sono-colpevole-ma-non-mandatemi-via-dalla-svizzera
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
3 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
4 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
5 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
8 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
12 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
16 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
1 gior

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
02.11.2020 - 13:19
Aggiornamento : 16:49

'Sono colpevole, ma non mandatemi via dalla Svizzera'

Alla sbarra un 39enne dominicano. Riconosce lo spaccio di cocaina ma chiede di non essere espulso. 'I miei figli rimarrebbero orfani'

«Chiedo scusa per quello che ho fatto. Sono colpevole e intendo pagare. Ma l'espulsione dalla Svizzera significherebbe dividere una famiglia. Qui in Ticino ci sono mia moglie, che ha problemi di salute, e i miei figli, che rimarrebbero orfani». Riconosce di avere sbagliato, ma chiede che non gli sia imposto di abbandonare il Paese il 39enne dominicano comparso questa mattina alla sbarra di fronte alla Corte delle Assise criminali di Bellinzona presieduta dal giudice Amos Pagnamenta.

L'uomo è accusato di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. Secondo il procuratore pubblico Nicola Respini avrebbe spacciato circa 100 grammi di sostanza. Un quantitativo da sommare al chilo trovato nella sua macchina al momento del fermo, avvenuto lo scorso 4 giugno a Bellinzona. La vendita di tale quantità avrebbe permesso di conseguire un guadagno attorno ai 55mila franchi. 

L'uomo, difeso dall'avvocato Yasar Ravi, riconosce il reato ma contesta il quantitativo ricostruito nel corso dell'indagine sulla base delle testimonianze degli acquirenti. Per la difesa sarebbero meno, tra i 60 e i 65, i grammi venduti tra il 2018 e il 2019.

Subito dopo il lockdown della scorsa primavera, il 39enne ha deciso di comparare e rivendere altra cocaina. Lui voleva solo 20 grammi, ma nell'ambito dell'acquisto il fornitore gli ha chiesto di consegnare 80 grammi ad una terza persona. L'imputato sostiene tuttavia che non fosse a conoscenza che la quantità, sequestrata pochi minuti dopo, ammontasse a un chilo. La Polizia aveva arrestato l'uomo per casualità. Il 39enne era infatti stato visto entrare nel palazzo dove risiedeva una persona controllata dagli agenti poiché sospettata di essere coinvolta nel traffico di droga. 

Per l'avvocato Yasar Ravi è credibile che l'uomo non fosse a conoscenza di avere un quantitativo tale a bordo della sua vettura. «Aveva la disponibilità finanziaria per acquistare un chilo di cocaina? No di certo», ha detto il legale, aggiungendo come non sia nemmeno credibile che il suo assistito abbia ricevuto la sostanza a credito. «Aveva inoltre la possibilità di rivendere un tale quantitativo? Una persona che ha spacciato 70 grammi in due anni? La risposta è senza dubbio negativa», ha proseguito Ravi, convinto che l'imputato si sia accorto di avere in mano un chilo solo durante il fermo. Per il legale, il suo assistito «era un semplice trasportatore», al quale quella sera era stato promesso una sorta di 'regalo' se avesse proceduto con la consegna. «A mente della difesa, gli atti non forniscono sufficienti elementi oggettivi per accertare che abbia acquistato un chilo», ha affermato Ravi chiedendo una pena con la condizionale contenuta in 24 mesi. Nel caso in cui la Corte riconoscesse il dolo eventuale, «la pena deve essere contenuta in 36 mesi; 30 sospesi e 6 da espiare». 

Quanto ai grammi spacciati riconosciuti dall'uomo, «ha agito sì per motivi di lucro, ma non per la bella vita, ma per racimolare qualche soldo in più per il mantenimento dei figli e dei genitori malati residenti a Santo Domingo». 

In merito all'ipotesi di espulsione, ha continuato Ravi, «questa comporterebbe la separazione dalla moglie e dai figli. Sarebbe una drastica conseguenza e una pesante ingerenza personale, poiché l'imputato non potrebbe nemmeno possibilità di accedere allo spazio Schengen». In caso di condanna, il legale chiede dunque alla Corte di riconoscere questo come «un caso di rigore» e non imporre quindi l'espulsione.

Il pp Respini: 'Va condannato ed espulso'

Di parere totalmente opposto il procuratore pubblico Nicola Respini che chiede una pena detentiva di 3 anni e 9 mesi più l'espulsione dalla Svizzera per 7 anni. Il magistrato ha sottolineato le «bugie che l'imputato ha raccontato in sede d'inchiesta per cavarsela a buon mercato e uscirne col minor danno possibile dopo due anni di vendite indisturbate. Quando la polizia lo ha 'sgamato', lui voleva uscirne col minor danno possibile. Con questo obiettivo è sempre andato avanti durante l'inchiesta, non assumendosi a pieno le proprie responsabilità e ammettendo solo il minimo sindacale». 

Dopo essere giunto in Svizzera qualche anno fa, ha continuato il pp, l'imputato - impiegato quale autista di un'azienda attiva nel settore degli alimentari - ha avuto due figli e beneficiato di aiuti statali per la sua famiglia. «Poteva tranquillamente cavarsela bene in Svizzera, e pure far fronte alle necessità dei suoi parenti rimasti in patria, senza spacciare cocaina. Ma probabilmente - ha continuato Respini - era più semplice piuttosto che lavorare di più. Poteva sicuramente darsi da fare diversamente, senza violare la legge. Invece non ha avuto alcuna remora, semplicemente perché era facile e veloce guadagnare soldi in quel modo». 

La sentenza sarà pronunciata nel corso del pomeriggio. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved