ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 min

Basso Mendrisiotto, ‘siano scelte consapevoli e responsabili’

Alla vigilia dell’incontro che riunirà i sindaci al tavolo, abbiamo parlato con il capo sezione Enti Locali Marzio Della Santa
Locarnese
31 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
5 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
5 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
11 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
13 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
13 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
14 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
14 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
12.12.2020 - 05:55

Museo di storia naturale, delusi i deputati leventinesi

La granconsigliera Sara Imelli (Ppd) spera che l'opzione di Faido possa ancora essere valutata. Diana Tenconi (Plr): ‘Sarebbe importante per il turismo’

museo-di-storia-naturale-delusi-i-deputati-leventinesi
L'ubicazione proposta per Faido (Ti-Press)

Vi è innanzitutto molta «delusione» da parte di alcuni granconsiglieri leventinesi per la scelta del Consiglio di Stato di confermare la preferenza di Locarno rispetto a Faido come nuova sede del Museo di storia naturale. Deputati che in estate avevano presentato una mozione (ancora pendente) che chiedeva di valutare in modo approfondito le due località. «Faido non è mai stato preso in considerazione seriamente da parte del governo», afferma a ‘laRegione’ Sara Imelli (Ppd), prima firmataria dell’atto parlamentare, che non intende ritirare.

Nel messaggio inerente al credito di 9,5 milioni per la progettazione del museo, l’esecutivo ha anche risposto alla mozione in questione, ribadendo tutto sommato quanto aveva già detto in passato: è stata scelta Locarno perché permetterà la “messa in rete con istituzioni scientifiche e socio-culturali analoghe”, vi è “un’ottima accessibilità a scala locale con mezzi pubblici o privati”, permetterà di riqualificare ”un comparto dell’incommensurabile valore storico culturale” (Santa Caterina) che inoltre è di proprietà dello Stato. I mozionanti sostengono che con la scelta di Locarno, il Consiglio di Stato lascerebbe “cadere nel vuoto le reiterate dichiarazioni di sostegno alle zone periferiche”. Da parte sua il governo ha risposto che in Leventina “sono in corso investimenti importanti”, come il Centro di controllo veicoli pesanti e l’area multiservizi a Giornico o la seconda canna della galleria autostradale del San Gottardo. Investimenti che però non bastano secondo chi sostiene ancora l’opzione Faido: «Ovviamente portano dei miglioramenti per la Leventina – rileva Imelli –, ma si tratta di investimenti strutturali a beneficio di tutta la nazione» che non sono pensati specificatamente per il rilancio della valle.

«È nell’interesse dell’intero cantone dare degli sbocchi di sviluppo per ogni valle in un contesto locale», aggiunge da parte sua Diana Tenconi (Plr), pure firmataria della mozione. Inoltre, «la Leventina deve fare un passo avanti anche dal punto di vista turistico e questa progetto sarebbe l’occasione giusta per farlo». Una forma di «turismo verde, legato all’ecologia» che andrebbe a vantaggio di tutta lo popolazione ticinese, visto che permetterebbe a chi sta in città «di passare delle belle giornate in montagna» con un’offerta di servizi adeguata. Insomma, Faido sarebbe un ubicazione di tutto rispetto e anche facilmente raggiungibile sia in treno («ve ne sarà uno ogni mezz’ora», sottolinea Imelli), sia con i mezzi privati grazie all’uscita autostradale.

Ora toccherà al Gran Consiglio esprimersi, innanzitutto sul credito da 9,5 milioni a favore del progetto di Locarno. La mozione di Imelli era stata sostenuta da altri 26 deputati e la granconsigliera Ppd spera quindi in un sostegno importante contro il credito. E questo anche perché «spendere circa 50 milioni in pochi anni per un museo di storia naturale in un situazione di crisi come quella attuale deve avere in contropartita, oltre al sostegno alla cultura e alla storia, una ricaduta economia laddove veramente serve». Da parte sua Michele Guerra (Lega), terzo firmatario della mozione, è favorevole a un investimento per un nuovo museo di storia naturale, ma preferisce la Variante Faido: «Come deputato leventinese ho sempre lottato per un rilancio della valle, con tanti atti parlamentari accolti e crediti ad hoc approvati, e continuerò a farlo». In ogni caso, «nelle commissioni parlamentari ci sarà finalmente un’analisi delle due varianti e vincerà la migliore: che reputo essere quella di Faido».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved