laRegione
confermato-a-torre-il-potenziale-dei-droni-del-catasto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe
Bellinzonese
4 ore

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni
Ticino
5 ore

Studenti bernesi per un anno liceali in Ticino

Per promuovere maggiormente l'italiano nel cantone svizzero tedesco
pandemia e lockdown
5 ore

Casi di rigore, così si aiuteranno le aziende colpite

Dopo le modifiche decise da Berna, il Dipartimento finanze ed economia illustra alla commissione parlamentare della Gestione le modalità di sostegno
Luganese
7 ore

Capriasca, il Ps giovedì presenta i candidati

Convocata l'assemblea in modalità online
Ticino
7 ore

Il Pc chiede un computer per ogni allievo delle Medie

La mozione di Ay e Ferrari spinge affinché venga combattuto il 'digital divide' acuito dalla recente pandemia
Luganese
8 ore

Videogiochi, a Lugano tre giorni di Global Game Jam

L'evento mondiale fa tappa nella città sul Ceresio in formato totalmente digitale
Luganese
8 ore

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Il Municipio dice no alla ricevibilità della mozione Plr, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia affrontano l'intricato messaggio
Ticino
8 ore

L'Udc: 'Le scuole sono pronte all'insegnamento ibrido?'

Con un'interrogazione si chiede al governo perché a fronte dei problemi della scuola in presenza e a distanza non sia implementato il secondo scenario
Ticino
8 ore

Agli sportelli del Dipartimento istituzioni solo su appuntamento

La decisione sarà in vigore da domani fino al 5 febbraio, e riguarda anche l'Ufficio dello stato civile
Luganese
8 ore

Massagno approva i Conti 2020 e accoglie 3 nuovi consiglieri

Luce verde dal Consiglio comunale al Preventivo e relativo moltiplicatore al 77%. Entrano in carica Maria D'Amelio, Karen Mangili ed Emilio Corti
Locarnese
8 ore

Locarno, spettacoli annullati al Teatro Paravento

La speranza è di poterli riproporre nel corso dell'anno
Ticino
8 ore

'Strade sicure subito', passi avanti a Berna

La Commissione trasporti del Nazionale dà il via libera all'iniziativa cantonale ticinese di Storni (Ps). Approderà in aula nella sessione di giugno
Mendrisiotto
8 ore

Morbio Inferiore apre gli sportelli su appuntamento

La misura è stata presa a tutela della salute di cittadini e dipendenti comunali. Il Comune sarà raggiungibile via telefono e posta
Locarnese
9 ore

L'annuario del Papio di Ascona si rifà il look

Pronta la più recente edizione del ‘Virtutis Palaestra’, con foto a colori e il racconto di un anno intero al collegio
Bellinzonese
13.01.2021 - 21:270

Confermato a Torre il potenziale dei droni del catasto

Il Cantone segue con attenzione le ultime fasi del progetto pilota finalizzato al rilevamento dei dati della misurazione ufficiale tramite l'innovativa modalità

Sopra la località bleniese di Torre proseguono i voli dei droni finalizzati al rilevamento dei dati della misurazione ufficiale del catasto. Si tratta del progetto pilota (una prima in Svizzera) avviato dal Dipartimento dell’economia e delle finanze (Dfe) nell’autunno del 2019, con l’obiettivo di sperimentare l’innovativa modalità. Nella frazione del Comune di Blenio – località scelta dal Dfe in quanto considerata ideale per le sue piccole dimensioni e per l’impellenza di aggiornare i dati delle proprietà fondiarie risalenti agli anni Settanta – il lockdown della scorsa primavera ha posticipato di qualche mese la conclusione delle misurazioni. Giacomo Sani, ingegnere geomatico dello studio Lehmann&Visconti di Malvaglia al quale l’Ufficio cantonale del catasto e dei riordini fondiari (Ucrf) ha affidato i rilievi, spiega alla ’Regione’ che il lavoro è stato completato nella misura del 70%. Sani può confermare i vantaggi dell’utilizzo dei droni, che a determinate condizioni, «permette di ottenere dati estremamente completi e di ottima precisione». Una modalità che consente di disporre di foto aeree scattate a una quota molto più bassa rispetto agli scatti convenzionali effettuati tramite l’uso di velivoli o satelliti, favorendo così una maggiore risoluzione delle immagini. La precisione dei droni è di due centimetri nella determinazione dei punti di confine, rispettando ampiamente le direttive federali che ne richiedono almeno 3,5. Grazie agli apparecchi volanti, la presenza fisica sul terreno si riduce notevolmente, anche se, spiega Sani, talvolta si rende ancora necessaria. Lo strumento testato a Torre si adatta molto bene a una superficie relativamente piccola come la maggior parte dei Comuni ticinesi e prevede costi inferiori rispetto ai metodi tradizionali. Due i droni utilizzati a Torre: uno di grandi dimensioni (circa un metro di larghezza) per il risalto generale e un secondo, di dimensioni più piccole, in grado di volare a bassissima quota e quindi molto efficace nella cattura del dettaglio. 

Le problematiche: meteo e privacy

Detto dei vantaggi, si confermano anche due problematiche: l’impossibilità a volare in caso di condizioni avverse (precipitazioni, luminosità) e la diffidenza di alcuni residenti verso gli apparecchi volanti. «Sono questioni che già avevamo preventivato − afferma Sani –. Per quanto riguarda la privacy, per la popolazione – nonostante sia stata tempestivamente informata – è sempre un aspetto delicato e talvolta criticato vedere un drone volare sopra la propria abitazione. Tuttavia non ci sono regole particolari da rispettare dal momento che i dati vengono utilizzati nell’ambito di una misurazione ufficiale. Se dovessimo in futuro pubblicare le foto dei rilievi, si dovrebbero ovviamente valutare misure di censura dei volti delle persone presenti nelle immagini». Quanto agli abusi edilizi, l’ingegnere non ritiene che l’utilizzo dei droni possa permettere di meglio identificarli, ritenendo che a tal proposito gli strumenti classici siano sufficienti. All’immagine dell’interesse per i droni di Torre, c’è la telefonata giunta allo studio Lehmann&Visconti da un Comune del Canton Berna: «Hanno notato quello che facciamo su una rivista scientifica. L’idea è quella di dare inizio a un progetto pilota anche Oltralpe». A Torre la raccolta dei dati della misurazione ufficiale sarà completata in ottobre. Sarà poi l’Ucrf a condurre una verifica tecnica sul lavoro effettuato nell'arco di due anni. La misurazione ufficiale verrà poi esposta pubblicamente ed approvata, considerando anche i possibili ricorsi, tra il 2022 e il 2023. Rimane, nei piani del Dfe, l’idea di estendere a tutto il Ticino l’innovativa modalità di rilievo tramite droni. Un’analisi dei risultati ed approfondimento in questo senso inizierà con la consegna dei dati di Torre.  

Verso l'estensione a tutto il Ticino

Tre, spiega il capo dell'Ufficio del catasto e dei riordini fondiari Claudio Frapolli, i criteri sui quali l'Ucrf focalizzerà la propria analisi volta a implementare la modalità di rilievo: precisione dei rilievi eseguiti (che come sembra saranno giudicate ampiamente nella norma), vantaggi economici rispetto a rilievi convenzionali svolti con metodo terrestre, satellitare o fotogrammetria aerea con velivoli convenzionali, e la percentuale dei punti di confine che è stato possibile rilevare con il solo utilizzo dei droni. «Conosciamo il potenziale di questo progetto e non ci aspettiamo grandi sorprese. Siamo fiduciosi di poter applicare questa procedura per la maggior parte delle zone edificate e agricole del Canton Ticino. In supporto ai droni, saranno comunque ancora necessari gli strumenti classici laddove c'è una problematica di visuale, pensando in particolare alle superfici boschive o dove i segni di confine non risultano visibili».

Da aggiornare il 30% della superficie

Se da una parte la misurazione ufficiale è quasi ultimata sul territorio cantonale (all'appello manca circa il 10%), vi è ancora un 30% del territorio cantonale dove le vecchie misurazioni ufficiali non raggiungono le precisioni richieste dalla Confederazione e devono pertanto essere rinnovate. Frapolli stima che ci vorranno ancora tra i 10 e i 15 anni per completare questa operazione dove i droni avranno sicuramente un ruolo molto importante. È possibile consultare i dati della misurazione ufficiale sul portale www.ti.ch/mu. 

 

© Regiopress, All rights reserved