ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
43 min

Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona

Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Luganese
43 min

Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà

Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Locarno
8 ore

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
10 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
10 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
11 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
11 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
11 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
07.01.2021 - 16:34
Aggiornamento: 20:09

Terzo binario a Bellinzona, arrivate altre 16 opposizioni

Il totale sale a 43 fra prima e seconda pubblicazione dei piani. Per taluni confinanti le migliorie previste non sono sufficienti

terzo-binario-a-bellinzona-arrivate-altre-16-opposizioni
Il tratto interessato va dalla stazione cittadina al ponte Isolabella (Ti-Press)

Erano 27 nel giugno 2019, oggi se ne aggiungono altre 16. Cresce il numero di opposizioni inoltrate all’Ufficio federale dei trasporti (Uft) contro il tratto di terzo binario previsto a Bellinzona fra la stazione ferroviaria cittadina e il ponte Isolabella, oltre il quale il collegamento è già realtà da alcuni anni fino alla stazione di Giubiasco. Compresa nel nuovo tratto è anche la galleria di Svitto sotto Montebello, cui se ne affiancherebbe una seconda, il tutto completato da una fermata Tilo dietro piazza Indipendenza. Attualmente sono dunque pendenti a Berna 43 opposizioni: 27 pervenute durante la pubblicazione dei piani avvenuta nel maggio 2019, 16 durante la recente seconda pubblicazione (terminata lo scorso 10 dicembre) che includeva una serie di migliorie al progetto.

15 sono della prima ora, più uno nuovo

In questo secondo caso, spiega l’Uft alla ‘Regione’, 15 provengono da opponenti già manifestatisi contro il progetto originario, cui se ne aggiunge una nuova di un privato. A questo stadio della procedura l’Uft afferma di non poter esporre dettagli su chi siano gli opponenti e quali i punti contestati. La procedura richiede a ogni modo molto tempo: basti pensare che le opposizioni di un anno e mezzo fa sono attualmente allo stadio della presa di posizione in replica da parte delle Ffs, committenti dell’opera. Già con la prima tornata di opposizioni i tempi realizzativi si sono procrastinati di un anno (inizio cantiere primavera 2022 anziché primavera 2021 e ultimazione fine 2027 anziché fine 2026); con la seconda tornata sono prevedibili ulteriori ritardi.

Elettrosmog, rumore e vibrazioni

Sono le tre questioni che pesano maggiormente sul progetto. A tal punto che le Ferrovie, recependo positivamente le preoccupazioni dei confinanti, hanno apportato una serie di accorgimenti tecnici volti a contenere nei limiti di legge, o meglio “al minimo tecnicamente possibile”, l’elettrosmog previsto in una parte della palestra delle Scuole elementari sud. Quanto a rumore e vibrazioni, sono state approfondite le analisi effettuate a suo tempo e così adeguate e ottimizzate di conseguenza le misure di protezione. Idem per gli aspetti architettonici, con “diverse modifiche puntuali”. Ciò che non ha però tranquillizzato taluni confinanti. Fra gli opponenti, questa volta, non figura il Municipio di Bellinzona, avendo ritenuto soddisfacente la schermatura dalle radiazioni; sempre pendente, invece, la sua opposizione del 2019 con cui chiede di portare a 1,93 milioni il risarcimento per l’esproprio dell’edificio sede del Dicastero opere pubbliche, stimato dalle Ffs 800mila franchi. Pure contestati i 200mila franchi previsti per espropriare l’area posteggio del Servizio sociale stimata dalla Città oltre mezzo milione.

Leggi anche:

Onde magnetiche e altri problemi: progetto migliorato

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved