Yverdon-sport Fc
1
Sciaffusa
0
1. tempo
(1-0)
FC Stade Ls Ouchy
0
Xamax
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
2
Winterthur
0
1. tempo
(2-0)
MEKTIC N./PAVIC M.
0
CACIC N./DJOKOVIC N.
0
fine
MEKTIC N./PAVIC M.
0
DJOKOVIC N./KRAJINOVIC F.
0
1 set
(3-2)
Zurigo
2
Bienne
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Friborgo
2
Berna
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Ginevra
1
Lakers
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Losanna
2
Davos
1
2. tempo
(1-0 : 1-1)
Olten
3
Langenthal
2
2. tempo
(2-1 : 1-1)
La Chaux de Fonds
2
Turgovia
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Sierre
0
Visp
3
2. tempo
(0-2 : 0-1)
Ticino Rockets
1
GCK Lions
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
Winterthur
0
Zugo Academy
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
eritrea-deceduta-per-il-marito-16-anni-di-carcere
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
39 min

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
1 ora

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
2 ore

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
2 ore

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
2 ore

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
2 ore

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
2 ore

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
2 ore

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
2 ore

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
3 ore

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Ticino
3 ore

Tutte le caselline dei... radar

La prossima settimana i controlli si svolgeranno nei distretti di Bellinzona, Blenio, Locarno, Lugano e Mendrisio
Bellinzonese
3 ore

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Locarnese
3 ore

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza
il video
Bellinzonese
4 ore

Covid Pass obbligatorio nel capannone in Piazza del Sole

Il Municipio di Bellinzona opta da subito per il 2G ma non per la pista di ghiaccio e lo snow-tubing. Mascherina al mercato del sabato e a quelli natalizi
Luganese
4 ore

Porte aperte al convento del Bigorio

In programma l’8 dicembre, sarà possibile visitare: il museo, il coro dei frati, il corridoio delle celle, la biblioteca e la cappella di Botta
Luganese
4 ore

Croce Rossa, ‘la pandemia ha cambiato il nostro modo d’aiutare’

Il servizio ‘Baby help - Mamy help’ sostiene da 25 anni i genitori con figli malati. ‘Le quarantene ci impediscono di entrare in azione’
Luganese
4 ore

Tilo soppressi provvisoriamente fra Lugano e Taverne

I treni saranno sostituiti da bus. I provvedimenti sono dovuti a lavori di manutenzione da mezzanotte alle 5.20 fra il 5 e il 6 dicembre.
Bellinzonese
23.12.2020 - 17:210
Aggiornamento : 24.12.2020 - 00:45

Eritrea deceduta, per il marito 16 anni di carcere

Per la Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa è stato lui a spingere la moglie dal balcone, uccidendola

Le lacrime, il capo chino, la testa tra le mani. È disperato il 39enne eritreo quando apprende che è appena stato condannato a 16 anni di carcere per avere ucciso la moglie spingendola giù dal quinto piano di una palazzina in via San Gottardo a Bellinzona, la sera del 3 luglio 2017. Assassinio il reato configurato dalla Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa (giudici a latere Renata Loss Campana e Manuel Borla) che sul conto dell'uomo ha inoltre sancito l'espulsione dalla Svizzera per 15 anni e l'obbligo di risarcire i due figli rimasti orfani con 50mila franchi ciascuno (abbracciando così la richiesta del legale dell’accusa privata, Demetra Giovanettina). Non ha quindi retto la tesi difensiva sostenuta dall’avvocata Manuela Fertile, che durante la sua arringa aveva chiesto il proscioglimento del suo assistito, sostenendo che la donna si sia suicidata per farla pagare al marito che non riconosceva la sua fedeltà, e che il coniuge abbia cercato di salvarla senza riuscirsi. «Difficile credere che si sia uccisa per punire il marito di non crederle, facendo così cadere la colpa su di lui», ha affermato Villa, escludendo l’ipotesi che la moglie volesse giungere al risultato di privare i suoi figli di entrambi i genitori. 

