laRegione
sul-piano-di-magadino-preoccupano-di-piu-gli-ungulati
Avvistato a inizio gennaio a Giubiasco
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Mendrisiotto
7 min

A Chiasso la parte nord del Corso cambia volto

L'intervento, temporaneo, restituisce l'idea di come si immagina la riqualifica globale della via principale della cittadina
Ticino
37 min

Il vaccino contro i radar? Rispettare i limiti di velocità

La lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari nel corso della settimana dal 25.01.2021 al 31.01.2021
Grigioni
50 min

Grigioni, da 39 a 100 milioni per i casi di rigore

Col nuovo lockdown le domande 'quadruplicheranno'. Degli aiuti potranno beneficiare tutte le aziende che hanno subito un calo del 15% della cifra d'affari.
Luganese
1 ora

Banda di giovani rinviata a giudizio per rapina a Lugano

Quartetto rischia fino a 5 anni di carcere per aver intimato con le minacce ad altrettanti coetanei di farsi consegnare il denaro in loro possesso
Locarnese
1 ora

Locarno, tornano i prestiti di giochi e libri per ragazzi

Di nuovo a disposizione la Ludoteca e la Biblioteca per i più giovani. Appuntamento da prendere online e divieto di fermarsi a fare attività
Ticino
1 ora

Pensioni dei Consiglieri di Stato, non luogo a procedere

Per il pg Andrea Pagani, dalle segnalazioni di Matteo Pronzini (mps) sul versamento del supplemento Avs ai ministri, non emergono elementi di rilevanza penale
Bellinzonese
1 ora

Rumori molesti a Bellinzona: le ore in più saranno 2 e non 7

Il Municipio corregge un errore di battitura presente nella prima versione della sua Ordinanza e la ripubblica
Luganese
2 ore

Mezzo milione a favore di progetti medio-piccoli

L'Ente regionale per lo sviluppo del luganese apre il bando di concorso 2021. Contributi a fondo perso o sotto forma di prestito.
Luganese
2 ore

Stemma di Lugano, 'si eviti un uso improprio'

Il Municipio ha avvisato di nuovo la Lega e gli altri partiti prospettando pure le conseguenze giuridiche in caso di un'azione legale
Bellinzonese
2 ore

Bni di Belllinzona, fatturato di quasi 3 milioni di franchi

Nel 2020 gli imprenditori Tre Castelli di Business Network International hanno realizzato ricavi per 2'841'589 franchi
Bellinzonese
2 ore

Classe in quarantena alle Elementari Nord di Bellinzona

L'Ufficio del medico cantonale lo ha deciso dopo la terza positività. Iniziata nell'aula magna la vaccinazione degli over 80
Bellinzonese
3 ore

Arbedo, sospese le celebrazioni per la festa di San Paolo

A causa dell'emergenza sanitaria legata al coronavirus la benedizione del pane e la tombola parrocchiale non avranno luogo
Ticino
3 ore

Truffe crediti Covid, arrestati due residenti nel Sottoceneri

Due imprenditori accusati di aver fornito false informazioni per ottenere crediti Covid-19 per oltre un milione e mezzo di franchi poi usati per altri scopi
Bellinzonese
3 ore

Arbedo-Castione, biblioteca chiusa fino al 28 febbraio

La decisione è stata presa in seguito alle nuove disposizioni legate al coronavirus. Si potrà comunque continuare a riconsegnare libri e chiedere prestiti.
Ticino
5 ore

Bus regionali affollati, in arrivo corse supplementari

Sono 16 le tratte extraurbane, gestite da Autopostale, soggette a sovraffollamento nelle ore di punta. Il Dt auspica correttivi già dalla prossima settimana
Mendrisiotto
5 ore

Per la sindaca di Castel San Pietro saluti augurali online

Il messaggio, casa pandemia, si potrà vedere da sabato, 23 gennaio, sul sito internet dell'amministrazione comunale www.castelsanpietro.ch
Mendrisiotto
5 ore

Chiuso per lavori un tratto di via S. Martino a Mendrisio

Il cantiere interessa la zona dalla chiesetta al parcheggio delle piscine. All'origine c'è un danno alle canalizzazioni
Bellinzonese
6 ore

Vaccino ad Arbedo-Castione: necessario il certificato medico

Da oggi si fissano gli appuntamenti per gli over 80, iniezioni al via dal 1° febbraio al Centro sociale
Luganese
6 ore

Angelo Bernasconi il settimo Ppd per Lugano

Completata la lista per il Municipio, il 29 gennaio la ratifica dell'Assemblea (on line)
Locarnese
6 ore

Locarno, è partita la campagna vaccinale

Compatibilmente con la disponibilità delle dosi, in questi giorni si procederà con le iniezioni a tutti i 470 ultraottantenni che si sono annunciati
Ticino
7 ore

Covid, calano ancora gli ospedalizzati. 74 i nuovi casi

Continua a scendere la pressione sul sistema sanitario: 215 persone sono ricoverate, 28 in cure intense. Purtroppo si contano altri 4 decessi
Bellinzonese
12.01.2021 - 06:000
Aggiornamento : 08:06

Sul Piano di Magadino preoccupano di più gli ungulati

Secondo l'Ufficio caccia e pesca il lupo è probabilmente solo di passaggio. La sua presenza è in ogni caso costantemente monitorata dai guardiacaccia.

Più che il lupo, sono i cervi e i caprioli a generare grattacapi agli agricoltori del Piano di Magadino. «Negli ultimi anni la loro presenza sembra essere aumentata, così come i danni da loro provocati», afferma a ‘laRegione’ Giacomo Zanini, presidente del comitato della Fondazione parco del Piano di Magadino. Una tendenza che viene confermata dal responsabile dell’Ufficio caccia e pesca (Ucp) Tiziano Putelli, da noi contattato: «Il numero di ungulati è cresciuto sul Piano come in generale su tutto il territorio cantonale». A far discutere in questo momento è però il lupo che nelle ultime settimane è stato avvistato in più di un’occasione sul Piano di Magadino (l’ultima volta il 4 gennaio a Giubiasco). Avvistamenti che hanno portato il consigliere comunale Claudio Cattori a chiedere in un’interrogazione al Municipio di Bellinzona di attivarsi per individuare strategie d’intervento. Cattori ha inoltre chiamato in causa la Fondazione parco del Piano di Magadino (di cui fra l’altro è membro): nel testo chiede all’esecutivo cittadino se non sia il caso di investire formalmente la fondazione del ruolo di coordinattrice nella gestione del lupo sul Piano. Attualmente la gestione del predatore «non rientra nel mandato della fondazione» ed è «di competenza dell’Ufficio caccia e pesca», sottolinea Zanini: «Nel caso si volesse cambiare questa situazione, lo dovrebbe decidere il Cantone e quindi il Gran Consiglio». In ogni caso, per ora, «il lupo è un problema marginale per il parco. Bisogna prima di tutto capire se sia solo di passaggio o se sia diventato un frequentatore stabile del Piano. In quest’ultimo caso sarà necessario approfondire la questione».

Da parte sua, Putelli spiega che «essendo il Piano di Magadino un passaggio faunistico d'importanza nazionale, per il lupo è quindi certamente un punto di transito. Rispetto ad alcune zone discoste, come ad esempio la valle Morobbia dove vi sono oggi degli individui stabili, il Piano di Magadino non presenta di certo le condizioni per lo sviluppo di una popolazione di lupi. Probabilmente gli avvistamenti nell’arco di un periodo prolungato sono dovuti al fatto che vi sono state alcune nevicate importanti ravvicinate che hanno costretto l’animale a restare a quote più basse. La presenza del lupo sul Piano è comunque costantemente monitorata dai guardacaccia e dai collaboratori dell’Ufficio caccia e pesca», sottolinea Putelli.

‘Il lupo non mostra un atteggiamento aggressivo’

Secondo Cattori, però, la presenza del predatore potrebbe intimorire gli abitanti e i frequentatori della zona. Tuttavia, dai filmati visualizzati «si vede chiaramente che non ha un atteggiamento aggressivo. Talvolta appare disorientato», afferma Putelli. Inoltre, «non è stata rilevata alcuna predazione su animali da reddito», anche grazie al sistema di allerta verso gli agricoltori della zona messo in atto in collaborazione con la Sezione dell’agricoltura. Quanto al timore che può generare, «si tratta di un animale selvatico del quale bisogna avere rispetto, agendo con prudenza come con qualsiasi altro animale di questo tipo». Insomma, in caso di incontro bisogna mantenere la distanza e non disturbarlo. L’Ucp sta quindi «monitorando la situazione che per ora è sotto controllo. Abbiamo inoltre aggiunto delle fototrappole addizionali sul Piano di Magadino» per cercare di ricostruire gli spostamenti. Gli avvistamenti sono avvenuti anche di giorno, un fenomeno insolito. Infatti, «normalmente il lupo, come il resto della selvaggina, nelle ore diurne resta nascosto. Tuttavia, il Piano di Magadino è parecchio frequentato e questo può disturbare l’animale. Probabilmente, sentendosi disturbato, il lupo si è quindi spostato. La sua presenza diurna è quindi molto probabilmente da ricondurre a questi disturbi che lo hanno indotto a spostarsi».

L'incremento di cervi e caprioli ‘impone una riflessione’

Nulla di troppo anomalo insomma e del resto il lupo era già stato avvistato sul Piano di Magadino in passato (nel 2018 e nel 2013). Infatti, per Zanini attualmente il problema è piuttosto un altro, ovvero quello di una sempre maggiore presenza di cervi e caprioli. Da un incontro con l’Unione contadini ticinesi avvenuto lo scorso dicembre è emerso che «la preoccupazione maggiore riguarda gli ungulati. E questo lo abbiamo poi segnalato all’Ucp». Oltre a confermarne l'incremento, Putelli precisa che «sul Piano di Magadino, per motivi di sicurezza, la caccia non è praticabile». Il numero crescente di questi animali, come pure dei corvidi, «impone quindi una riflessione sulla componente naturalistica e su quella legata all’agricoltura. Si tratta di trovare il giusto equilibrio» fra le varie sensibilità che caratterizzano il territorio. Un compromesso che non è sempre facile da raggiungere. A ogni modo «anche in questo caso stiamo monitorando la situazione e nei prossimi mesi sarà opportuno un incontro con tutti gli attori coinvolti per fare il punto della situazione».

L'importanza delle misure di protezione

Ma nel frattempo quali sono le indicazioni rivolte agli agricoltori che rischiano di subire danni alle colture agricole da parte degli ungulati? «Innanzitutto li invitiamo a mettere in atto misure di protezione adeguate», sottolinea Putelli, precisando che queste ultime «sono anche sussidiate». Nei casi di capi viziosi che generano troppi danni «in determinate condizioni possiamo intervenire con dei tiri di contenimento». Danni che vengono in ogni caso «in buona parte riconosciuti dall’Ucp». Parlando di misure di protezione, il responsabile dell’Ufficio caccia e pesca ricorda nuovamente che gli agricoltori che si annunciano possono beneficiare di «un sistema di allarme per quanto riguarda i grandi predatori: vengono avvistati della presenza del lupo in una determinata zona e vengono quindi invitati ad adottare le misure di protezione necessarie».

La fondazione cerca un direttore o una direttrice

La Fondazione Parco del Piano di Magadino, «oltre che a promuovere il parco, ha il compito di mediare tra l’attività agricola (circa 70% della superficie del parco), l’attività naturalistica nelle zone apposite e lo svago», precisa Zanini. E nel futuro prossimo sono previste alcune novità. Innanzitutto, «nei prossimi giorni sarà pubblicato il concorso per un nuovo direttore/direttrice». La fondazione si trova infatti sprovvista di una direzione dalla scorsa estate. «Stanno poi arrivando le prime licenze edilizie per la costruzione delle sette porte di accesso al parco. Stiamo inoltre sviluppando, in collaborazione con la Supsi, un progetto di documentazione didattica indirizzato in particolare alle scuole comunali». Infine, sono previsti progetti volti a promuovere il parco in ambito turistico, così come la pubblicazione di «un codice di comportamento, in modo da stimolare comportamenti corretti e consoni rispetto alle altre attività presenti nel parco».

© Regiopress, All rights reserved