COL Avalanche
2
BOS Bruins
3
3. tempo
(1-0 : 0-3 : 1-0)
parco-del-piano-di-magadino-diversi-progetti-concretizzati
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
6 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
7 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
7 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
8 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
8 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
10 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
10 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
10 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
17.12.2020 - 15:380
Aggiornamento : 21.12.2020 - 18:11

Parco del Piano di Magadino, diversi progetti concretizzati

Nonostante la partenza della direttrice, il comitato si è attivato su più fronti

a cura de laRegione

Il 2020 è stato l’anno più produttivo per la Fondazione Parco del Piano di Magadino, attiva da metà 2017. “Diversi progetti – si apprende da un comunicato – si sono concretizzati o sono proseguiti con vigore verso una loro realizzazione. Questo malgrado la pandemia che ha rallentato l’attività, soprattutto nella prima parte dell’anno”. Un 2020 peraltro iniziato con la partenza della direttrice Alma Sartoris che ha lasciato l'incarico dopo soli due anni, decisione motivata da un modo diverso, fra lei e il Consiglio di fondazione, di concepire le priorità. In questo contesto non facile “i membri del comitato si sono divisi i compiti e hanno portato avanti i vari progetti, che si trovano ora in una fase avanzata”.

Sette porte d'accesso

Per quanto riguarda il paesaggio, l’iter per la creazione delle sette porte d'accesso al Parco è a buon punto. In particolare è stata definita la posizione di tali accessi e la posa delle modine (richieste da alcuni Comuni) inizierà a fine gennaio. L’agricoltura è un altro aspetto che la Fondazione ha valorizzato nel 2020. Da un lato ha visto la luce il progetto 'Piatto del Parco' che prevede l’uso e la promozione di prodotti locali nei ristoranti della regione, d’altro lato – in collaborazione con la Società commercianti industriali e artigiani del Locarnese – la Fondazione ha partecipato con successo al mercato dei prodotti locali tenutosi in Piazza Grande a Locarno. In proposito anche un’analisi esterna, elaborata da uno specialista, ha dimostrato il grande potenziale di sviluppo che hanno ancora tali prodotti sul mercato.

Rifacimento della strada d'argine

La natura, l’ambiente e lo svago hanno un ruolo importante per la Fondazione. Il rifacimento dell’importante strada d’argine al fiume (a uso agricolo e di svago) – che ha avuto dei ritardi a causa di offerte troppo elevate e che rientra nel Piano di agglomerato del Locarnese – è in procinto di partire e dovrebbe essere completato nel 2021. Inoltre, grazie alla collaborazione con il Wwf, per la prima volta è stato possibile ampliare l’uso della barra falciatrice al fine di promuovere una gestione sistematica delle siepi. Sono pure continuati gli interventi per contenere ed eliminare il poligono del Giappone, pianta invasiva
che agisce sugli argini dei corsi d’acqua e causa l’erosione del suolo.

Nuova stazione di Sant'Antonino

Altro aspetto cruciale è la mobilità. Lo sviluppo industriale degli ultimi anni, avvenuto soprattutto nella zona di Sant’Antonino e Cadenazzo, ha mutato la geografia del Parco. In questo senso anche per la Fondazione sarebbe importante che la nuova stazione di Sant’Antonino, dotata di nodo intermodale, avesse un accesso diretto ai percorsi del Parco. Accesso che ora non è contemplato nel Piano di utilizzo cantonale; ecco perché è stata inoltrata una richiesta per modificare tale strumento
pianificatorio. Infine proprio in questi giorni, con lo scopo di avvicinare maggiormente i vari attori coinvolti e i cittadini,
viene attivato il nuovo portale web della Fondazione Parco del Piano di Magadino (www.parcodelpiano.ch). 

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved