stadio-e-policentro-il-cc-di-bellinzona-vota-col-naso-turato
Giugno 2019, taglio del nastro della nuova struttura polivalente di Pianezzo: il bubbone stava per scoppiare (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
52 min

Il cinema di Pieraccioni sotto le stelle di Dalpe

Giovedì 11 agosto alle 21.15 nei prati allo scilift Bedrina verrà proiettato il nuovo film del regista italiano. Entrata libera
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, torna in settembre Penz...iamo

Alla tradizionale corsa podistica di 10 chilometri, si aggiunge un percorso di due miglia per chi vuole divertirsi senza l’assillo della competizione.
Locarnese
1 ora

Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali

Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Bellinzonese
2 ore

Alla scoperta della villa di Mèdra tra natura e cultura

L’omonima associazione domenica 21 agosto organizza una visita guidata per conoscere la storia e gli aspetti naturalistici del territorio
Bellinzonese
2 ore

Carì, serata jazz a 2’000 metri

Sabato 13 agosto a partire dalle 17 il clarinettista Marco Santilli si esibirà in un trio ad-hoc sulla terrazza dell’osteria Belvedere
Luganese
3 ore

Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia

Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
4 ore

Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova

Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
Bellinzonese
7 ore

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
Ticino
7 ore

Pensioni statali, c’è chi chiede di fare retromarcia

Mozione dell’Mps: ‘Assurdo affidare la cassa al mercato azionario, si torni almeno alla proposta iniziale del governo’. La Lega: ‘Sarà referendum’.
Ticino
7 ore

Il Plr: ‘Un Piano d’azione per razionalizzare la luce pubblica’

Illuminazione e lotta agli sprechi, con una mozione Michela Ris chiede al Cantone di fare la sua parte. Nostra panoramica nei Comuni, che fanno già molto
Luganese
18 ore

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
18 ore

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
19 ore

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
19 ore

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
19 ore

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
19 ore

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
19 ore

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
20 ore

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
20 ore

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
20 ore

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
Bellinzonese
20 ore

Torre, serata di poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Appuntamento per sabato 13 agosto a partire dalle 20 nell’ex fabbrica di cioccolato
Luganese
20 ore

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
Grigioni
21 ore

Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi

È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
22.12.2020 - 23:14
Aggiornamento: 23:54

Stadio e Policentro, il Cc di Bellinzona vota col naso turato

Approvati a stretta maggioranza i crediti suppletori di 1,6 e 1,25 milioni. Lega e Udc valutano il referendum

Due dei tre messaggi sui sorpassi per complessivi 5 milioni di franchi, quelli di 1,25 milioni per il Policentro della Morobbia e di 1,6 milioni per lo Stadio cittadino, sono stati votati martedì sera a stretta maggioranza dal Legislativo di Bellinzona. Era necessaria la maggioranza qualificata, ossia uno in più della metà dei 60 consiglieri comunali. Alla fine il Municipio ha portato a casa l’avallo del plenum rispettivamente con 40 sì, 12 no e due astenuti (Policentro) e con 31 sì (per il rotto della cuffia), 22 no e un astenuto (Stadio). Contrari Lega/Udc, Mps, Verdi e Liberi (anche il Ppd per lo Stadio). Favorevoli Plr e Sinistra. Il dibattito in sala avrebbe dovuto distinguere le due opere, ma alla fine i temi si sono accavallati. Emersa una critica meno tecnica e più politica nei confronti dell’Esecutivo.

Il dibattito

Charles Barras (relatore della Gestione) ha esordito ricordando che già nel luglio 2018 le commissioni Gestione ed Edilizia del Consiglio comunale venivano informate dal Municipio della presenza di sorpassi, tuttavia in quel momento contenuti entro il limite di legge del 10%, infine saliti al 18% nella primavera 2020: «Questo mentre una bozza, già pronta un anno prima e che indicava il 16%, è rimasta a lungo ferma da qualche parte». Il credito di 6 milioni stanziato dall’allora Legislativo di Pianezzo è risultato essere inferiore di 750mila franchi rispetto al preventivo definitivo: «Ciò è dovuto all'accettazione di offerte eccessivamente basse», ha rimarcato Barras aggiungendo che al momento della nascita della nuova Bellinzona il credito era già stato speso per il 90% da Pianezzo. Le critiche sono note, ha aggiunto: «Gestione finanziaria lacunosa, con troppa disattenzione sulle migliorie e sulle opere complementari necessarie; mancanza di solerzia del Settore opere pubbliche nel gestire un problema reale; idem il Servizio finanziario, che ha saldato fatture senza copertura finanziaria data dalla delibera del credito». Quanto al Municipio, «non si è sottratto alle sue responsabilità, ma audit e rapporti hanno evidenziato in modo impietoso le debolezze. Che devono essere eliminate al più presto dall’amministrazione comunale». Il leghista Manuel Donati (relatore di minoranza della Gestione) ha evidenziato che nessuno dei tre ex municipali di Pianezzo che seguivano i lavori sono stati interpellati da chi ha effettuato gli audit interno ed esterno: «Ex Municipio che viene qui accusato, senza possibilità di difendersi, di aver sottostimato il preventivo, mentre risulta che abbia deciso nel merito rispettando le regole. Questo mentre è lampante l'incapacità del Settore opere pubbliche della Città di gestire il cantiere. Il gruppo Lega/Udc non vuole essere complice e chiede al Municipio di ritirare il messaggio e ripresentarlo una volta che sarà tutto chiarito. Se sarà il caso, ci riserviamo di lanciare un referendum».

Il singolo municipale e l’Esecutivo

Il voto odierno è la prova provata che c’è tanta quantità ma la qualità manca, ha detto il verde Marco Noi: «Ci viene chiesto di votare senza sapere esattamente cosa sia andato male e se siano stati attuati dei rimedi per farvi fronte. Questa la dice lunga sul modo di agire del Municipio». Secondo Monica Soldini (Mps) «abbiamo avuto la prova della scarsa capacità manageriale dei singoli municipali e dell’intero Esecutivo. Quanto a noi, non sosterremo l’eventuale referendum, perché verrebbe lanciato da formazioni saldamente al governo facendo credere di essere all’opposizione. Il voto popolare del prossimo aprile sarà l’occasione di chiedere ai cittadini di esprimere la loro sfiducia nei confronti dei municipali e dei partiti di cui fanno parte». Per Luigi Calanca (Liberi) ancora non è chiaro chi abbia deciso cosa nella gestione delle varie fasi di cantiere, perciò è impossibile esprimersi sui crediti suppletori. Per Giulio Deraita (Liberi) la questione è chiara: «Chi ha sbagliato, lo ha fatto per grave negligenza».

‘Votiamo col naso turato’

Fabio Käppeli (capogruppo Plr) ha sostenuto la linea municipale: «Sorpassi rilevanti, ma rilevante è stata anche la serietà con cui è stato gestito il problema nel capirne le origini e individuare le soluzioni. Ora bisogna andare avanti. Certo, non deve mancare l'autocritica. Non è infatti accettabile che si sia arrivati a questi sorpassi in assenza di controlli indispensabili. I soldi sono comunque stati spesi per opere realmente eseguite da ditte che non hanno colpe e che attendono di essere pagate. Votiamo col naso turato, col mal di pancia, confidando che i problemi vengano risolti nei processi di delibera e nei controlli dell’avanzamento dei lavori». Renato Züger (capogruppo Sinistra) in presenza di due audit e sei rapporti commissionali ha invitato a voltar pagina contestualizzando l’entità del sorpasso e la reale entità del problema politico: «L’ex Comune di Pianezzo ha preso decisioni criticabili, con preventivi troppo ottimistici. Per lo Stadio ci sono invece responsabilità più personali. Quanto agli audit, hanno indicato dov’è l'ampio margine di miglioramento. Il problema deriva dall’aggregazione: il suo processo ha un impatto che molti qui stanno banalizzando e il problema emerso trova la sua radice nella mentalità della vecchia Bellinzona, con un Municipio dicasterizzato che fatica a sentirsi organo collegiale, mentre i funzionari dirigenti godono sovente di autonomia autoreferenziale. Quanto ai capidicastero, non possono garantire il loro ruolo senza una presenza costante».

Chi era presente e chi ha deciso

Per il capogruppo Ppd Paolo Locatelli il progetto dello stadio (+44% rispetto al credito votato dal Cc) è «l’esempio degli esempi di come non si debba gestire un progetto, con modifiche decise ancora prima dell’avvio del cantiere. Come? Con ripetuto uso delle deleghe municipali di spesa. Perché? Perché già a gennaio 2019 c’era fretta in vista del meeting di atletica di settembre. La nuova gradonata e opere affini, pari a 650’000 franchi, non facevano parte del messaggio. Ma su chi abbia deciso, risposta non c’è. Mi viene solo spiegato che alle riunioni erano presenti il direttore del Sop e il capodicastero Dop, mentre ad alcune riunioni c’era anche il capodicastero Finanze». In definitiva sullo stadio «mancano troppe informazioni necessarie a maturare una convinzione». Quanto agli altri partiti, «la Sinistra alza lo zerbino e il Plr ci infila sotto la polvere. Noi non ci stiamo».

Il sindaco: ‘Accettiamo le critiche’

«Non siamo contenti di come si sono sviluppate le procedure e di come si è arrivati al risultato finale. E ne siamo consapevoli. Ne avremmo volentieri fatto a meno. Accettiamo le critiche, anche dure, rivolteci. E ne faremo tesoro. Situazioni analoghe non possono riverificarsi. Perché minano la credibilità delle istituzioni», ha esordito Mario Branda rispondendo ai vari interventi e ribadendo la soddisfazione per le opere realizzate: «Opere di qualità. Qualcuno cita l’aggregazione, ma senza di essa il Policentro della Morobbia oggi non ci sarebbe. Pianezzo lo ha voluto, Bellinzona e Giubiasco ne hanno perorato la causa davanti al Cantone. E in ogni caso nessuno ha lucrato: quanto paghiamo corrisponde a quanto realizzato. Il Municipio si assume la responsabilità politica dei sorpassi: questo significa che vuole fare chiarezza per indicare tutti i passaggi critici e le correzioni da approntare da subito. I due audit, atto doveroso la loro esecuzione, non fanno sconti a nessuno e indicano con precisione dove sono i problemi. D’altronde, quanto accaduto deriva da come si è lavorato negli ultimi 20 anni: già nel 2008 vi furono dei sorpassi per lavori allo Stadio, ma la politica non eccepì. Quanto alla nostra prima legislatura, il Dop ha gestito opere per cento milioni di franchi senza ulteriori sorpassi, a parte la prima tappa del parco urbano», poi rientrata nei limiti di legge.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio comunale morobbia policentro sorpasso
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved