laRegione
per-prati-ricchi-di-farfalle-come-ai-vecchi-tempi
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Lugano, una doppia seduta da quasi 40 milioni

Tutelata l'ex autorimessa Arl di Viganello e ok al sottopasso di Besso. A sette anni dalle promesse preaggregazione, via libera al nuovo asilo di Cadro
Luganese
6 ore

Ex Macello di Lugano, la convenzione può essere disdetta

Interpellanza sulla manifestazione indetta dal centro sociale, il vicesindaco Michele Bertini ha evocato ragioni di interesse pubblico per revocare l'accordo
Luganese
8 ore

Spazio 1929 lascia il posto a Impact Hub Ticino

Nato come luogo di coworking, passa il testimone a una organizzazione internazionale riconosciuta dalla Nazioni Unite
Ticino
8 ore

Preventivo, in Gestione un sì che divide

Firmato il rapporto. Confermata e formalizzata la richiesta al Consiglio di Stato di presentare misure entro giugno per un autofinanziamento non negativo
Luganese
9 ore

Lugano, 'si acceleri sul Polo sportivo'

Alcuni consiglieri comunali Plr presentano una mozione d'ordine all'inizio della seduta appena cominciata al Palazzo dei congressi.
Luganese
10 ore

TE Connectivity di Bioggio: si chiude a fine 2021

Lo stabilimento di Bioggio - come preannunciato già a ottobre - chiuderà definitivamente i battenti. Un centinaio di persone senza lavoro
Gallery
Ticino
11 ore

Anche il Ticino si imbianca

Fiocchi in arrivo anche in pianura. Al momento non si registrano disagi
Locarnese
12 ore

Ascona, fermate e posteggi provvisori

Tutti i cambiamenti in vista per il cantiere di via Ferrera
Locarnese
12 ore

Maggia, Lega e Udc/Svp confermano l'unione

Alle elezioni di aprile 2021 i due schieramenti scenderanno in campo con una lista unica
Luganese
12 ore

Il Panathlon Club Lugano avvicina i club alla Berna politica

Creato nel Luganese un asse per affinare le soluzioni decise recentemente dal Consiglio federale a favore dello sport in tempid i coronavirus
Luganese
12 ore

'Circocerca', divertente spettacolo alla Supsi di Trevano

Ideato e con Luzia Bonilla e Mario Camani. Per assicurarsi dei posti è necessario riservare e presentarsi venti minuti prima dell’inizio .
Luganese
12 ore

Targhe svizzere a Campione, chiesta una (lunga) proroga

La nuova giunta comunale informa la cittadinanza sui passi intrapresi dall'elezione, lo scorso 20 settembre, nella delicata gestione dell'enclave
Luganese
12 ore

Aperture speciali per la Bottega del Mondo di Tesserete

In occasione del mese di dicembre tutti gli orari delle festività natalizie al negozio capriaschese dove trovare spunti regalo
Bellinzonese
30.06.2020 - 06:150
Aggiornamento : 12:37

Per prati ricchi di farfalle come ai vecchi tempi

Grazie al sostegno di 25mila franchi da parte di Innocent, il Parco del Piano di Magadino sostiene i contadini che scelgono metodi a favore della biodiversità

"Anni fa c'erano molte più farfalle". È un pensiero che si fa strada in molte persone che passeggiano alla scoperta del territorio ed effettivamente gli esperti lo confermano: nel corso dei decenni la varietà e la quantità di questi lepidotteri è diminuita. In Europa le farfalle si sarebbero addirittura dimezzate negli ultimi 30 anni. Va proprio nella direzione di veder ritornare a volare nei prati del Parco del Piano di Magadino specie quasi scomparse il progetto sostenuto dall'azienda produttrice di succhi di frutta Innocent, che con 25mila franchi permetterà all'omonima Fondazione del Parco del Piano e a Wwf di promuovere la biodiversità creando quindi l'habitat ideale per le farfalle.

Un progetto a favore della biodiversità

"Si tratta di un ulteriore tassello del Progetto di interconnessione delle superfici per la biodiversità in agricoltura avviato nel 2002", spiega alla 'Regione' Francesco Maggi, responsabile di Wwf Svizzera italiana e membro di comitato della Fondazione Parco del Piano di Magadino. Tale progetto, sottolinea, ha come obiettivo la creazione di un reticolo ecologico lungo tutta l'area del piano grazie alla collaborazione dei contadini, con l'obiettivo più vasto di favorire una serie di specie animali e in particolare di uccelli, di insetti ortotteri e di farfalle. Tra le misure messe in pratica finora Maggi cita lo sfalcio dei prati. "Se da una parte i contadini vogliono tagliare l'erba molto spesso per poter disporre di fieno più tenero per i propri animali, dal nostro punto di vista è preferibile che l'erba cresca di più in modo da permettere ai fiori annuali di avere il tempo di fiorire e garantire quindi continuità al loro ciclo vitale. "È proprio per una gestione troppo intensiva dello sfalcio che i prati si sono impoveriti di fiori e di conseguenza attirano meno farfalle", spiega il responsabile del Wwf.

Per ovviare a questo problema il progetto di interconnessione ha incentivato gli agricoltori a procedere con lo sfalcio a mosaico, ovvero tagliando in tempi alternati le varie parti dei loro terreni. "Grazie a questa modalità - aggiunge il consulente scientifico del progetto Tiziano Maddalena, titolare della ditta Maddalena & Associati di Gordevio - si favoriscono non solo le farfalle ma anche altre specie animali, come ad esempio il grillo campestre che non ha più rifugio dai predatori se tutti i prati vengono falciati contemporaneamente".

Un contributo per non usare più le lame rotanti

Il credito di 25mila franchi servirà per dare un contribuito agli agricoltori che si convertiranno a un metodo di falciatura meno invasivo. "Una volta venivano usate le barre falcianti, un metodo più lento delle attuali lame rotanti. Il fieno veniva fatto essiccare al suolo prima essere raccolto, dando così la possibilità ai semi dei fiori di cadere e rimanere nel terreno", spiega Francesco Maggi. Ciò non succede se dopo aver tagliato l'erba si procede subito alla formazione di rotoballe plastificate. "E oltretutto al loro interno ci finiscono anche gli animali che sono riusciti a sopravvivere alle lame", aggiunge. 

Da qui l'incentivo finanziario di 400 franchi per ogni ettaro di terreno trattato con le barre rotanti. Una metodologia che dovrebbe far aumentare la varietà di fiori e di conseguenza le farfalle. "Rispetto ai dati di 50-60 anni fa ci sono meno farfalle sul Piano di Magadino. Non sono scomparse del tutto ma si sono allontanate a causa di prati troppo concimati o sfalci troppo frequenti. Di fatto le si possono trovare sui versanti ma nelle zone agricoli si vedono solo di passaggio, non si sono ancora insediate", fa notare il consulente scientifico.  Tra le specie a cui punta il progetto, Maddalena cita ad esempio la galatea, una farfalla bianca e nera che siamo soliti vedere in montagna.

'Primo finanziamento importante'

Al momento sono 8 i contadini che hanno aderito per un totale di circa 20-21 ettari. "Per loro si tratta di un investimento importante per cambiare il macchinario ma a lungo termine può essere redditizio grazie agli incentivi", conclude Maddalena. Un incontro con i contadini previsto negli scorsi mesi è saltato a causa della pandemia ed è stato spostato ad agosto. "L'anno scorso avevamo un budget limitato. Ora grazie al nuovo finanziamento speriamo di trovare anche altri agricoltori che aderiranno così da aumentare la superficie", dice Maggi sottolineando che si tratta del primo finanziamento esterno di una certa importanza a favore del Parco del Piano di Maganico. A cui ne ha fatto seguito un secondo - concretizzato proprio negli scorsi giorni - relativo alla gestione dei biotopi. A tale scopo da parte della fondazione Blue Planet sono stati stanziati 80mila franchi. 

© Regiopress, All rights reserved