ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie

L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
6 ore

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
7 ore

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
7 ore

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
8 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
8 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
9 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
Luganese
9 ore

Lugano celebra i suoi volontari

In occasione della Giornata internazionale del volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il Municipio ha ringraziato i settecento presenti
Bellinzonese
9 ore

Bella prova degli schermidori turriti in quel di Küssnacht

Associazione Bellinzona scherma soddisfatta dei propri atleti che hanno partecipato alla prima gara a livello nazionale dopo il lungo stop dovuto al Covid
Luganese
9 ore

Cureglia, dopo due anni torna il pranzo per le persone in Avs

Al tradizionale appuntamento hanno partecipato centinaia di cittadini e il Municipio al completo guidato dalla sindaca Tessa Gambazzi Pagnamenta
Locarnese
10 ore

La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’

Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Bellinzonese
10 ore

Riduzione della sofferenza psicofisica o stress con l’Atte

Il corso di Mindfulness (otto incontri e una giornata intensiva) si terrà a partire dal 18 gennaio al Centro diurno a Bellinzona
Mendrisiotto
10 ore

Lanciata la petizione contro il postribolo a Balerna

Nelle scorse settimane era stata depositata la richiesta per il cambio di destinazione d’uso di un edificio che attualmente ospita un’officina
Bellinzonese
10 ore

A Bellinzona torna la notte di musica live nei bar

Mercoledì 7 dicembre, dalle 19 a mezzanotte in centro città, si terranno 9 concerti in 7 locali
Locarnese
11 ore

Concerto d’Avvento giovedì a Verscio

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, la Chiesa di San Fedele si appresta ad accogliere il tradizionale appuntamento musicale prenatalizio
Locarnese
11 ore

Mercato di Natale in Città Vecchia a Locarno

Dopo due anni condizionati dalla pandemia, si rinnova il tradizionale appuntamento del cuore storico cittadino; 230 le bancarelle allestite
Locarnese
11 ore

L’‘inCanto’ è un Concerto di Natale con il Coro Fat

Sabato 10 dicembre alle 18 appuntamento nella Chiesa parrocchiale di Brione sopra Minusio con l’ensemble diretta dal maestro Gabriele Beltrami
Ticino
11 ore

Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’

Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Locarnese
11 ore

Con Zurich On Ice scende in pista il Fairplay nello sport

A Locarno On Ice denso programma di animazioni per le prossime giornate. Compresa la presenza dei giocatori di Ambrì Piotta e Lugano
Grigioni
11 ore

Oltre allo sci, anche un mercato e San Nicolao a San Bernardino

L’evento è previsto sabato 10 dicembre al Centro sportivo, quando apriranno anche altre piste di fondo
Mendrisiotto
11 ore

Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’

Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Bellinzonese
11 ore

Concerto di gala della Filarmonica di Biasca

Appuntamento in programma domenica 11 dicembre alle 16.30 nella palestra della Scuola professionale
laR
 
29.12.2020 - 06:00

Bellinzonese e Alto Ticino: ‘Fare squadra per andare in gol’

Da un anno Manuel Cereda dirige l’Ente regionale per lo sviluppo. Lo abbiamo intervistato: ‘L’importanza della strategia’

di Samantha Ghisla
bellinzonese-e-alto-ticino-fare-squadra-per-andare-in-gol
Manuel Cereda è entrato in carica il 1° gennaio 2020

Il suo motto è fare gioco di squadra e per ottenere ciò ritiene sia necessario assistere i giocatori per condividere con loro l’obiettivo comune, la direzione verso cui andare. Le metafore calcistiche stanno a cuore a Manuel Cereda, dal 1° gennaio 2020 direttore dell’Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e Valli (Ers-Bv). L’anno trascorso assumendo questo ruolo (che era stato lasciato vacante da Raffaele De Rosa eletto in Consiglio di Stato) è stato segnato dalla pandemia ma, a parte questo aspetto imprevisto, Cereda ne trae un bilancio positivo e guarda al futuro, anche grazie a una serie di progetti in fase di concretizzazione o di avvio. «È un territorio con del potenziale di sviluppo enorme e sono convinto che nei prossimi 5-10 anni ciò emergerà in modo molto evidente», ci racconta dalla sua sede di Biasca. E per fare questo, la strategia è come detto il gioco di squadra tra i vari attori, pubblici e privati, che operano sul territorio. «Se uno si lamenta perché non gli passano la palla non ottiene nulla, se fa squadra con gli altri e tutti sanno qual è la strategia per riuscire a fare gol, il team è pronto ad affrontare tutti i tipi di terreno e di avversari», sottolinea. 

A causa della pandemia e delle sue conseguenze più dirette la progettualità nel Bellinzonese e valli ha subito una battuta d’arresto?

Nient’affatto. È stato un anno intenso, durante il quale sono entrato nel merito di molti progetti e ho conosciuto vari attori sul territorio, anche se in tal senso la pandemia non ha aiutato. Posso dirmi positivamente sorpreso per la voglia e l’energia che c’è sia a livello di enti locali ma anche da parte dei privati di voler fare qualcosa. Ci sono persone e aziende che vogliono reinventarsi per far fronte alla situazione; hanno idee nuove e innovative. Non c’è solo chi si aspetta un aiuto contingente ma anche chi affronta in modo positivo la sfida.

Quali sono i progetti che contribuiranno allo sviluppo della regione nei prossimi anni?

