laRegione
rinviato-a-giudizio-il-bombarolo-di-bellinzona
Una della trentina di vetrate distrutte dall'esplosione del 26 febbraio (Ti-Press)
Bellinzonese
11.01.2021 - 18:540
Aggiornamento : 21:19

Rinviato a giudizio 'il bombarolo' di Bellinzona

Il 21enne rischia fino a cinque anni di carcere: è giudicato il principale responsabile della serie di esplosioni tra il 2017 e il 2020

Una serie di botti notturni, tra il 2017 e il marzo 2020. Il più eclatante quello del 26 febbraio 2020, quando un ordigno artigianale fatto saltare sul campo da basket alle Scuole elementari sud di Bellinzona aveva distrutto una trentina di finestre dell'istituto. In carcere dalla sera del 13 marzo 2020 – quando era stato arrestato a seguito dell'ultima esplosione in via Golena, vicino allo stand di tiro situato sul confine con Giubiasco – il 21enne svizzero residente nella regione è stato rinviato a giudizio dalla procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis. Come riferisce la Rsi, il giovane, difeso da Niccolò Giovanettina, verrà processato alle Assise Criminali e rischia fino a cinque anni di carcere. Definito il principale imputato degli episodi ai quali avevano partecipato anche altre persone, si trova tutt’oggi in stato di detenzione preventiva poiché recidivo specifico essendo anche il responsabile dei cosiddetti ‘botti di Bellinzona' risalenti tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018. 

Le accuse ipotizzate vanno dal danneggiamento all’uso delittuoso di materie esplosive o gas velenosi. Ma non finisce qui: la pp configura anche altri reati come quello di discriminazione e incitamento all’odio, per essersi vestito a Carnevale con un cappotto dell’esercito militare tedesco corredato da svastiche. Per il magistrato ci sono inoltre gli estremi per l’infrazione alla legge federale sulle armi e sulle munizioni, riferita all’uso e il possesso di vari oggetti inclusa una pistola soft air.

Il perito psichiatrico ha diagnosticato un disturbo di personalità narcisistico, suggerendo un trattamento stazionario. Alto il rischio di recidiva del giovane, che non potrà beneficiare di alcuna scemata imputabilità. Secondo il rapporto del medico, il motivo delle sue azioni era fare parlare di sé. 

© Regiopress, All rights reserved