questo genere di truffe sono sempre più frequenti. Lo scorso settembre avevamo riferito del caso di una 64enne, arrestata a Bellinzona, sospettata di aver inscenato un raggiro amoroso online. La vittima era stata adescata da una sedicente studentessa che chiedeva alcune migliaia di franchi per far fronte a delle spese universitarie. Come evitare questo tipo di raggiri? Come agiscono i truffatori? «Solitamente chi rimane vittima di ‘Romance scam’ conosce tramite social media delle persone che operano con dei profili fittizi», spiega il Servizio comunicazione, media e prevenzione della Polizia cantonale. «Dopo essere riusciti a instaurare un rapporto di amicizia che assume via via connotazioni sentimentali, gli autori del raggiro cominciano ad avanzare pretese economiche. Queste continuano fintanto che la vittima si rende conto di essere stata raggirata». Può anche accadere che prima di passare alle richieste di denaro, vi sia uno scambio di fotografie e di filmati intimi che diventano poi oggetto di ricatto. «Una casistica precisa di questi reati non c’è: le persone che cascano nelle ‘Romance scam’ hanno infatti spesso timore o vergogna a divulgare certe informazioni e perciò preferiscono non denunciare per evitare il giudizio di famigliari o conoscenti», fa presente la Polizia cantonale. A rendere poi più complicato lo svolgimento degli accertamenti vi è il fatto che il più delle volte gli autori sono dislocati in Paesi lontani: Africa, Asia o Europa dell’Est. «Circostanza che rende difficoltoso il ricorso a strumenti giuridici come le richieste di assistenza giudiziaria internazionale (rogatorie) per individuare le organizzazioni che si celano dietro i raggiri».

I consigli della polizia

Per evitare sgradite sorprese, la Polizia cantonale invita la popolazione a prestare attenzione e a diffidare da simili richieste di denaro. In Internet si può falsificare tutto: interi profili con elenco di amici, foto, documenti ufficiali, video, giustificativi, fotocopie di passaporti, numeri di telefono, eccetera. La polizia ribadisce quindi alcuni consigli: non accettare domande di amicizia sui social inviate da persone che non si conoscono nella vita reale; non fidarsi di chi si conosce solamente tramite Internet; non trasmettere password e copie di documenti ufficiali come passaporto, licenza di condurre; non divulgare foto intime o informazioni personali; non versare denaro se non si è sicuri dell’affidabilità del proprio interlocutore. Altre info sul sito della Prevenzione svizzera della criminalità: www.skppsc.ch/it/temi/internet/romance-scam-italiano.

Lo psichiatra: Alla base fragilità e solitudine

Se da una parte il fenomeno delle truffe amorose è da tempo alquanto diffuso e si conosce il modus operandi dei loro autori, dall'altra poco si sa delle vittime. Com’è possibile che non si rendano conto di essere di fronte a una possibile truffa? Lo psichiatra e psicoterapeuta Tazio Carlevaro evidenzia che la fragilità e la solitudine sono gli elementi centrali in grado di spiegare come sia possibile che questi raggiri proseguano senza che qualcuno (parenti, amici, conoscenti) metta in guardia le vittime. Inoltre, spiega l’esperto, nella mente umana scatta un altro meccanismo: più si investe in un affare o in una relazione (soldi, impegno o tempo) e più è difficile rinunciarvi. «Bisogna anche dire che noi viviamo in un Paese ricco e quindi di fronte alle difficoltà altrui scatta il meccanismo della solidarietà. E così si tende a dare una mano. Di base questa è una buona cosa – conclude – ma il problema è che non si può sapere dove e in mano a chi vanno a finire i soldi».

© Regiopress, All rights reserved