I progetti faro che incidono sullo sviluppo economico hanno bisogno di parecchi anni per la realizzazione. Ma ve ne sono parecchi in fase di progettazione o di concretizzazione, a cominciare dalla copertura autostradale di Airolo che darà un impulso importante a tutta la valle, ma anche la nuova Valascia, il Ritom 2 sia per la parte energetica, sia in ambito di rilancio turistico. Anche gli impianti di risalita e il loro rilancio saranno un tema caldo, un esempio in tal senso è il progetto 365 per Campo Blenio-Ghirone. Vi è poi il previsto Centro turistico Sun Village ad Acquarossa, un progetto che inciderà su tutta la dinamica della valle, così come il nuovo Polisport di Olivone; e un risvolto regionale l’avrà anche il futuro di Riviera Airport. A Bellinzona oltre alla Fortezza, c’è fermento sulla sponda destra e sinistra, ma anche per quanto riguarda la Terrazza sul Bellinzonese a Lumino. E poi ci sono i poli di sviluppo economico della regione. Impossibile citarli tutti, ma la sfida è coordinare tutto questo, attori che hanno idee che vanno nella stessa direzione o sono sinergici e che assieme potrebbero essere più attrattivi o creare un prodotto turistico ancora più accattivante. Il ruolo dell’Ers-Bv è dare loro una mano a mettersi in rete e riuscire a sviluppare un progetto più solido e con maggiori chance di riuscita, in modo da creare maggiori indotti, diretti e indiretti, sul territorio.

I vostri interlocutori sono perlopiù enti pubblici o privati?

Si tratta di un bel mix. Ci sono imprenditori che vedono ogni sfida come opportunità per migliorare, rilanciarsi, riposizionarsi, ma ci sono anche molti Comuni con tratti imprenditoriali. L’ente locale di oggi non si occupa più unicamente di fornire i servizi di base, molti ragionano in termini di sviluppo socio-economico e di progetti di supporto all’imprenditoria privata. Un ruolo importante in tal senso lo giocano la Città di Bellinzona, quale polo funzionale della regione, e il Bellinzonese, ma anche la Riviera e le valli superiori non si tirano indietro quanto a propositività, anzi. Infatti sia la Valle di Blenio che la Leventina saranno impegnate nei prossimi mesi nell’aggiornamento (la prima) e nella creazione (la seconda) del Masterplan.

Concretamente cosa porterà alle valli questo strumento?

Se viene realizzato un Masterplan non vuol dire che già attualmente non ci siano dei progetti e non si tratterà nemmeno di elaborare una lista di questi progetti. Lo scopo è quello di riuscire a creare unità d’intenti, in modo da conoscere gli obiettivi di crescita nei futuri 5-10 anni e sapere così qual è la direzione da seguire. Ad esempio in Leventina i Comuni dovranno condividere i propri obiettivi e fare squadra. Il masterplan è un modo di ragionare e di lavorare. E proprio per gestire e implementare al meglio ciascun masterplan ognuno ha un’antenna, una persona di riferimento. Dopo quella per la Valle di Blenio introdotta 5 anni fa, a breve verrà aperto il concorso per un project manager della Leventina e aumenteremo così il nostro organico di un’unità, garantendo come ente sempre la visione d’insieme per l’intera regione.

Quali prospettive per la zona industriale della Bassa Leventina che dovrebbe diventare un Polo di sviluppo economico (Pse)?

L’idea è di creare le condizioni di base migliori affinché questo polo possa attirare nuove aziende e permettere a quelle presenti di operare in modo ancora più performante a livello nazionale e internazionale. I Comuni di Bodio, Giornico e Personico dovranno anzitutto pensare alla pianificazione. Poi enti locali, proprietari dei sedimi, Ers-Bv e Cantone devono creare una governance, un gruppo che decide le regole del gioco per stabilire chi si insedierà, chi rimane, chi esce dalla Pse. I vantaggi: oltre ad avere un territorio pianificato a regola d’arte, la governance permetterà di avere un controllo armonioso sui contenuti in modo da riuscire a creare posti di lavoro qualificati per lavoratori che risiedano nella regione. Attualmente il polo ne conta già 450 e dispone inoltre di un campus formativo che si sta ampliando.

Molte strutture ricettive come alberghi e ristoranti sono vetuste o in disuso, soprattutto nelle valli. In questo ambito manca progettualità?

All’imprenditore in ambito turistico, che si tratti di un albergatore o di un proprietario di residenze secondarie, quest’anno è servito per dare una spinta a prendere delle decisioni. È diventata un’evidenza che bisogna fare qualcosa. C’è chi non può permetterselo o non vuole, ma per chi ha i mezzi è il momento giusto per investire. Il mercato si sta infatti riorientando e questo sarà un tema fondamentale nei masterplan perché gli investimenti futuri in questo campo dovranno essere mirati. Lavorando a stretto contatto con l’Organizzazione turistica regionale percepisco dinamismo da parte del territorio, c’è gente che ha idee e mette molta cura nell’offerta di prodotti. Gli ospiti cercano tranquillità, natura, ma anche un certo stile, e quindi è necessario portare avanti un aggiornamento delle strutture che è già iniziato. La richiesta è grande e con l’arrivo del Treno Gottardo di Sob siamo ancora più connessi con potenziali visitatori: dobbiamo allargare ulteriormente gli orizzonti e cogliere le nuove opportunità. Abbiamo tutte le peculiarità per riuscire a creare nuove offerte, nuove esperienze turistiche, generando indotto per tutta la regione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved