ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 min

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
52 min

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
1 ora

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
1 ora

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
3 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
5 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
22 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
22 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
24.08.2020 - 13:02
Aggiornamento: 19:14

Mortale di Claro, condannato il 32enne che invase la corsia

24 mesi sospesi per l'uomo che la notte del 16 febbraio del 2018 provocò il decesso di un 54enne. L'imputato era ubriaco e viaggiava ad alta velocità.

mortale-di-claro-condannato-il-32enne-che-invase-la-corsia

Ha riconosciuto interamente i capi d'accusa il 32enne della regione comparso questa mattina di fronte alla Corte delle Assise correzionali di Bellinzona presieduta dal giudice Mauro Ermani. Con procedura di rito abbreviato, l'uomo è stato giudicato colpevole di omicidio colposo per avere, a causa della sua negligenza, cagionato la morte di un 54enne padre di famiglia residente in Mesolcina durante la notte del 16 febbraio 2018 sulla strada cantonale in territorio di Claro.

Poco dopo la mezzanotte il 32enne (29enne ai tempi dei fatti), in stato psicofisico alternato dall'alcool, mentre procedeva in direzione di Preonzo aveva invaso la corsia in contromano, scontrandosi con la vettura che circolava in senso opposto guidata dal 54enne. Secondo l'atto d'accusa stilato dal procuratore pubblico Daniele Galliano, l'imputato guidava a una velocità di 110 km/h malgrado il limite vigente di 80 km/h. Nell'affrontare una curva, il 32enne ha perso il controllo del veicolo, urtando il cordolo di protezione per poi invadere la corsia di contromano proprio mentre sopraggiungeva il veicolo del 54enne; ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Civico di Lugano, l'uomo era purtroppo deceduto una settimana dopo. L'urto è avvenuto tra la parte anteriore della vettura grigionese e la fiancata destra dell'auto ticinese la quale è finita nella sottostante scarpata.

'Chiedo scusa ancora una volta'

«Sicuramente la velocità e lo stato di inettitudine», ha affermato l'imputato quando Ermani gli ha chiesto i motivi dell'incidente. «Ancora oggi mi sento malissimo», ha aggiunto il 32enne, rivolgendosi in seguito ai familiari della vittima presenti in aula: «per quanto possa servire, voglio chiedervi scusa ancora una volta. Sono mortificato che sia stato necessario un episodio del genere per farmi cambiare vita». Il 32enne ha infatti ammesso che in passato era solito ad assumere una guida spericolata e a consumare cocaina. Proprio il bisogno di comprare la droga era stato il motivo per cui quella notte di febbraio il 32enne aveva utilizzato l'auto. «In passato ho commesso tanti errori - ha aggiunto l'imputato - . Ora ho la consapevolezza che non li farò più». Al momento dell'incidente, sulla vettura guidata dal 32enne sedeva anche la sua compagna, la quale aveva rimediato fratture e lesioni (così come il 32enne). I medici aveva temuto anche per la loro vita. “Come al solito guidavi come un pazzo”, aveva scritto la donna al suo fidanzato all'indomani della tragedia. 

Ermani: 'Colpa estremamente grave' 

«La colpa dell'imputato è estremamente grave - ha affermato Ermani prima di pronunciare la sentenza -. È grave perdere il controllo del veicolo; è grave mettersi al volante in quelle condizioni; è grave non osservare gli inviti della compagnia ad andare più piano; è grave il motivo per cui si è messo alla guida. Quella notte - ha continuato il giudice - ha inoltre messo in pericolo se stesso e la sua ragazza, che come lei se l'è cavata a buon mercato». Ermani ha giudicato «scarsa» l'elaborazione dell'accaduto da parte dell'imputato. «Soprattutto nei primi verbali c'è stata una certa banalizzazione di quanto successo», ha affermato il giudice, non ritenendo tuttavia necessaria l'espiazione della pena dal momento che l'uomo, col tempo, ha capito la gravità di quanto commesso. 

La Corte ha quindi condannato l'uomo - patrocinato dall'avvocato Marco Robbiani - a una pena detentiva di 24 mesi di carcere sospesi condizionalmente per un periodo di 4 anni.

Leggi anche:

Il 54enne coinvolto nell'incidente di Claro è deceduto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved