laRegione
aerodromo-di-lodrino-la-trasformazione-prosegue
Da militare a civile entro l'estate 2021 (Ti-Press)
Bellinzonese
15.10.2020 - 13:120
Aggiornamento : 17:40

Aerodromo di Lodrino, la trasformazione prosegue

Luce verde del Consiglio comunale di Riviera al credito di 724mila franchi necessario a vari interventi infrastrutturali

Un altro tassello verso la trasformazione da militare a civile dell'aerodromo di Lodrino. Lo ha messo mercoledì sera il Consiglio comunale di Riviera votando all'unanimità il credito di 724mila franchi chiesto dal Municipio per poter procedere con la progettazione delle opere, l'allestimento degli studi e l'esecuzione di taluni lavori di manutenzione alle strutture. Così facendo l'iter prosegue speditamente e con ogni probabilità sarà rispettato l'obiettivo di vedere cambiar pelle alla struttura nel giugno 2021. Nel frattempo, ricordiamo, lo scorso aprile è stata costituita la Riviera Airport Sa, società al 100% in mani pubbliche incaricata della futura gestione del polo aviatorio; presto sarà inoltre firmato il rogito per l'acquisito comunale del diritto di superficie dalla proprietaria Armasuisse; questo mentre lo scorso maggio il Gran Consiglio ha stanziato il contributo previsto di 3 milioni quale sostegno cantonale alla civilizzazione dell'impianto, in particolare a copertura dei costi di risanamento e manutenzione straordinaria degli immobili e l'adeguamento delle infrastrutture presenti. Dal canto suo la Sa procederà prossimamente alla designazione del capo campo e alla stesura del regolamento d'esercizio.

Heli-Tv si amplia

Prosegue quindi, come detto, la proceduta volta a ottenere l'autorizzazione federale per la gestione del nuovo aerodromo civile, con l'aggiunta di nuove infrastrutture di servizio a est e l'ampliamento della Heli-Tv a ovest. Fra le altre cose, il credito stanziato dal Cc servirà ad aggiornare le misure antincendio e a modificare gli interni dell'ex torre di controllo nella quale s'insedieranno delle società attive in ambito aviatorio; si metterà anche mano allo smaltimento delle acque, saranno adeguati accessi, recinzioni e segnaletica, vi sarà una compensazione ecologica e verrà avviato l'iter per dotarsi di un masterplan urbanistico.

© Regiopress, All rights reserved