Seattle Kraken
3
CHI Blackhawks
2
fine
(0-0 : 1-2 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
NY Islanders
0
PHI Flyers
0
1. tempo
(0-0)
STL Blues
NAS Predators
02:00
 
mortale-di-claro-condannato-il-32enne-che-invase-la-corsia
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
5 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
6 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
6 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
6 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
7 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
7 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
7 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
7 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
7 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
24.08.2020 - 13:020
Aggiornamento : 19:14

Mortale di Claro, condannato il 32enne che invase la corsia

24 mesi sospesi per l'uomo che la notte del 16 febbraio del 2018 provocò il decesso di un 54enne. L'imputato era ubriaco e viaggiava ad alta velocità.

Ha riconosciuto interamente i capi d'accusa il 32enne della regione comparso questa mattina di fronte alla Corte delle Assise correzionali di Bellinzona presieduta dal giudice Mauro Ermani. Con procedura di rito abbreviato, l'uomo è stato giudicato colpevole di omicidio colposo per avere, a causa della sua negligenza, cagionato la morte di un 54enne padre di famiglia residente in Mesolcina durante la notte del 16 febbraio 2018 sulla strada cantonale in territorio di Claro.

Poco dopo la mezzanotte il 32enne (29enne ai tempi dei fatti), in stato psicofisico alternato dall'alcool, mentre procedeva in direzione di Preonzo aveva invaso la corsia in contromano, scontrandosi con la vettura che circolava in senso opposto guidata dal 54enne. Secondo l'atto d'accusa stilato dal procuratore pubblico Daniele Galliano, l'imputato guidava a una velocità di 110 km/h malgrado il limite vigente di 80 km/h. Nell'affrontare una curva, il 32enne ha perso il controllo del veicolo, urtando il cordolo di protezione per poi invadere la corsia di contromano proprio mentre sopraggiungeva il veicolo del 54enne; ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Civico di Lugano, l'uomo era purtroppo deceduto una settimana dopo. L'urto è avvenuto tra la parte anteriore della vettura grigionese e la fiancata destra dell'auto ticinese la quale è finita nella sottostante scarpata.

'Chiedo scusa ancora una volta'

«Sicuramente la velocità e lo stato di inettitudine», ha affermato l'imputato quando Ermani gli ha chiesto i motivi dell'incidente. «Ancora oggi mi sento malissimo», ha aggiunto il 32enne, rivolgendosi in seguito ai familiari della vittima presenti in aula: «per quanto possa servire, voglio chiedervi scusa ancora una volta. Sono mortificato che sia stato necessario un episodio del genere per farmi cambiare vita». Il 32enne ha infatti ammesso che in passato era solito ad assumere una guida spericolata e a consumare cocaina. Proprio il bisogno di comprare la droga era stato il motivo per cui quella notte di febbraio il 32enne aveva utilizzato l'auto. «In passato ho commesso tanti errori - ha aggiunto l'imputato - . Ora ho la consapevolezza che non li farò più». Al momento dell'incidente, sulla vettura guidata dal 32enne sedeva anche la sua compagna, la quale aveva rimediato fratture e lesioni (così come il 32enne). I medici aveva temuto anche per la loro vita. “Come al solito guidavi come un pazzo”, aveva scritto la donna al suo fidanzato all'indomani della tragedia. 

Ermani: 'Colpa estremamente grave' 

«La colpa dell'imputato è estremamente grave - ha affermato Ermani prima di pronunciare la sentenza -. È grave perdere il controllo del veicolo; è grave mettersi al volante in quelle condizioni; è grave non osservare gli inviti della compagnia ad andare più piano; è grave il motivo per cui si è messo alla guida. Quella notte - ha continuato il giudice - ha inoltre messo in pericolo se stesso e la sua ragazza, che come lei se l'è cavata a buon mercato». Ermani ha giudicato «scarsa» l'elaborazione dell'accaduto da parte dell'imputato. «Soprattutto nei primi verbali c'è stata una certa banalizzazione di quanto successo», ha affermato il giudice, non ritenendo tuttavia necessaria l'espiazione della pena dal momento che l'uomo, col tempo, ha capito la gravità di quanto commesso. 

La Corte ha quindi condannato l'uomo - patrocinato dall'avvocato Marco Robbiani - a una pena detentiva di 24 mesi di carcere sospesi condizionalmente per un periodo di 4 anni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved