ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano

La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
3 ore

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
4 ore

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
5 ore

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
5 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
6 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
6 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
6 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
7 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
7 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
7 ore

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
Luganese
7 ore

Umberto Bottazzini ospite alla biblioteca del Liceo Lugano 2

L’esperto di storia e fondamenti della matematica farà il suo intervento martedì 13 dicembre alle 18.15
Mendrisiotto
7 ore

Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito

Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
laR
 
27.12.2020 - 21:31
Aggiornamento: 28.12.2020 - 10:25

Meno ratti a Bellinzona. Ora esche nelle canalizzazioni

A due anni dall'inizio della derattizzazione la popolazione di roditori è in calo. In arrivo un nuovo tipo esche che verranno interrate

meno-ratti-a-bellinzona-ora-esche-nelle-canalizzazioni

A Bellinzona la presenza di ratti è considerevolmente diminuita. È quanto emerge dai dati raccolti dalla ditta che da due anni si occupa della derattizzazione in Città. Il problema non è tuttavia risolto e l’operazione continuerà almeno fino alla fine dell’anno prossimo, quando scadrà il contratto con l’azienda che se ne occupa, ma potrà comunque essere rinnovato qualora ve ne fosse bisogno. Le esche, un’ottantina in tutto, sono state posate a Bellinzona, una piccola parte a Giubiasco e all’ecocentro di Claro. In Città, le zone più colpite sono il centro storico (soprattutto tra piazza Nosetto e Collegiata), la zona delle Semine e Prato Carasso-Golena. L’azione di derattizzazione, che comprende la posa delle scatole, il lavoro di manutenzione, di verifica e i rapporti, costa 45mila franchi all’anno. L’intento non è di sterminare i roditori ma di tenere sotto controllo la situazione, evitando che la popolazione di ratti cresca a dismisura.

Nuove scatole in arrivo

Prossimamente la Città si doterà di nuove scatole ermetiche che verranno installate direttamente nelle canalizzazioni. Come spiega contattato dalla ‘Regione’ il municipale Christian Paglia, capo del Settore servizi urbani e ambiente del Dicastero opere pubbliche e ambiente della Città, questo tipo di esca è una prima Svizzera. Un sistema all’avanguardia nella lotta alla riproduzione incontrollata dei ratti che è già diffuso in Germania da diversi anni. Le esche dunque, non saranno più posate a margine di stradine e marciapiedi ma verranno interrate. Un cambiamento che verrà apportato poiché è proprio nelle canalizzazioni che si registra la presenza di ratti più massiccia.

Si tratta infatti di un ambiente ideale per questi animali, con buona disponibilità di cibo, temperature più elevate rispetto all’esterno e senza l’elemento di disturbo della presenza dell’uomo.

Le scatole sono ermetiche e sicure, non è quindi possibile che il veleno entri in contatto con le acque luride delle canalizzazioni. Ciò che sarebbe peraltro vietato dalle normative svizzere e cantonali per la protezione dell’aria, acqua e suolo. Fino a una decina di anni fa, accadeva che gli addetti comunali utilizzassero un po’ di veleno per topi anche all’interno delle canalizzazioni, pratica poi abbandonata quando è stata proibita. All’interno delle scatole che verranno interrate, oltre al mangime velenoso è presente anche un rilevatore che permette di registrare i passaggi dei roditori, in modo che si possa stabilire esattamente quanti animali entrano nel box. Questi dati verranno comunicati al Comune tramite un’applicazione che permetterà così di sapere ogni giorno quanti ratti entrano nelle scatole. Questo sistema di rilevazione permette di capire anche se una determinata scatola si trova nel luogo adatto o se debba essere spostata in un punto dove circolano più ratti.

Nel corso di questi due anni, spiega Paglia, un box è stato danneggiato per vandalismo, ma non si sono verificati altri problemi. Ogni due mesi la ditta addetta alla derattizzazione effettua dei controlli, fa un monitoraggio delle scatole, per verificare quanto veleno è stato mangiato e quanto bisogna aggiungerne. Dai dati raccolti risulta che questo novembre la presenza dei ratti è sensibilmente diminuita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il momento di maggiore presenza dei ratti è in estate, tra luglio e agosto, quando si verifica un aumento della popolazione. Va rimarcato che le trappole non sono pericolose per l’uomo, e dato che il mangime velenoso si trova al centro non è possibile entrarci in contatto. Le esche si presentano come delle scatole su cui è apposta un’etichetta che invita a non spostarle. L’apposito mangime attira il ratto, che entra, mangia, esce dalla scatola e muore entro una settimana. Lo stesso principio vale per il nuovo tipo di esca interrata.

Una questione di igiene

La ditta specializzata che ha fornito i box rispetta le direttive degli uffici competenti in ambito di protezione animali per attività di disinfestazione. L’azione intende contenere il numero di animali che, come è noto, sono poco igienici e portatori di malattie anche gravi.

Leggi anche:

Troppi ratti, in Città scattano le trappole

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved