agire-educativo-oppure-coazione-e-abbandono
Problemi di gestione in aula penale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati

La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
Bellinzonese
43 min

Alla scoperta del materiale tecnico del soccorso alpino

La stazione di soccorso di Bellinzona sostiene la campagna Montagne Sicure e propone una giornata di divertimento e sensibilizzazione a Curzútt
Bellinzonese
53 min

Concerto di musica classica tra la Surselva e la Valle di Blenio

Domenica 21 agosto in programma due esibizioni: la mattina a Disentis e nel tardo pomeriggio a Leontica
Mendrisiotto
57 min

Feste di San Lorenzo in Valle di Muggio: premi della lotteria

Sono ancora da riscuotere due vincite, ottenute durante l’ultima edizione dei festeggiamenti svoltasi con successo pochi giorni fa
Mendrisiotto
1 ora

Torna la Festa del Mulino di Bruzella

Il tradizionale appuntamento di fine estate si svolgerà domenica 28 agosto. Tra l’altro, possibilità di acquistare prodotti macinati tradizionalmente
Grigioni
3 ore

Teatro e musica all’aperto a Soazza

Sabato 27 agosto alle 16 (ritrovo ai piedi della scalinata della Chiesa di San Martino) andrà in scena lo spettacolo ‘Anime e sassi’
Luganese
3 ore

Cantiere stradale in arrivo a Figino

Lunedì 22 agosto partono le opere di pavimentazione fonoassorbente, che dal 29 agosto e al 1° ottobre saranno parzialmente effettuate di notte
Bellinzonese
3 ore

Monte Carasso, tradizionale festa del gruppo Amici San Bernardo

Appuntamento per domenica 21 agosto con messa e pranzo
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, imparare a massaggiare le mani con Pro Senectute

Appuntamento per giovedì 25 agosto dalle 14.30 alle 16.30 al centro diurno Turrita. Dimostrazione a cura della riflessologa Chantal Bonny
Grigioni
3 ore

Musica e arte si incontrano al Castello di Mesocco

Sabato 27 agosto si terrà la prima edizione del Maat Festival che coinvolgerà una serie di deejay. In programma anche installazioni, proiezioni e dipinti
Ticino
4 ore

Contagi in Ticino sotto le mille unità: 739 in una settimana

Coronavirus, in una settimana le nuove positività sono scese di quasi un terzo; in calo pure le persone ospedalizzate: ora sono 60. Tre i decessi
Locarnese
4 ore

Minusio, adattamento fermate bus fermo al palo

La Sinistra chiede lumi al Municipio sui ritardi nei lavori di adeguamento ed eliminazione delle barriere architettoniche
Luganese
7 ore

Svizzeri all’estero, verso il voto elettronico

Durante il 98° Congresso, che si terrà dal 19 al 21, si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione delle persone con l’Unione europea
Mendrisiotto
7 ore

Un gruppo autonomo unito da una passione comune: il Tai Chi

Nessun maestro, non c’è problema. A Riva San Vitale, una decina di persone si riunisce ogni giovedì per dedicarsi alla pratica orientale
Locarnese
10 ore

Turismo, una stagione dorata per lago, valli e monti

Il 2022 non farà registrare record ovunque, ma riporta il settore ai livelli pre-Covid. Volano le prenotazioni nelle strutture alberghiere e nei campeggi
Ticino
10 ore

‘I piccoli commerci resistono ai colossi delle multinazionali’

Sommaruga (Federcommercio) a tutto campo su settore della moda, differenze tra città in Ticino e ruolo - importante - delle botteghe e dei negozi
15.10.2020 - 19:43
Aggiornamento: 20:46

Agire educativo oppure coazione e abbandono?

Questo il dubbio al centro del processo che vede alla sbarra quattro ex educatori di un foyer del Sopraceneri

Respingono le accuse i quattro ex dipendenti del foyer del Sopraceneri comparsi alla sbarra di fronte alla Corte delle Assise correzionali con le accuse di abbandono e ripetuta coazione. Reati che secondo l'accusa hanno perpetrato, con responsabilità individuali differenti, dal 2012 al 2017 nell'ambito della presa a carico di adolescenti presso il Centro educativo, chiuso dal Cantone nel 2018 alla luce delle indagini in corso. 

In aula, nel corso del pomeriggio, la giudice Francesca Verda Chiocchetti ha dato inizio agli interrogatori degli imputati, partendo dall'accusa del reato di abbandono. Per la procuratrice pubblica Chiara Borelli, si sarebbe inopportunamente deciso di porre fine alla somministrazione di un farmaco, che veniva invece considerato necessario da parte dalla dottoressa psichiatrica (esterna alla struttura). Interrogato dalla presidente della Corte, l'ex direttore del foyer ha sostenuto che non sia stata unicamente la non assunzione del farmaco a generare lo scompenso psicotico del giovane (già precedentemente affetto da schizofrenia). Per l'ex direttore, ha infatti avuto una conseguenza importante il rapporto familiare complicato dell'adolescente. 

I medicinali non sono più stati somministrati da quando il ragazzo si era ribellato fisicamente, hanno affermato gli imputati. «Dal momento che non voleva più assumerlo, si è deciso di non più insistere», ha detto l'ex infermiera del foyer, responsabile della salute degli ospiti nonché della gestione e organizzazione della terapia farmacologica dell'istituto. «Nella mia esperienza – ha aggiunto l'ex direttore della struttura – ho imparato che non si può obbligare qualcuno a prendere un medicamento, anche se sotto tutoria». 

'Lo si faceva solo per il loro bene'

Si è poi giunti al secondo capo d'accusa. Ovvero il reato di coazione ripetuta per quelli che la pp definisce i “castighi straordinari”. «Si divertiva, non era ai lavori forzati», ha detto l'ex educatore della struttura a proposito di un giovane che, a causa dei continui disturbi ai compagni, per punizione era stato costretto a spaccare con una punta di trapano un quadrato di asfalto. «Mi sono inventato questa attività per tenerlo un po' distante dagli altri – ha detto l'ex direttore –. Un lavoro che è servito per abbellire l'ambiente in cui viveva, dal momento che sono stati piazzati i ciottoli, e dunque anche creativo». «Non è da intendere come una cantina in senso stretto, ma come un locale di attività», è stato invece detto in merito al giovane costretto a stare in un tugurio, vicino a una forgia, fino a due ore per avere tentato la fuga. «Non era un luogo di terrore, ma dove stavano bene e si trovavano a loro agio». 

Altri “castighi straordinari” sono la costrizione per una giovane di dormire per terra su un materasso in una stanza senza riscaldamento (a causa della scoperta di un libro di caricature degli educatori), l’imposizione a un altro ragazzo particolarmente agitato di trasportare sacchi di sabbia per tre o quattro volte a settimana. Da ultimo, l’aver costretto una ragazza – pur se tale restrizione non fosse prevista dall’Autorità regionale di protezione – a interrompere il rapporto con la madre concedendo unicamente di effettuare telefonate sorvegliate. Tutte azioni che gli educatori hanno detto di avere fatto in buona fede, nel bene dei loro ospiti, credendo in un loro miglioramento comportamentale.

Domani arringhe e requisitoria

Il procedimento, interrotto alle 19, proseguirà domani alle 9.30 con la ripresa dell'istruttoria dibattimentale. Si procederà con il reato di lesioni semplici (che riguarda un solo imputato) per avere concesso a tre ragazzi di dormire in una capanna sull'albero senza nessuna sorveglianza. Secondo l'accusa l'uomo sarebbe dunque responsabile della frattura al polso di uno dei ragazzi caduto dell'albero. Poi spazio a requisitorie e arringhe (presente in aula anche l'avvocata Isabel Schweri, legale delle presunte vittime). A patrocinare gli imputati gli avvocati Marina Gottardi, Giuditta Rapelli-Aiolfi, Carlo Steiger e Olivier Ferrari. 

Interruzioni, commenti e risate. E la pp Borelli si spazientisce

Difficile riferire del procedimento odierno. Va infatti rilevata la confusione, oltre alla lentezza, con cui si è fin qui svolto. Un clima anomalo in aula, con la giudice che a un certo punto ha alzato la voce a causa delle continue interruzioni, commenti e persino risate da parte della difesa. «Un clima di riderelle», ha detto Chiara Borelli. Non gradendo affatto le modalità del procedimento, la pp si è rifiutata di porre le sue domande agli imputati. Poi, su invito della giudice, ha proceduto. Ma le modalità del dibattimento non sono mutate di molto, con nuove interruzioni, risate e addirittura un «fa cito» all'indirizzo dell'avvocata Schweri. 

In 25 in un'aula, senza mascherina e distanze 

C'è poi da chiedersi se al medico cantonale Giorgio Merlani possa far piacere apprendere che – eccetto i due cronisti, la procuratrice e in parte il cancelliere – nessuno delle 25 persone presenti in aula abbia indossato la mascherina. Le disposizioni in vigore non la impongono, ma ricordiamo che è fortemente raccomandata negli spazi chiusi. Ancor più se non è possibile arieggiare (l'aula penale di Lugano non ha finestre ma è dotata di un impianto di aerazione). Inoltre le dieci persone del pubblico – che mai hanno indossato la mascherina – non rispettavano di certo il metro e mezzo di distanza di sicurezza una dall'altra.

Leggi anche:

Alla sbarra per farmaci non somministrati e punizioni straordinarie

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved