laRegione
christian-paglia-dice-addio-alla-politica-di-bellinzona
Addio alla politica turrita (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Casi di rigore, i correttivi nero su bianco

Gli emendamenti fatti propri dalla Gestione: a giorni in Gran Consiglio il voto sul credito da 75,6 milioni a sostegno delle aziende danneggiate dalla chiusura
Luganese
2 ore

Antenna 4G a Campione, interrogazione al governo ticinese

Andrea Censi segnala il tema al Consiglio di Stato e denuncia interferenze anche in centro Città ai danni di numerosi operatori telefonici
Ticino
3 ore

Lavoro ridotto, in una settimana un migliaio di domande

La Divisione dell’economia del Dfe si sta preparando a gestire le richieste delle aziende. Attivata una hotline
Gallery
Mendrisiotto
4 ore

A Chiasso la parte nord del Corso cambia volto

L'intervento, temporaneo, restituisce l'idea di come si immagina la riqualifica globale della via principale della cittadina
Ticino
4 ore

Il vaccino contro i radar? Rispettare i limiti di velocità

La lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari nel corso della settimana dal 25.01.2021 al 31.01.2021
Grigioni
4 ore

Grigioni, da 39 a 100 milioni per i casi di rigore

Col nuovo lockdown le domande 'quadruplicheranno'. Degli aiuti potranno beneficiare tutte le aziende che hanno subito un calo del 15% della cifra d'affari.
Luganese
5 ore

Banda di giovani rinviata a giudizio per rapina a Lugano

Quartetto rischia fino a 5 anni di carcere per aver intimato con le minacce ad altrettanti coetanei di farsi consegnare il denaro in loro possesso
Locarnese
5 ore

Locarno, tornano i prestiti di giochi e libri per ragazzi

Di nuovo a disposizione la Ludoteca e la Biblioteca per i più giovani. Appuntamento da prendere online e divieto di fermarsi a fare attività
Bellinzonese
11.01.2021 - 14:520
Aggiornamento : 16:05

Christian Paglia dice addio alla politica di Bellinzona

Scaricato dalla sezione Plr, che si attendeva le dimissioni dal Municipio, ha ora deciso di non candidarsi nemmeno al Consiglio comunale

Christian Paglia (si chiama) definitivamente fuori dai giochi della politica bellinzonese. Il municipale liberale-radicale, dallo scorso aprile nell’occhio del ciclone per i sorpassi milionari riscontrati in tre cantieri gestiti da ‘suo’ Dicastero opere pubbliche, ha deciso di non ricandidarsi nemmeno per un posto in Consiglio comunale. In un messaggio vocale inviato ad alcuni redattori espone la decisione per motivi «personali e familiari». Lo scorso 29 maggio convocando una conferenza stampa un mese dopo essersi autosospeso dal Settore opere pubbliche (Sop) per facilitare una completa e trasparente inchiesta amministrativa sui superamenti di spesa, aveva spiegato che la decisione di non ricandidarsi al Municipio era dettata dalla volontà di concentrarsi sul proprio impiego alla Scuola universitaria professionale, dove lavora al 70% dirigendo l’Istituto materiali e costruzioni coinvolto nella realizzazione del nuovo campus di Mendrisio destinato al Dipartimento ambiente, costruzioni e design della stessa Supsi. Un cantiere che richiederà l’aumento del suo impegno professionale al 100%, ciò che lo aveva indotto a rinunciare a candidarsi al Municipio per un’altra legislatura. Il quadro, ricordiamo, si è nel frattempo appesantito, tanto che l’Esecutivo una volta preso atto dei due audit sui sorpassi per complessivi 5 milioni gli ha revocato la conduzione del Sop sino a fine legislatura, affidandola al sindaco.

‘Moltissime situazioni positive e alcune negative’

Ora si chiude anche la porta, rimasta aperta in questi mesi, di una sua eventuale ricandidatura per il solo Legislativo, di cui era membro al momento di assumere la carica nel 2011 subentrando all’allora vicesindaco Decio Cavallini, dimissionario per motivi professionali a un solo anno dalle elezioni comunali del 2012. Dopo 10 anni esatti di Municipio e altri quattro di Consiglio comunale, all'età di 50 anni Christian Paglia pone termine anzitempo alla propria carriera politica nella Turrita, che lo ha visto peraltro presiedere il Plr di Bellinzona dal 2010 al 2012. «Un decennio – commenta brevemente alla ‘Regione’ – intenso e interessante, che ha visto la vecchia e la nuova Bellinzona avviare importanti lavori di ammodernamento infrastrutturale. Un impegno che ho assunto affrontando molte situazioni positive e talune, come purtroppo s’è visto, negative». A questo punto ricandidarsi per il Legislativo «diventa impossibile a seguito di alcuni cambiamenti intervenuti nella mia vita privata, ma anche perché non avrei il sostegno della sezione liberale-radicale». La quale, ricordiamo, lo ha ‘scaricato’ a fine dicembre affermando che si sarebbe atteso da lui una maggiore assunzione di responsabilità, ossia le dimissioni immediate dal Municipio in seno al quale rimarrà invece fino al rinnovo dei poteri comunali in agenda il prossimo 18 aprile.

© Regiopress, All rights reserved