bellinzonese-e-alto-ticino-fare-squadra-per-andare-in-gol
Manuel Cereda è entrato in carica il 1° gennaio 2020
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
46 min

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
1 ora

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
1 ora

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
1 ora

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
2 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
2 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
2 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
2 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
Locarnese
3 ore

Al Paravento Yari Bernasconi e la musica classica indiana

Venerdì la poesia e il sabato note folk di qualità per gli ultimi due appuntamenti della stagione inverno-primavera
Locarnese
3 ore

Cavigliano, Re Bagulon convoca i sudditi per l’assemblea

Venerdì la Società Carnevale si riunisce nella sala comunale (inizio alle 20) per discutere anche di finanze
Locarnese
3 ore

Losone, tombola e merenda per beneficiari Avs

Domani un pomeriggio di festa organizzato dal gruppo mamme alla Fondazione Patrizia
Mendrisiotto
4 ore

Mks Pamp impegnata a ridurre l’impatto ambientale

L’azienda di Castel San Pietro, attiva nella lavorazione di metalli preziosi, mira a rispettare le indicazioni degli Accordi di Parigi
Locarnese
4 ore

Lupo a Cerentino: autorizzato l’abbattimento

Germano Mattei: ‘Decisione inevitabile, anche se tardiva’. L’esemplare aveva attaccato e ucciso 19 pecore lo scorso 26 aprile in Val Rovana.
Grigioni
5 ore

Fra i nominati a Museo europeo dell’anno pure quello del Moesano

Durante la premiazione che si è svolta in Estonia (vincitore Museo della Mente dei Paesi Bassi) la struttura grigionese ha ricevuto un prestigioso diploma
Luganese
5 ore

Promossa l’accusa al Tpf per l’accoltellatrice della Manor

L’imputata dovrà rispondere di tentato assassinio, violazione della legge federale che vieta i gruppi islamisti, ed esercizio illecito della prostituzione
Locarnese
6 ore

Gambarogno, cade da 4 metri: serie ferite per un operaio

L’incidente si è verificato stamane sui Monti di Gerra. Dopo le prime cure sul posto, il malcapitato è stato elitrasportato all’ospedale
Ticino
6 ore

Covid, 107 test positivi nelle ultime 24 ore. Nessun decesso.

Anche oggi nelle case per anziani del cantone non si registrano nuovi casi di coronavirus
Locarnese
6 ore

Linea ferroviaria Cadenazzo-Locarno, lavori in vista

Dal 20 al 23 maggio modifiche nella circolazione dei treni, con cambiamenti d’orario e sostituzione con bus
Bellinzonese
6 ore

Bellinzona, presentazione di una rivista di pensieri libertari

Appuntamento per sabato 21 maggio alle 16.30 al Circolo Carlo Vanza con la direttrice editoriale di Emma Carlotta Pedrazzini
Locarnese
6 ore

Concerto finale della Scuola popolare di musica di Locarno

Alla Sopracenerina con prenotazione del posto a sedere (massimo 190)
Luganese
7 ore

Lugano, ceduto l’immobile dove ha sede la polizia

Lo stabile di via Beltramina a Molino Nuovo è stato ceduto dalla Cassa pensioni dei dipendenti alla Fondazione d’investimento Avadis
Mendrisiotto
7 ore

Vacallo, è Festival della canzone dialettale

Aperte le iscrizioni per la prima edizione che si svolgerà in una serata in luglio nella piazza del Municipio
laR
 
29.12.2020 - 06:00

Bellinzonese e Alto Ticino: ‘Fare squadra per andare in gol’

Da un anno Manuel Cereda dirige l’Ente regionale per lo sviluppo. Lo abbiamo intervistato: ‘L’importanza della strategia’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il suo motto è fare gioco di squadra e per ottenere ciò ritiene sia necessario assistere i giocatori per condividere con loro l’obiettivo comune, la direzione verso cui andare. Le metafore calcistiche stanno a cuore a Manuel Cereda, dal 1° gennaio 2020 direttore dell’Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e Valli (Ers-Bv). L’anno trascorso assumendo questo ruolo (che era stato lasciato vacante da Raffaele De Rosa eletto in Consiglio di Stato) è stato segnato dalla pandemia ma, a parte questo aspetto imprevisto, Cereda ne trae un bilancio positivo e guarda al futuro, anche grazie a una serie di progetti in fase di concretizzazione o di avvio. «È un territorio con del potenziale di sviluppo enorme e sono convinto che nei prossimi 5-10 anni ciò emergerà in modo molto evidente», ci racconta dalla sua sede di Biasca. E per fare questo, la strategia è come detto il gioco di squadra tra i vari attori, pubblici e privati, che operano sul territorio. «Se uno si lamenta perché non gli passano la palla non ottiene nulla, se fa squadra con gli altri e tutti sanno qual è la strategia per riuscire a fare gol, il team è pronto ad affrontare tutti i tipi di terreno e di avversari», sottolinea. 

A causa della pandemia e delle sue conseguenze più dirette la progettualità nel Bellinzonese e valli ha subito una battuta d’arresto?

Nient’affatto. È stato un anno intenso, durante il quale sono entrato nel merito di molti progetti e ho conosciuto vari attori sul territorio, anche se in tal senso la pandemia non ha aiutato. Posso dirmi positivamente sorpreso per la voglia e l’energia che c’è sia a livello di enti locali ma anche da parte dei privati di voler fare qualcosa. Ci sono persone e aziende che vogliono reinventarsi per far fronte alla situazione; hanno idee nuove e innovative. Non c’è solo chi si aspetta un aiuto contingente ma anche chi affronta in modo positivo la sfida.

Quali sono i progetti che contribuiranno allo sviluppo della regione nei prossimi anni?

I progetti faro che incidono sullo sviluppo economico hanno bisogno di parecchi anni per la realizzazione. Ma ve ne sono parecchi in fase di progettazione o di concretizzazione, a cominciare dalla copertura autostradale di Airolo che darà un impulso importante a tutta la valle, ma anche la nuova Valascia, il Ritom 2 sia per la parte energetica, sia in ambito di rilancio turistico. Anche gli impianti di risalita e il loro rilancio saranno un tema caldo, un esempio in tal senso è il progetto 365 per Campo Blenio-Ghirone. Vi è poi il previsto Centro turistico Sun Village ad Acquarossa, un progetto che inciderà su tutta la dinamica della valle, così come il nuovo Polisport di Olivone; e un risvolto regionale l’avrà anche il futuro di Riviera Airport. A Bellinzona oltre alla Fortezza, c’è fermento sulla sponda destra e sinistra, ma anche per quanto riguarda la Terrazza sul Bellinzonese a Lumino. E poi ci sono i poli di sviluppo economico della regione. Impossibile citarli tutti, ma la sfida è coordinare tutto questo, attori che hanno idee che vanno nella stessa direzione o sono sinergici e che assieme potrebbero essere più attrattivi o creare un prodotto turistico ancora più accattivante. Il ruolo dell’Ers-Bv è dare loro una mano a mettersi in rete e riuscire a sviluppare un progetto più solido e con maggiori chance di riuscita, in modo da creare maggiori indotti, diretti e indiretti, sul territorio.

I vostri interlocutori sono perlopiù enti pubblici o privati?

Si tratta di un bel mix. Ci sono imprenditori che vedono ogni sfida come opportunità per migliorare, rilanciarsi, riposizionarsi, ma ci sono anche molti Comuni con tratti imprenditoriali. L’ente locale di oggi non si occupa più unicamente di fornire i servizi di base, molti ragionano in termini di sviluppo socio-economico e di progetti di supporto all’imprenditoria privata. Un ruolo importante in tal senso lo giocano la Città di Bellinzona, quale polo funzionale della regione, e il Bellinzonese, ma anche la Riviera e le valli superiori non si tirano indietro quanto a propositività, anzi. Infatti sia la Valle di Blenio che la Leventina saranno impegnate nei prossimi mesi nell’aggiornamento (la prima) e nella creazione (la seconda) del Masterplan.

Concretamente cosa porterà alle valli questo strumento?

Se viene realizzato un Masterplan non vuol dire che già attualmente non ci siano dei progetti e non si tratterà nemmeno di elaborare una lista di questi progetti. Lo scopo è quello di riuscire a creare unità d’intenti, in modo da conoscere gli obiettivi di crescita nei futuri 5-10 anni e sapere così qual è la direzione da seguire. Ad esempio in Leventina i Comuni dovranno condividere i propri obiettivi e fare squadra. Il masterplan è un modo di ragionare e di lavorare. E proprio per gestire e implementare al meglio ciascun masterplan ognuno ha un’antenna, una persona di riferimento. Dopo quella per la Valle di Blenio introdotta 5 anni fa, a breve verrà aperto il concorso per un project manager della Leventina e aumenteremo così il nostro organico di un’unità, garantendo come ente sempre la visione d’insieme per l’intera regione.

Quali prospettive per la zona industriale della Bassa Leventina che dovrebbe diventare un Polo di sviluppo economico (Pse)?

L’idea è di creare le condizioni di base migliori affinché questo polo possa attirare nuove aziende e permettere a quelle presenti di operare in modo ancora più performante a livello nazionale e internazionale. I Comuni di Bodio, Giornico e Personico dovranno anzitutto pensare alla pianificazione. Poi enti locali, proprietari dei sedimi, Ers-Bv e Cantone devono creare una governance, un gruppo che decide le regole del gioco per stabilire chi si insedierà, chi rimane, chi esce dalla Pse. I vantaggi: oltre ad avere un territorio pianificato a regola d’arte, la governance permetterà di avere un controllo armonioso sui contenuti in modo da riuscire a creare posti di lavoro qualificati per lavoratori che risiedano nella regione. Attualmente il polo ne conta già 450 e dispone inoltre di un campus formativo che si sta ampliando.

Molte strutture ricettive come alberghi e ristoranti sono vetuste o in disuso, soprattutto nelle valli. In questo ambito manca progettualità?

All’imprenditore in ambito turistico, che si tratti di un albergatore o di un proprietario di residenze secondarie, quest’anno è servito per dare una spinta a prendere delle decisioni. È diventata un’evidenza che bisogna fare qualcosa. C’è chi non può permetterselo o non vuole, ma per chi ha i mezzi è il momento giusto per investire. Il mercato si sta infatti riorientando e questo sarà un tema fondamentale nei masterplan perché gli investimenti futuri in questo campo dovranno essere mirati. Lavorando a stretto contatto con l’Organizzazione turistica regionale percepisco dinamismo da parte del territorio, c’è gente che ha idee e mette molta cura nell’offerta di prodotti. Gli ospiti cercano tranquillità, natura, ma anche un certo stile, e quindi è necessario portare avanti un aggiornamento delle strutture che è già iniziato. La richiesta è grande e con l’arrivo del Treno Gottardo di Sob siamo ancora più connessi con potenziali visitatori: dobbiamo allargare ulteriormente gli orizzonti e cogliere le nuove opportunità. Abbiamo tutte le peculiarità per riuscire a creare nuove offerte, nuove esperienze turistiche, generando indotto per tutta la regione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alto ticino bellinzonese manuel cereda
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved