ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Atti sessuali con fanciulli, in carcere istruttore di yoga

L’uomo, sulla sessantina, lavorava in un centro del Luganese. Si trova in carcere da quest’estate su denuncia di almeno tre vittime
Luganese
1 ora

La Croce Rossa cerca persone che si dedichino agli anziani

La pandemia ha dimezzato la disponibilità di volontari e si fatica a trovare nuove leve. Pronta risposta, invece, per l’emergenza migranti dall’Ucraina.
Mendrisiotto
5 ore

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
6 ore

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
10 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
13 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
14 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
24.06.2020 - 19:11

Centro Somen: 'Non risultano vessazioni al personale'

Il Consiglio di Stato risponde all'interpellanza Mps che ipotizzava una malagestione e altri problemi nella struttura di Sementina

centro-somen-non-risultano-vessazioni-al-personale
Durante l'inaugurazione della struttura nel gennaio del 2017 (Ti-Press)

La situazione venutasi a creare nelle strutture sanitarie di Sementina durante il periodo più intenso della pandemia (nella casa anziani, ricordiamo, ci sono stati 21 morti accertati per coronavirus) non è la prima ad aver provocato la reazione dell'Mps, che già lo scorso anno e nei primi mesi del 2020 parlava di malagestione del Centro Somen. Ma diverse segnalazioni indicate nell'interpellanza firmata da Angelica Lepori, Simona Arigoni e Matteo Pronzini non hanno trovato riscontro nella risposta del Consiglio di Stato datata 10 giugno.

Ad esempio non vi è riscontro di presunte vessazioni al personale curante da parte della capostruttura. "Dalle informazioni ricevute dalla Città di Bellinzona, quanto affermato nella domanda non risulta. Nel periodo in esame vi sono state regolari riunioni di équipe con il personale curante, la direzione dell'Istituto, i rappresentanti sindacali e anche una delegazione del Municipio", sottolinea il Consiglio di Stato. Dalle stesse riunioni, aggiunge il governo, non emerge neppure che la capostruttura cambierebbe i turni del personale senza informarlo e - si legge sull'interpellanza - "provvedendo ad ammonirlo verbalmente qualora non fosse d'accordo favorendo sempre alcune persone fedeli".

Sulla domanda relativa al burnout, il Consiglio di Stato elenca (sulla base dei dati forniti dalla Città) quanti giorni di malattia sono stati registrati nel 2019: assenze fino a una settimana per 76,5 giorni, assenze superiori a una settimana per 1'450 giorni, di cui 1'033 dovuti a sei casi di inabilità lavorativa che si è protratta oltre ai 3 mesi, ma che non sono riconducibili al burnout. Per quanto riguarda l'assenza di un locale pausa/ristoro, il governo scrive che il tema è noto e che la struttura "non ha oggi la possibilità di destinare spazi appositi per le pause del personale". Tali pause, viene spiegato, sono effettuate in uno spazio adibito nella sala pranzo o, durante la bella stagione, nella corte esterna.

Ricoveri al pronto soccorso

I deputati Mps chiedevano anche lumi sul numero di ricoveri al pronto soccorso da parte di pazienti del Centro Somen. Il CdS risponde che dall'inaugurazione avvenuta a gennaio 2017 fino a fine 2019 vi sono stati 167 casi, ovvero l'11,2% dei 1'495 pazienti dimessi in totale. Tali ricoveri d'urgenza in ospedali del Cantone, viene precisato, "si sono resi necessari a causa del peggioramento dello stato clinico del paziente durante la degenza. Il decadimento psico-fisico e/o la fragilità dovuti a una recente malattia acuta, prima del soggiorno al Centro Somen, avevano esposto il paziente a un maggiore rischio di complicazioni, per le quali, in base alla gravità, si giustificava il ricovero in ambito acuto".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved