lo-sportello-come-legame-tra-quartiere-e-comune
L'ex comune di Gudo (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
4 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
14 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
18 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
19 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
19 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
19 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
19 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
19 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
19 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
20 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
21 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
21 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
21 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
21 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
22 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
22 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
laR
 
05.01.2021 - 06:00

Lo sportello come 'legame tra quartiere e Comune'

Giacomo Zanini, ex sindaco di Gudo: 'Manca una persona di riferimento'. Mario Branda: le associazioni di quartiere 'funzionano egregiamente'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Genera anche malumori la riduzione del servizio presso gli sportelli multifunzionali di Gudo e Preonzo. Non tanto per la limitazione dell’accesso che da questa settimana sarà possibile solamente il mercoledì dalle 9.30 alle 12, ma per quello che questi sportelli dovrebbero o potrebbero rappresentare per la popolazione: «Manca un una persona di riferimento che abbia la responsabilità di mantenere le relazioni fra il quartiere e il Comune», afferma a ‘laRegione’ Giacomo Zanini, ex sindaco di Gudo. Una problematica che secondo il sindaco di Bellinzona Mario Branda potrebbe essere risolta con l’istituzione di un’associazione di quartiere che in altri ex comuni «sta funzionando egregiamente».

A Gudo e Preonzo sportelli poco frequentati

Il motivo che ha indotto il Municipio a ridurre l’accesso agli sportelli multifunzionali di Gudo e Preonzo è legato alla loro frequentazione: «Ve ne sono alcuni molto sollecitati, anche più del previsto, e altri, invece, che non lo sono per nulla», precisa Branda riferendosi in particolare a quelli dei due quartieri in questione. Inoltre, anche la digitalizzazione dei servizi ha ovviamente un impatto sull’affluenza: oggi sempre più informazioni o documenti sono a disposizione online.

Tuttavia, secondo Zanini, se da un lato ciò può essere comprensibile, dall’altro la riduzione di questo servizio può provocare un ulteriore problema: «Viene così a mancare un legame tra un il quartiere e il Municipio». Un legame che ha iniziato a deteriorarsi con l’aggregazione, quando «agli sportelli di quartiere sono state tolte la maggior parte delle loro funzionalità. E ora forniscono ai cittadini servizi amministrativi di poco conto». Tuttavia, «allora mi era stato detto che questa impostazione avrebbe comunque garantito i contatti tra quartieri e Comune, dando così anche seguito alla promozione delle comunità locali, come era previsto».

'Ci vuole una persona che conosca il territorio'

Ma ciò, stando all’ex sindaco di Gudo, non è avvenuto anche a causa delle persone che gestivano lo sportello: «Per un anno è stato gestito da un funzionario che non aveva interesse a sviluppare questo legame con il Comune. In seguito, per quasi un anno e mezzo, vi erano tre persone diverse che si occupavano dello sportello». È dunque mancata «una persona di riferimento per la popolazione che conoscesse il territorio, che fosse in grado di capire cosa stava accadendo e aiutare i cittadini». Insomma, lo sportello di quartiere non dovrebbe più essere quello tradizionale, nel quale si andava principalmente a chiedere informazioni o a espletare questioni amministrative di poco conto (pratiche che oggi si possono anche fare in rete): «I cittadini si aspettano qualcosa d’altro e dovrebbe essere gestito da persone che rappresentano l’amministrazione comunale nel quartiere». In caso contrario, ciò provocherebbe «la disaffezione da parte della popolazione nei confronti dell’ente pubblico, con possibili risvolti negativi sulla comunità e i loro bisogni».

Commissione di quartiere nella prossima legislatura

Per cercare di valorizzare questo servizio si potrebbe pensare di «usare gli sportelli anche come antenne dell’Ente turistico, fornendo informazioni ai visitatori», sottolinea Zanini. «Oppure anche come servizio postale», come del resto già avviene in altri quartieri. A Gudo, però, «oggi gli abitanti di Gudo devono recarsi a Cugnasco per usufruire di un servizio postale». Un’altra soluzione per cercare di rafforzare il legame tra quartiere e Municipio sarebbe quella di «creare una commissione di quartiere». Una commissione che dovrebbe essere istituita dal Municipio, nel caso in cui non sia possibile fondare un’associazione di quartiere, come è già avvenuto in diversi altri ex Comuni. «Non so per quale ragione – rileva Branda – a Gudo, malgrado le nostre sollecitazioni, non è ancora stato possibile trovare qualcuno che si prefiggesse di costituire un’associazione di quartiere» che in altri ex comuni «sta funzionando bene». Un organo che «ci permetterebbe di avere un’antenna sul territorio per identificare eventuali problemi e risolverli insieme». Il sindaco è consapevole che si tratta di «uno sforzo non scontato», ma ricorda anche che «queste associazioni beneficiano di un contributo finanziario da parte della Città, con cui possono organizzare attività o sistemare piccole questioni locali». Tuttavia, a Gudo si preferirebbe un commissione di quartiere. Ma perché non è ancora stata istituita da parte del Municipio? «Non sono state trovate le persone disponibili», rileva Branda. Se, come sembra, nei prossimi mesi non sarà possibile fondare un’associazione, allora «con la nuova legislatura il Municipio istituirà la commissione di quartiere».

Fabio Pasinetti non vede 'particolari problemi'

In ogni caso, secondo il sindaco, gli sportelli multifunzionali «non saranno chiusi», anche se il loro servizio sarà ridotto. Una riduzione che il consigliere comunale ed ex sindaco di Preonzo Fabio Pasinetti comprende: «Già in passato si prevedeva che con il passare degli anni l’utenza sarebbe calata. Ed in effetti è accaduto», anche a causa delle possibilità che oggigiorno offre internet. Per Pasinetti questa situazione «non genererà particolari problemi». E questo anche grazie all’associazione di quartiere che «sembra funzionare bene», visto che permette di «raccogliere suggerimenti o critiche da parte della popolazione» e poi discuterne con il Municipio. Insomma, almeno per quanto riguarda Preonzo, «il temuto distacco tra quartiere e Comune non sembra essere avvenuto».

Leggi anche:

A Gudo e Preonzo sportelli aperti solo due ore alla settimana

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gudo preonzo sportello multifunzionale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved