paglia-non-ci-sta-contesto-alcune-conclusioni-degli-audit
Christian Paglia con sindaco e vicesindaco (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
23 min

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
23 min

’Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
24 min

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
25 min

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
54 min

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
1 ora

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
2 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
2 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
2 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
2 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
2 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
3 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
3 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
3 ore

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
3 ore

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
3 ore

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
Luganese
4 ore

Lugano promuove il confronto sui rapporti tra Svizzera e Taiwan

Al Campus Est si terrà una conferenza organizzata dal Dipartimento tecnologie innovative della Supsi in collaborazione con la Città
Bellinzonese
4 ore

‘Ottimizzato’, prosegue il test della Cupra verso i passi

Osservata la reazione dell’utenza nelle scorse settimane, Ustra ha apportato delle migliorie alla corsia di uscita preferenziale tra Quinto e Airolo
Bellinzonese
4 ore

Corso sulle tecniche di innesto con i frutticoltori ticinesi

Appuntamento a Biasca per sabato 27 agosto
Mendrisiotto
6 ore

A Coldrerio si cammina con il nordic walking

Dal 29 agosto prossimo riaprono i corsi. L’appuntamento è già fissato tre volte la settimana
Bellinzonese
6 ore

Penuria energetica: ‘Qual è la strategia di Bellinzona?

Claudio Cattori (Centro) sollecita il Municipio in merito alle possibili misure di risparmio e alla capacità dell’Amb di aumentare le produzione
Grigioni
7 ore

Proporzionale e ambulanza, a Mesocco riuscite le iniziative

Raggiunto il limite di firme. Le due tematiche saranno ora sottoposte al legislativo. In caso di bocciatura i promotori potranno chiedere il voto popolare
Mendrisiotto
7 ore

A Mendrisio ci si prepara per la Sagra del Borgo

Un ritorno che segna la quarta edizione della manifestazione rinnovata. Per associazioni e no c’è ancora spazio per iscriversi
Locarnese
7 ore

Gerra Gambarogno festeggia San Rocco

Domenica vi sarà la tradizionale messa seguita dalla maccheronata e dalle animazioni
Luganese
7 ore

Monteceneri, c’è la proposta di tiro obbligatorio

Lo organizzano i Tiratori del Vedeggio, gratuitamente, settimana prossima al poligono militare
Mendrisiotto
7 ore

L’Asm Arzo tira le somme e guarda alla stagione 2022-2023

I soci si riuniranno a inizio settembre per l’assemblea annuale. In programma relazione presidenziale e nomine
Locarnese
8 ore

A Locarno il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti

In visita alla Schindler Sa, ha incontrato il presidente Cassis e una delegazione cittadina
Locarnese
8 ore

Risparmio energetico, Brissago fa la sua parte

Allo studio misure per ridurre i consumi senza penalizzare l’attività e l’appeal del paese. A cominciare dall’illuminazione natalizia
Luganese
9 ore

Motociclista tamponato sull’A2 a Mezzovico: ferite gravi

L’incidente della circolazione si è verificato poco prima delle 7. L’uomo, un 30enne del Varesotto, è stato tamponato dall’auto guidata da un 23enne
laR
 
03.10.2020 - 06:00
Aggiornamento: 11:28

Paglia non ci sta: ‘Contesto alcune conclusioni degli audit’

Sorpassi di spesa milionari a Bellinzona: il municipale replica alle critiche, riconosce alcuni errori e non condivide la decisione di esautorarlo dal Sop

Palpabile imbarazzo nella sezione Plr di Bellinzona per le conclusioni dei due audit interno ed esterno sui sorpassi di spesa pari a oltre 5 milioni di franchi riscontrati nei cantieri del Policentro di Pianezzo, dell’Oratorio di Giubiasco e dello Stadio cittadino. Imbarazzo emerso nella riunione della Direttiva di mercoledì conclusasi con l’impegno, condiviso da tutti i presenti, di riaffrontare nuovamente la questione nella seconda metà di ottobre quando il Municipio renderà noto l’esito dell’inchiesta amministrativa e disciplinare volta a far luce sulle singole responsabilità di progettisti, architetti, vertici del Servizio opere pubbliche (Sop) e capodicastero Opere pubbliche e ambiente Christian Paglia, il municipale liberale-radicale esautorato settimana scorsa dalla conduzione politica del Sop per decisione dell’Esecutivo guidato dal sindaco Mario Branda che lo dirigerà sino a fine legislatura.

'Sono il primo a provare imbarazzo, ma...'

Paglia, presente alla Direttiva in seno alla quale sono emerse opinioni differenti sulla vicenda e sulla sua posizione, interpellato dalla ‘Regione’ accetta di entrare nel merito delle critiche mosse dagli audit e di cui abbiamo diffusamente riferito nell’edizione di giovedì. Con una premessa: «Sono il primo a provare imbarazzo di fronte a sorpassi di spesa per 5 milioni di cui avrei fatto volentieri a meno. Ma al contempo non posso accettare alcune conclusioni degli audit e la ricostruzione dei problemi esistenti così com’è stata esposta. Contesto pure la decisione municipale di sollevarmi dalla conduzione del Sop. La contesto ma al contempo la rispetto. Continuerò a fornire il mio contributo nel gremio in modo trasparente e schietto come ho sempre fatto».

Quali errori sente di aver commesso?

«Non aver rallentato il livello d'investimenti che veniva chiesto da più parti, dall’esterno e anche dal collegio municipale, rispetto alle risorse operative a nostra disposizione. Carenza che ci ha indotti a optare per mandati esterni di progettazione sui quali è poi mancata la dovuta nostra vigilanza, perché pure su quel fronte eravamo oberati di lavoro. Anche l’incarico di supervisione richiede in definitiva di riservare uno specialista a quel compito. Non sono state rilevate malversazioni e quanto speso in più corrisponde a quanto realizzato in più. Niente dimissioni quindi, come auspicato da più parti».

Eppure nel Plr c’è imbarazzo. Teme la sfiducia prima della fine legislatura, quando come previsto lei lascerà la carica?

«È vero che taluni non concordano con le mie opinioni e con la mia ricostruzione dei fatti. Lascio al partito la libertà di fare le proprie valutazioni e di adottare le decisioni che riterrà opportune. Lo dico rimarcando che non c’è nessun imbarazzo, per contro, di fronte alle svariate decine di milioni spesi in altre opere pubbliche senza che si siano presentati problemi di superamento. In definitiva non posso dirmi tranquillissimo, ma nemmeno accetto l’opinione secondo cui avrei sbagliato tutto, sebbene io riconosca gli errori formali e funzionali commessi sempre in buona fede».

Dagli audit emerge una carenza di organico, ma anche procedure oltremodo lunghe nelle assunzioni. Dov’è il problema?

«Già nell’ambito dei gruppi di lavoro del progetto strategico pre-aggregativo il mio dicastero aveva avanzato la necessità di potenziare la dotazione di 13-15 unità lavorative per far fronte all’ondata d'investimenti prevista con l’avvento della nuova Bellinzona. Nonostante le nostre reiterate richieste, abbiamo ottenuto quattro/cinque assunzioni soltanto nel 2020. Il tutto caratterizzato dalla necessità di visionare svariate decine di candidature per scegliere i profili ricercati, ciò che in un contesto riorganizzativo ha richiesto più tempo di prima. Da notare peraltro che con l’aggregazione il personale del Sop è cresciuto del 30% assorbendo le poche forze provenienti dagli ex Comuni, mentre il volume d’investimenti lordi è schizzato del 300%».

Sempre dagli audit la gestione del Sop esce con le ossa rotte: mansionari assenti, verbalizzazioni inesistenti, coordinamento problematico, archiviazione lacunosa, priorizzazione mancante, carico di lavoro eccessivo per il direttore accentratore. Un bel disastro. L’aggregazione non doveva servire a mettere tutto a posto?

«Dagli audit emerge un’immagine catastrofica che contesto. Si è comunque strutturato il Sop in tre settori di attività, ossia Gestione stabili, Edilizia pubblica, Genio civile. Che hanno lavorato con una organizzazione interna a mio avviso discretamente buona per gestire fino a 35 milioni d’investimenti annui. Strutturazione del settore che non viene criticata dai periti. Inoltre i collaboratori sanno cosa fare per la stragrande maggioranza delle attività di cui devono occuparsi durante la giornata lavorativa. Quanto ai mansionari auspicati negli audit, posso anche concordare con la necessità di dotarsene, senza però arrivare a formulazioni eccessivamente dettagliate da doverle poi continuamente aggiornare. Contesto pure che non si sia approntato un piano delle priorità: venivano modificate a dipendenza anche degli imprevisti nel Piano delle opere aggiornato semestralmente. Concordo invece sul fatto che i sistemi di gestione informatica e finanziaria vadano migliorati: lo ripeto da almeno due anni. Detto ciò, non voglio far pensare che io scarichi su altri le nostre responsabilità. Di sicuro una maggior presenza, durante questa prima legislatura, del Controllo interno e gestione qualità, autore dell’audit interno, sarebbe stata gradita».

Controllo che però interviene su mandato specifico del Municipio, non ‘motu proprio’. Perché il Sop è stato radiografato solo quando i buoi erano ormai fuggiti dalla stalla?

«A fronte della nostra massa d’investimenti, un maggiore grado d’attenzione verso il Sop sarebbe stato gradito. Quanto a me, ripeto, recepita la gran mole di lavoro che andava a investire il settore, avrei dovuto tirare il freno a mano. D’altro canto, tuttavia, il Sop da tempo era già abitato a un carico d’investimenti molto importante».

Non era invece meglio insistere su un incremento concreto dell’organico e porre rimedio a quelle lacune interne che vi erano sicuramente già note?

«Come noi, anche altri dicasteri hanno fatto richiesta di migliorare l’organico. Si fa parte di una compagine municipale non per guardare al proprio orticello, ma per lavorare nel nome del bene comune e reciproco. L’acquisizione di nuove risorse ha dunque dovuto accontentare un po’ tutti i vari ambiti della Città».

Singoli cantieri. Com’è possibile che il Sop accordi l’esecuzione di importanti aggiunte non contemplate dai messaggi municipali votati dal Consiglio comunale? Il caso stadio, gestito dalla Città, è emblematico: si punta al rifacimento della pista di atletica e dal nulla, senza che l’Esecutivo sappia niente fino a lavori avviati, spuntano una gradinata al posto della prevista scarpata, nonché altre opere correlate per un totale di 647mila franchi. Senza contare le opere eseguite con delega municipale inerenti al campo di calcio quali nuova erba, irrigazione, fondo drenante, orologio, panchine, ecc.

«Nessuno mi ha informato dell’esecuzione della scalinata omologata e dei suoi costi. Né ero a conoscenza del maggior costo generato dagli imprevisti emersi. La fattispecie va dunque chiarita col progettista. Si tratta di opere che avrebbero richiesto un credito supplementare coinvolgendo il Consiglio comunale. Per contro, ho sempre sottoposto al Municipio le opere aggiuntive che potevano essere eseguite in delega. Col senno di poi, ritengo che abbiano anche influito i tempi stretti generati dal dover procedere rapidamente al rifacimento della pista di atletica per consentire la corretta organizzazione del Meeting internazionale di atletica. Senza questa spada di Damocle si sarebbe potuto affrontare l’intervento sullo stadio nella sua globalità includendo da subito nel preventivo le opere realizzate in corso d’opera».

Oratorio e Policentro, ossia cantieri avviati dai precedenti Comuni di Giubiasco e Pianezzo ed ereditati dalla Città nel 2017. I preventivi erano troppo contenuti rispetto alle reali esigenze?

«È molto difficile calcolare il preventivo corretto con i giusti margini. Un preventivo con un margine troppo generoso, toglie potenziali risorse da investire in altre opere pubbliche. Un margine troppo risicato può per contro sfociare in esigenze di correzione in fase d’opera affinché quanto previsto sia funzionale. Ritengo che per il Policentro si configuri questo secondo scenario. Quanto all’Oratorio, il problema ha riguardato soprattutto la progettazione e la direzione lavori. Basti pensare che il vecchio edificio, poi demolito, era stato inizialmente ritenuto solido dal profilo statico. A ciò si aggiunga che errori nel capitolato d’appalto sono terreno fertile per imprese edili particolarmente attive nel richiedere maggiori costi, come accaduto».

Onorario del municipale: se privato di un settore, come nel suo caso, il Regolamento comunale non prevede una decurtazione della paga. Che rimane di 5’500 franchi mensili per un minimo di venti ore lavorative settimanali. Vorrà restituire parte del salario non meritato, come qualche politico chiede?

«Negli ultimi dieci anni sono stato il responsabile politico di un dicastero formato da 330 persone, il secondo dicastero più importante in termini di risorse e uno dei più operativi. Ciò nonostante non ho mai percepito un onorario maggiore dei miei colleghi. Peraltro in qualità di municipale mi occupo anche di temi che esulano dal mio dicastero. Ora, la mia competenza diretta si riduce ai soli Servizi urbani? D’accordo, ma quello della nuova Bellinzona è un servizio che gestisce uno dei più vasti territori urbani del Ticino e anche della Svizzera».

In mezzo a tutto questo, una grave malattia si è portata via sua figlia Monica. Un percorso di sofferenza cui ha dedicato anche un libro toccante. Guardando ai problemi emersi ora nel dicastero da lei diretto, e immaginando le energie spese seguendo l’inesorabile evoluzione della malattia, non crede a posteriori che una rinuncia alla carica di municipale sarebbe stata in quel periodo opportuna?

«Di fronte a certe situazioni terribili ci si sente talmente impotenti, da ritenere importante mantenere un barlume di normalità all’interno della tragedia che si sta vivendo. Il percorso della malattia nell’arco degli anni è stato altalenante: fasi positive seguite da complicazioni improvvise. Abbandonare la mia funzione politica, o ridurre il mio impegno professionale, non mi avrebbe maggiormente aiutato a sostenere mia figlia».

Leggi anche:

Sorpassi a Bellinzona: tutte le carenze tecniche e politiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved