a-bellinzona-l-opposizione-punta-a-un-seggio-in-municipio
La squadra per il Municipio (Ti-Press/Bianchi)
+4
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
2 ore

Coronavirus, giornate di vaccinazione per adolescenti

Finora circa 500 ragazzi tra i 16 e i 17 anni si sono annunciati per ricevere il vaccino
Ticino
3 ore

Covid, 3 positivi in Ticino nelle ultime 24 ore

Nessuna nuova vittima e nel cantone rimane un solo paziente ricoverato per il coronavirus
Ticino
7 ore

Doppia denuncia al Ministero pubblico per Philipp Plein

Segnalato lo stilista tedesco con base a Lugano per presunta violazione alla Legge sul lavoro, amministrazione infedele e falsità in documenti
Video
Luganese
7 ore

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento
Ticino
15 ore

Il confine tra molestia e complimento

Il sessismo si nasconde anche tra le parole e gli apprezzamenti non desiderati
Locarnese
15 ore

Sull'Hangar 1 si pianifica, sulla 'stufa' si riflette

Aeroporto di Locarno, a distanza di parecchi anni ancora non sono iniziati i lavori di rifacimento. Il Cantone rassicura: 'non l'abbiamo dimenticato in un cassetto'
Grigioni
17 ore

'Verdabbio non aveva terreni agricoli, da qui si passava per forza'

Terminati i lavori di conservazione finalizzati a risanare l'antica mulattiera e cinque cappelle votive. 'Forte testimonianza per le generazioni future'
Mendrisiotto
18 ore

Alunni di Coldrerio alle prese con api e francobolli

Dalla collaborazione con il Circolo filatelico del Mendrisiotto e due classi elementari sono nati degli esemplari originali
Luganese
18 ore

Aeroporto, alleanza fra Team Lug e Northern Lights Ag

Entrambe le cordate sono in corsa per la gestione privata della struttura e avevano contestato contro la scelta di due gruppi da parte della Città
Luganese
19 ore

Abusi al cantiere del Campus: niente appalti per Garzoni Sa

Violazione della legge sulle commesse pubbliche, dumping salariale e concorrenza sleale: la ditta non potrà partecipare ai concorsi per 5 mesi
Mendrisiotto
19 ore

Appuntamento al drive-in a Chiasso

Nel parcheggio del Palapenz giovedì prossimo si proietta un documentario del regista Emanuele Gerosa
Ticino
19 ore

Radar in arrivo, dalla Grande Bellinzona alla piccola Polmengo

Ecco la lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità nella settimana dal 14 al 20 giugno.
Gallery
Mendrisiotto
19 ore

Idee visionarie sul territorio di Chiasso (e Ponte Chiasso)

Dai lavori di diploma 2020 degli ormai ex studenti dell'Accademia lo spunto per cambiare. 'Troviamo proposte interessanti'
Locarnese
20 ore

Angosce da futuro: ‘Locarno pensi ai suoi giovani’

Dai Verdi un'interpellanza che chiede aiuti mirati sul territorio a chi assumerà nuovi apprendisti, e maggiore inclusione nel dibattito politico
Ticino
21 ore

Losone, rintracciati a Locarno i coniugi scomparsi

I due anziani mancavano dal proprio domicilio da stamattina. Rientra l'allarme
Locarnese
21 ore

Novartis e Schindler, la Sinistra di Locarno interroga l'autorità

La notizia di chiusura e tagli preoccupa il gruppo in consiglio comunale. Chiesti lumi su accordi, eventuali acquisti di proprietà e sul futuro polo tecnologico
Luganese
22 ore

Investimento mortale a Sigirino, fu omicidio intenzionale

La Corte di appello ha accolto parzialmente il ricorso della difesa e ha ridotto la pena inflitta al 39enne da 10 a 9 anni di prigione
Bellinzonese
22 ore

Julian e Giorgio premiati dall’Unione sindacale di Bellinzona

Migliori apprendisti nei settori artigianale e commerciale
Locarnese
22 ore

Locarno, in vetrina spunta l’arte sui cartoni della pizza

Con una mostra di opere dadaiste create per un originale concorso, il nuovo spazio espositivo Pizzagate si presenta al pubblico e al viavai cittadino
Bellinzonese
21.12.2020 - 15:010
Aggiornamento : 18:27

A Bellinzona l'opposizione punta a un seggio in Municipio

Chiapuzzi, Giorla, Noi, Petralli, Pronzini, Robertini e Soldini: questi i nomi della lista congiunta di Verdi, Mps, Forum Alternativo e Partito operaio popolare

Verdi, Movimento per il socialismo (Mps), Forum Alternativo (Fa) e Partito operaio popolare (Pop) scoprono le carte in vista delle elezioni comunali del prossimo 18 aprile. Elisa Chiapuzzi di Gnosca (I Verdi), Lorenza Giorla di Giubiasco (Fa), Marco Noi di Bellinzona (I Verdi), Giulia Petralli di Camorino (I Verdi), Matteo Pronzini di Bellinzona (Mps), Alessandro Robertini di Sementina (FA) e Monica Soldini di Camorino (Mps) sono i nomi che compongono la lista unitaria che punta ad ottenere un seggio all'interno del Municipio di Bellinzona.

'Unica vera alternativa a una politica municipale incapace di gestire la cosa pubblica'

Una squadra d'opposizione, è stato sottolineato questa mattina in occasione della presentazione dei candidati, che intende creare «l'unica alternativa» a una politica municipale giudicata «incapace di gestire la cosa pubblica in maniera ponderata e sostenibile». Chiaro il messaggio lanciato dai candidati: entrare nell'Esecutivo per «dare un taglio più realista alla politica comunale, che metta in relazione ciò che si può fare con le risorse a disposizione», ha esordito l'attuale consigliere comunale per i Verdi, nonché granconsigliere Marco Noi, auspicando una visione politica maggiormente orientata agli aspetti sociali ed ecologici. «In questi quattro anni – ha proseguito Noi – sono state fatte tante promesse, con alla base idee anche buone nel suo insieme. Il Municipio ha però peccato nella loro realizzazione. E le forze qui riunite (si tratta della prima volta che Verdi, Mps, Fa e Pop si uniscono in una sola lista a Bellinzona, ndr) sono quelle che dentro e fuori i gremi istituzionali hanno denunciato questa mancanza di realizzazione di propositi». Dai “grandi proclami della campagna aggregativa – recita la nota ufficiale della coalizione – dove si lasciava intendere che tutto era possibile e tutto sarebbe andato bene (maggiore potenziale d'investimento, maggiore potere contrattuale) si è piombati alla dura realtà”. Una realtà in cui, secondo i partiti rappresentati nella lista congiunta (il Pop avrà degli esponenti solo nella corsa al Consiglio comunale), a farne le spese sono popolazione e dipendenti comunali, “che si trovano ora a pagare il prezzo dell'imperizia municipale attraverso costi supplementari, peggioramenti nelle condizioni lavorative e pensionistiche, disservizi, erosione della resa dei piccoli immobili da reddito, deturpamento della qualità del territorio e degli ecosistemi sovraccaricati eccessivamente, progetti già vecchi comuni lasciati ora nei cassetti”. Per partiti e movimenti all'opposizione, dunque, “non certo il ritratto del tanto auspicato miglioramento della qualità di vita”. Altre bordate sul conto dell'Esecutivo sono fioccate in merito alla sua capacità d'autocritica: “non mostra di saper riconoscere i proprio errori e le proprie inadeguatezze, occultando intenzionalmente le proprie responsabilità di gremio collegiale e scaricandole a valle sulle singole persone o sull'amministrazione comunale”. 

Ambiente, socialità ed economia

Uno per uno, i candidati hanno esposto i punti cruciali della visione dell'unione tra Verdi, Mps, Fa e Pop. Che, riassumendo, si traducono in una maggiore attenzione verso singoli quartieri (ognuno deve avere pari opportunità per rispondere ai propri bisogni); mobilità dolce (ridurre il traffico motorizzato a beneficio di piste ciclabili e zone pedonali); trasporto pubblico (da rendere gratuito), cultura (diffusa e che possa alimentare profondità di pensiero e progettualità sostenibili); formazione (ridurre il numero di allievi per classe); pianificazione edilizia (criticato il progetto relativo al futuro comparto delle Officine giudicato non lungimirante e non attento ai bisogni dei cittadini); settore primario; parità di genere e giovani. Tre in sostanza i grandi temi sui quali si intende concentrarsi. A cominciare da ambiente, territorio e clima. “La pianificazione non può essere subordinata ad una cieca crescita demografica per avere più indotto fiscale o per saziare appetiti speculatori, ma deve essere orientata alla valorizzazione e risanamento del tessuto urbanistico preesistente e a quei necessari adattamenti affinché vi sia un sano dialogo tra i vari quartieri, una sana relazione con l’ambiente e gli ecosistemi che ci garantiscono la sopravvivenza (biodiversità, agricoltura, adattamenti ai cambiamenti climatici) e una mobilità sostenibile”. Altro grande tema riguarda socialità, cultura e formazione: “Anziani, donne, giovani e bambini devono ritornare al centro delle nostre attenzioni e non semplicemente collocati laddove non disturbano. Sosteniamo una politica dell’alloggio intergenerazionale su tutto il territorio comunale e una politica di cura e accoglienza che parta dalla necessità di soddisfare i bisogni presenti sul territorio”. Secondo Verdi, Mps, Fa e Pop, questo può avvenire “solo mettendo a disposizione strutture e risorse finanziare e coinvolgendo personale e utenti nel decidere democraticamente gli obiettivi lavorativi e formativi da raggiungere. Combattiamo le discriminazioni di genere, di cultura e di etnia, coltivando uno spirito di solidarietà e non di sfruttamento economico”. Da ultimo, la lista auspica una politica economica che metta “al centro la necessità di difendere gli interessi di coloro che vivono del proprio lavoro. In prima fila i salariati del settore pubblico e di quello privato, che rappresentano la stragrande maggioranza della popolazione; ma anche quei piccoli artigiani, commercianti, indipendenti che partecipano in prima persona alle attività delle loro imprese”. 

'L'entrata in Municipio non avrebbe conseguenze sulla politica d'opposizione'

Chiari gli obiettivi della volata verso il 18 aprile 2021: puntare a un seggio in Municipio e aumentare il numero di rappresentanti in Consiglio comunale (attualmente ci sono due Verdi e due membri dell'Mps). «Vogliamo fare ciò che tanti cittadini si aspettavano nelle ultime due legislature – ha affermato Alessandro Robertini –. Con l'elezione di un sindaco socialista, gli obiettivi realizzabili sembravano molti. Ma la politica municipale è invece rimasta esattamente sulle stesse posizioni, se non addirittura orientata un po' più a destra. Vogliamo dunque creare una sinistra che si possa effettivamente porre a sinistra». Quanto all'eventuale elezioni di un candidato in Municipio, Matteo Pronzini è convinto che non per forza si perderebbe l'impronta d'opposizione. «Se dovessimo ottenere un seggio, continueremo a portare avanti in maniera coerente le nostre idee». «In effetti la collegialità tende a nascondere le singole opinioni – ha dal canto suo sottolineato Marco Noi –. Il nostro obiettivo sarebbe però quello di non perdere il senso d'opposizione e fare emergere aspetti sui quali non tutti sono d'accordo». 

 

Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved