laRegione
la-popolazione-di-lupi-dovrebbe-essere-dimezzata
La quarta cucciolata di lupi del branco della valle Morobbia nel 2018 (Ucp)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
11 min

Rumori molesti a Bellinzona: le ore in più saranno 2 e non 7

Il Municipio corregge un errore di battitura presente nella prima versione della sua Ordinanza e la ripubblica
Luganese
1 ora

Mezzo milione a favore di progetti medio-piccoli

L'Ente regionale per lo sviluppo del luganese apre il bando di concorso 2021. Contributi a fondo perso o sotto forma di prestito.
Luganese
1 ora

Stemma di Lugano, 'si eviti un uso improprio'

Il Municipio ha avvisato di nuovo la Lega e gli altri partiti prospettando pure le conseguenze giuridiche in caso di un'azione legale
Bellinzonese
1 ora

Bni di Belllinzona, fatturato di quasi 3 milioni di franchi

Nel 2020 gli imprenditori Tre Castelli di Business Network International hanno realizzato ricavi per 2'841'589 franchi
Bellinzonese
1 ora

Classe in quarantena alle Elementari Nord di Bellinzona

L'Ufficio del medico cantonale lo ha deciso dopo la terza positività. Iniziata nell'aula magna la vaccinazione degli over 80
Bellinzonese
1 ora

Arbedo, sospese le celebrazioni per la festa di San Paolo

A causa dell'emergenza sanitaria legata al coronavirus la benedizione del pane e la tombola parrocchiale non avranno luogo
Ticino
1 ora

Truffe crediti Covid, arrestati due residenti nel Sottoceneri

Due imprenditori accusati di aver fornito false informazioni per ottenere crediti Covid-19 per oltre un milione e mezzo di franchi poi usati per altri scopi
Bellinzonese
1 ora

Arbedo-Castione, biblioteca chiusa fino al 28 febbraio

La decisione è stata presa in seguito alle nuove disposizioni legate al coronavirus. Si potrà comunque continuare a riconsegnare libri e chiedere prestiti.
Ticino
3 ore

Bus regionali affollati, in arrivo corse supplementari

Sono 16 le tratte extraurbane, gestite da Autopostale, soggette a sovraffollamento nelle ore di punta. Il Dt auspica correttivi già dalla prossima settimana
Mendrisiotto
4 ore

Per la sindaca di Castel San Pietro saluti augurali online

Il messaggio, casa pandemia, si potrà vedere da sabato, 23 gennaio, sul sito internet dell'amministrazione comunale www.castelsanpietro.ch
Mendrisiotto
4 ore

Chiuso per lavori un tratto di via S. Martino a Mendrisio

Il cantiere interessa la zona dalla chiesetta al parcheggio delle piscine. All'origine c'è un danno alle canalizzazioni
Bellinzonese
5 ore

Vaccino ad Arbedo-Castione: necessario il certificato medico

Da oggi si fissano gli appuntamenti per gli over 80, iniezioni al via dal 1° febbraio al Centro sociale
Luganese
5 ore

Angelo Bernasconi il settimo Ppd per Lugano

Completata la lista per il Municipio, il 29 gennaio la ratifica dell'Assemblea (on line)
Locarnese
5 ore

Locarno, è partita la campagna vaccinale

Compatibilmente con la disponibilità delle dosi, in questi giorni si procederà con le iniezioni a tutti i 470 ultraottantenni che si sono annunciati
Ticino
6 ore

Covid, calano ancora gli ospedalizzati. 74 i nuovi casi

Continua a scendere la pressione sul sistema sanitario: 215 persone sono ricoverate, 28 in cure intense. Purtroppo si contano altri 4 decessi
Ticino
7 ore

Fermato con 1'400 kg di generi alimentari non dichiarati

L'Amministrazione federale delle dogane ha controllato l'uomo martedì sull'A2 a Monte Carasso, proveniva dall'Italia ed era diretto in Liechtenstein
Bellinzonese
13.01.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:30

'La popolazione di lupi dovrebbe essere dimezzata'

Per Sandro Rusconi (Associazione territorio senza grandi predatori) vi è il rischio che in futuro questo animale attacchi anche le persone

L’avvistamento del lupo sul Piano di Magadino, cui la ‘Regione’ ha dedicato ieri un ampio servizio, «è solo la punta dell’iceberg». A preoccupare Sandro Rusconi, vicepresidente dell’Associazione territorio senza grandi predatori, è in generale «l’aumento vertiginoso della popolazione di questo predatore» che si registra ormai da anni. «Ogni anno bisognerebbe ridurre il numero di esemplari della metà, o almeno del 30%, rendendone così perlomeno stabile la quantità», afferma. Avanti di questo passo, il rischio è che possano iniziare ad «attaccare pure le persone».

In passato «non è mai successo che un lupo rimanesse per tre o quattro settimane in una zona altamente antropizzata», rileva Rusconi. L’Ufficio caccia e pesca (Ucp) ha giustificato questa presenza prolungata con il fatto che nelle scorse settimane vi sono state importanti nevicate che hanno probabilmente costretto l’animale a restare a quote più basse. Per Rusconi, invece, la spiegazione potrebbe essere anche un’altra: «Il fatto che rimanga per così tanto tempo, quando potrebbe recarsi altrove, significa che le altre zone sono occupate da altri esemplari». Si tratterebbe, insomma, di un cosiddetto lupo solitario che, scacciato da un branco, non sa dove andare. E sono proprio questi esemplari a preoccupare: «Un branco causa meno danni agli allevamenti, perché si adatta alla zona di caccia, conosce il territorio e sa quindi dove attaccare la selvaggina». Il problema è che «un branco mantiene le sue dimensioni proporzionate al territorio di caccia che ha a disposizione. Quindi, visto che i lupi si riproducono, ogni anno un branco allontana uno o due esemplari». Individui che poi diventano ancora più imprevedibili.

‘Incertezza, ansia, paura e molti danni’

“Imprevedibile” è proprio il termine con cui l’Associazione territorio senza grandi predatori definisce questo animale. In un comunicato diffuso ieri si fanno alcuni esempi: “Nel 2008 un lupo fece la sua prima apparizione e predazione a Sonogno. Arrivato da solo senza lasciare nessun segno lungo tutto il tragitto. La scorsa primavera uno o più lupi avevano fatto la loro comparsa in Verzasca. Sono stati fotografati di giorno in vicinanza di abitati, hanno predato animali domestici e si temeva potessero diventare stanziali. Poi da metà maggio più nessun segno della loro presenza in quella valle. Spariti nel nulla”. Insomma, “sia negli spazi fortemente antropizzati sia altrove la sua aggressività e furbizia e i suoi imprevedibili spostamenti possono solo causare incertezza, ansia, paura e molti danni agli allevatori”.

‘Se sono troppi possono diventare aggressivi’

Pure sul Piano di Magadino il lupo è stato avvistato insolitamente di giorno. Infatti, “i testi di zoologia descrivono il lupo come un animale schivo con abitudini notturne”, si legge nella nota. Una possibile spiegazione di tale comportamento, secondo l’Ucp, potrebbe essere che si sia spostato in seguito al disturbo provocato dall’importante presenza dell’essere umano. «Un lupo non resta in un territorio nel quale viene disturbato», sottolinea da parte sua Rusconi. «Se vi rimane vuol dire che non vuole o non può andare altrove». E questo perché gli altri territori sono già occupati da altri esemplari. A preoccupare è quindi in particolare la diffusione di questo predatore: «Quando la popolazione di lupi raggiunge una densità tale che gli esemplari si infastidiscono gli uni con gli altri, allora diventano più aggressivi e più sfrontati. Cominciano così a farsi vedere di giorno, ad avvicinarsi alle abitazioni o a occupare nuovi territori». Per Rusconi ciò potrebbe poi portare non solo ad attacchi ad animali da reddito, ma anche a persone. «Per fortuna, intanto, non è ancora successo, ma diventa sempre più probabile».

‘Le misure di protezione passive non bastano’

E quindi come si dovrebbe agire per evitare brutte conseguenze? «Bisognerebbe almeno cercare di stabilizzare la popolazione di questo predatore. Il suo tasso di riproduzione è di circa il 30%, quindi si dovrebbe ridurre ogni anno gli esemplari di almeno questa percentuale», precisa Rusconi. «Bisogna evitare che si arrivi a una situazione di saturazione nella quale i lupi diventino ancora più problematici». Ma le misure di protezione adottate dagli allevatori non bastano? «Quelle passive non hanno dato risultati sufficienti: i lupi sono molto furbi e si adattano, aggirando ad esempio i cani da protezione. Inoltre, le recinzioni non possono essere installate ovunque: sovente sugli alpeggi il terreno non lo permette. E ciò rende l’allevamento non più redditizio. Bisognerebbe quindi implementare misure attive come i tiri di dissuasione con munizioni non letali, come fanno in Francia». Sandro Rusconi è consapevole che in Svizzera «sono difficili da mettere in atto, ma senza tali misure i lupi diventeranno sempre più sfrontati».

Infine, il vicepresidente dell’Associazione territorio senza grandi predatori sottolinea che «il nostro ambiente alpino non è idoneo al reinsediamento del lupo. Che merita molto di meglio, ovvero superfici contigue interamente selvatiche sufficienti per permettergli di vivere secondo la sua biologia. In Svizzera, invece, sente quasi costantemente la presenza dell’essere umano. Quindi o si adatta e diventa semi domestico, oppure genererà problemi».

© Regiopress, All rights reserved