Limpido, per la Corte, il movente dell'uomo: «stupida, becera e assurda gelosia». Una gelosia, ha sottolineato il giudice Villa, ancora più ingiustificata date le spiegazioni che sia la vittima che la dottoressa della donna avevano dato al marito, al quale era infatti stato spiegato chiaramente che non esisteva nessuna gravidanza e che l'epatite B contratta dalla donna (che il marito imputava a una relazione extraconiugale) aveva invece origine remota e non era ad ogni modo dovuta a un rapporto sessuale. La sera del 3 luglio 2017 ha affrontato la donna a muso duro per estorcerle finalmente il nome del presunto amante. Nel soggiorno, dopo un accesso confronto fisico e verbale, ha quindi perso il controllo e l'ha voluta punire a causa del suo silenzio. Il suo senso punitivo, ha continuato il giudice, «lo ha portato a compiere un gesto inaccettabile: ha ucciso la madre dei suoi figli solo perché lui, quella sera, doveva arrivarne ad una». 

Ridotta di due anni la pena proposta dal procuratore pubblico Moreno Capella (il quale ne aveva chiesti 18) a causa della specificità della situazione personale dell’imputato, del suo passato travagliato, dei tre anni e mezzo di carcere già scontati e del lungo periodo che ancora dovrà passare lontano dai suoi affetti e dalla sua patria.

’Si è pentito quando era troppo tardi’

«Si è pentito solo quando il danno irreparabile era ormai stato fatto». Lo dimostrano – ha spiegato Villa – i cinque minuti che ha impiegato per scendere sul piazzale dopo la caduta della moglie da un'altezza di circa 18 metri. Cinque minuti in cui l’imputato si è «inventato una storia credibile ai suoi occhi», ma che non ha retto per la Corte, soprattutto a causa delle ricostruzioni tecnico-scientifiche affidate all'Istituto di medicina legale di Berna, che così ha concluso: solo attraverso una spinta, e non un atto volontario di lasciarsi cadere, il corpo della vittima poteva giungere dove è stato trovato (a circa tre metri e mezzo dell’edificio). Ergo: se la donna si fosse suicidata, e il marito fosse dunque riuscito a trattenerla nel vuoto dopo averla afferrata per il polso, «mai il corpo avrebbe potuto raggiungere la posizione in cui è stato trovato», ma sarebbe stato più vicino al muro della palazzina. Inoltre, ha aggiunto Villa, è solo attraverso un movimento rotatorio frutto di una spinta che il corpo della vittima poteva atterrare sull’asfalto dalla parte della testa. «Pur non avendo sufficienti elementi per sostenere senza dubbio alcuno che sia stato lui a mettere la moglie a cavalcioni sul parapetto», la Corte ha accertato che «trovarsi lì era di certo contro la sua volontà. Altrimenti mal si comprenderebbero le importanti escoriazioni rinvenute sul suo braccio sinistro, che altro non sono che un innegabile segno dell’aggrapparsi al parapetto». La donna ha insomma cercato di contrastare la forza del marito. «Segni che non ci sarebbero mai stati se la vittima, come sostenuto dalla difesa, si fosse fatta scivolare», ha aggiunto Villa, escludendo così l’ipotesi del suicidio. «Parliamo inoltre di una persona positiva, fiera e felice di poter dare un futuro a se stessa e ai suoi figli in Svizzera. Partendo dall’Eritrea, aveva superato un ’viaggio della speranza’, raggiungendo il marito che aveva sposato per amore. In Ticino aveva trovato il suo ’El Dorado’, e appena lo raggiunge si suicida lasciando orfani i suoi bambini? C’è francamente da chiedersi quale madre lo farebbe. Forse nel caso di una persona fragile, ma nessuno aveva mai indicato problemi di natura psichiatrica e comportamentale della vittima». La Corte ha inoltre considerato i verbali di alcuni vicini di casa della coppia: mentre la lite proseguiva sul terrazzo, i testimoni hanno udito «almeno una voce maschile alterata e, dopo una ventina di secondi, l’impatto del corpo sull'asfalto». Non espressasi in aula alla precisa domanda del giudice, l’avvocata Fertile valuterà prossimamente se impugnare la sentenza e ricorrere al Tribunale d’appello e di revisione penale. 

Assolto dal tentato assassinio

In applicazione del principio in dubio pro reo, l’imputato è stato invece prosciolto dall’accusa di tentato assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, in merito ai fatti del 29 maggio 2017 (poco più di un mese prima della tragedia), quando secondo la pubblica accusa l’uomo aveva già cercato di spingere la moglie giù dal balcone. La Corte ha ritenuto che le sole testimonianze agli atti non siano sufficienti per la realizzazione soggettiva e oggettiva delle due ipotesi di reato. 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved