ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

Lugano, condividere e conoscere per progettare insieme

Il 25 ottobre al palazzo dei Congressi un incontro promosso da Autismo Svizzera italiana e Fondazione Ares
Luganese
14 min

Alambicco in funzione nel nucleo di Astano

La tradizionale sagra sarà proposta sabato 8 ottobre. Ad animare la giornata anche bancarelle, una mostra e l’alambicco in funzione
Locarnese
17 min

Locarno, incontro in mediateca

Il primo del nuovo ciclo dedicato all’inconoscibilità. Relatore: il filosofo Raffele Scolari
Mendrisiotto
26 min

Razzismo e social media, tavola rotonda a Mendrisio

Alla Filanda un laboratorio di discussione per produrre nuove riflessioni che contribuiscano allo sviluppo della lotta al razzismo in rete in Ticino
Luganese
39 min

All’Open di Lugano vince l’ucraino Li Min Peng

Scacchi protagonisti all’hotel Villa Sassa con la quindicesima edizione del torneo internazionale e della competizione under 16
Luganese
50 min

I Mondiali a Lugano saranno al Centro esposizioni

Pubblicato il bando per organizzare la visione delle partite. Possono annunciarsi esercizi pubblici, associazioni e gruppi con sede in città
Ticino
1 ora

Un’Agorà per conoscere otto ‘progetti a impatto’

Appuntamento per sabato 15 ottobre a Lugano, ai cittadini sarà chiesto di esprimersi su ‘progetti imprenditoriali a impatto e d’innovazione sociale’
Bellinzonese
1 ora

Il teatro di Igor Mamlenkov a Ponto Valentino

Sabato 8 ottobre alle 16.30 nel salone della frazione di Acquarossa andrà in scena lo spettacolo ‘Kto Ta? Chi c’è?’
Bellinzonese
1 ora

Bellinzona, Caffè narrativo e Notte dei pupazzi con BiblioBaobab

Mercoledì 5 ottobre dalle 16 alle 18 un momento di racconto attorno al tema del viaggio, venerdì 7 e sabato 8 ottobre doppio momento dedicato ai bambini
Luganese
1 ora

Paradiso accoglie i suoi diciottenni

Il Municipio ha incontrato i quattro ragazzi e le tre ragazze che hanno raggiunto la maggiore età
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, il burraco sostiene il calcio femminile

La prima edizione del ‘Cartamante’ organizzato dal Lyons Club Monteceneri si è svolta a LaFilanda
Bellinzonese
1 ora

Apre l’alambicco di Monte Carasso

Il locale sarà disponibile da lunedì 17 ottobre fino al 28 gennaio (eccetto durante le vacanze natalizie, dal 17 dicembre all’8 gennaio)
26.12.2020 - 09:00

'È dura essere direttore di una casa anziani ora'

Il bilancio della carriera (e di un ultimo anno difficile) del direttore della Residenza Visagno di Claro, Silvano Barelli presto in pensione

e-dura-essere-direttore-di-una-casa-anziani-ora
A gennaio passaggio di testimone, il direttore Silvano Barelli andrà in pensione. Al suo posto subentrerà Samuele Enderli

La Residenza Visagno di Claro dal primo di gennaio avrà un nuovo direttore. La Delegazione consortile della casa anziani ha nominato il successore di Silvano Barelli, si tratta di Samuele Enderli. Domiciliato ad Ascona, classe 1975, Enderli è laureato in scienze sociali; per quindici anni ha ricoperto la funzione di assistente sociale e di tutore ufficiale per l’Autorità regionale di protezione (Arp) di Losone, è stato membro e presidente del consiglio di fondazione della casa di riposo Montesano di Orselina e ha assunto per tre mesi la direzione della Casa Cinque Fonti di San Nazzaro. Nelle prime fasi della sua conduzione sarà accompagnato da Silvano Barelli, che andrà in pensione a fine gennaio. 

Un (ultimo) anno difficile

Dopo 24 anni, Barelli conclude il suo impegno alla testa della struttura, di cui è stato il primo e finora unico direttore. L’ultimo capitolo di questa bella storia, iniziata nel 1997, è quello più triste a causa dell’entrata in scena del Covid-19. «Durante la mia carriera professionale ho avuto grandi soddisfazioni, per me è stata un’esperienza favolosa. Avrei immaginato un finale diverso, ma purtroppo quello che sta per terminare è stato un anno molto difficile», afferma Barelli. La pandemia che ha colpito molte case anziani ticinesi non ha risparmiato quella di Claro. Le direttive del medico cantonale sono sempre state applicate, ma nonostante ciò anche diversi collaboratori hanno contratto il virus; nel frattempo sono comunque tutti guariti e forniscono quotidianamente il loro contributo alla buona gestione dell'ottantina di ospiti.  

Nessun contagio nella seconda ondata

«Fortunatamente in questa seconda ondata non abbiamo ancora avuto casi positivi al Covid», rileva il direttore. Chiediamo se sia il risultato di modifiche apportate alle misure di controllo e di protezione adottate dal personale. Il direttore risponde che a seguito dell’esperienza maturata in primavera, il personale è oggi meglio preparato e pronto ad affrontare il virus. «Inoltre possiamo contare su un direttore sanitario molto presente, la dottoressa Catherine Goehring, che ci può seguire e consigliare in caso di bisogno». Va anche sottolineato che per poter garantire una buona prevenzione, ogni settimana vengono effettuati molti tamponi, specie in presenza del minimo dubbio. Massima attenzione è riservata al personale: in caso di dubbio non deve presentarsi al lavoro e deve sottoporsi al test.

Silvano Barelli evidenzia inoltre di aver sempre posto in cima alle priorità, con l'aiuto dei collaboratori, la qualità di vita dei residenti. A tal proposito sono state organizzate numerose attività interne ed esterne alla struttura. Preziose occasioni di socializzazione che in questo periodo a causa del Covid, sono parzialmente sospese. Ciò che pesa parecchio sull'umore degli utenti, non da ultimo perché la struttura è sempre stata molto aperta al pubblico. Infatti il bar gioca un importante ruolo aggregativo e in tempi normali si riempie giornalmente di famigliari e residenti, in un'atmosfera serena e distesa. In attesa di tempi migliori, oggi le visite dei famigliari sono contingentate e si svolgono nelle camere o in spazi appositamente adibiti, con le dovute distanze e precauzioni. Accorgimenti essenziali che incidono sulla vicinanza di cui gli anziani necessitano.

Una realtà in crescita

Silvano Barelli ha assunto la carica di direttore a 40 anni, quando la Residenza Visagno era ancora in costruzione. Dal 1997 la struttura, realizzata dagli allora Comuni di Claro, Lodrino, Iragna, Osogna e Cresciano, è cresciuta. Dieci anni fa è stata sottoposta a un ampliamento che da 48 posti letto l'ha portata a 80. Attualmente i Comuni di provenienza dei residenti sono Riviera, Arbedo-Castione e il quartiere di Claro della Città di Bellinzona. Durante quasi un quarto di secolo il direttore ha apprezzato la buona collaborazione con la Delegazione consortile, presieduta da Marisio Gallera, che gli ha sempre dato piena fiducia e autonomia nel ruolo di direttore.

Un nuovo inizio

Con l'arrivo del 2021, a 63 anni Silvano Barelli passerà al beneficio della pensione. Ma non si annoierà di certo, assicura, avendo più tempo per dedicarsi alle sue passioni: la montagna, l’acquerello e tre bei nipotini.   

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved