economia-di-bellinzona-aiutate-finora-15-microimprese
Un aiuto pensato per le microimprese (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
27 min

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
40 min

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
50 min

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
17 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
18 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
23 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
11.05.2020 - 21:36

Economia di Bellinzona, aiutate finora 15 microimprese

Primo bilancio a un mese dall'istituzione del fondo d'emergenza dotato di un milione di franchi. Per le persone più a rischio tavolo di lavoro Cantone-Comuni

Quindici richieste accolte per un aiuto complessivo di quasi 150mila franchi, due in fase di valutazione e tre respinte poiché non rispettavano le condizioni date, specie per la solvibilità e la necessità di non destinare l’aiuto straordinario ad esempio al pagamento d'imposte arretrate. Questo il primo bilancio che il municipale di Bellinzona Mauro Minotti, capodicastero Finanze, economia e sport, fa del fondo straordinario denominato ‘Aiuto d’emergenza all’economia locale’ istituito dalla Città di Bellinzona e in funzione dal 30 marzo. Dotato di un milione di franchi, ha come scopo aiutare in modo puntuale eventuali attori economici attivi nel comprensorio aggregato che dovessero trovarsi in carenza di liquidità a causa della crisi pandemica in corso. Fondo cui possono far capo, dopo aver già beneficiato degli aiuti di Confederazione e Cantone, per far fronte a spese inderogabili legate all’attività economica.

Metà dal centro e metà dai quartieri periferici

“Posso citare - spiega Minotti alla ‘Regione’ - il negoziante che in vista della ripresa fosse confrontato con una liquidità limitata a tal punto da non riuscire ad acquistare dai fornitori la merce da esporre sugli scaffali, e questo dopo aver pagato altre fatture inderogabili”. L’aiuto è andato in egual misura a beneficio di attività economiche attive nel settore della vendita di articoli di moda e accessori nonché di prodotti alimentari e bevande, della produzione e attività artigianali, della ristorazione e dell’estetica/parrucchieri. Metà delle richieste è giunta al Servizio comunale promozione economica dal quartiere centrale di Bellinzona e l’altra metà dai quartieri periferici. Il prestito, ricordiamo, ammonta a un massimo di 10'000 franchi ed è rimborsabile in 36 mesi senza interessi. Una mano viene data anche a quelle attività presenti in edifici di proprietà comunale: il Municipio ha deciso di condonare loro il pagamento dell’affitto per il periodo di chiusura dell’attività, fino a un massimo di tre mesi; in questo ambito ha altresì invitato i locatori privati a fare lo stesso. 

Tavolo di lavoro Cantone-Comuni

Altre informazioni su cosa la Città può mettere in campo per aiutare la popolazione e le microimprese in difficoltà economiche arrivano dalla risposta che l’Esecutivo dà all’interrogazione della consigliera comunale Lisa Boscolo (Unità di sinistra), che lo sollecitava sulla necessità d'istituire un fondo sociale comunale. “Nelle prossime settimane, una volta passata la fase più acuta dell’emergenza, si tratterà di valutare la necessità di adottare ulteriori misure per garantire alla popolazione (privati cittadini, ma anche attori economici presenti sul territorio) quel sostegno necessario per superare il momento delicato e far fronte alle scadenze finanziarie fino a un ritorno alla normalità”, scrive il Municipio. In questo senso, ricordiamo, il Cantone ha attivato un tavolo di lavoro con i principali Comuni. “Bisognerà coordinare gli interventi con l’autorità superiore e definire, nel limite del possibile, strumenti uguali implementabili in ogni realtà comunale”. Peraltro il Municipio ricorda che la Città già dispone di un fondo sociale comunale, attraverso il quale ogni anno vengono elargiti aiuti alle persone più bisognose: “Occorrerà valutare se lo strumento è già sufficiente in quest’ottica o se dovrà essere potenziato”. Boscolo evidenziava anche le fasce di lavoratori fragili come chi lavora su chiamata, a ore o in nero. Anche per queste categorie, specifica il Municipio, le valutazioni andranno fatte nel tavolo di lavoro Cantone-Comuni. Tuttavia “per evidenti ragioni chi lavora in nero ponendosi al di fuori del quadro legale non può pretendere un aiuto da parte dell’ente pubblico”.

Piano di rilancio per sport, cultura e arte

Quanto alle società sportive, culturali e artistiche, “sarà necessario valutare attentamente le reali necessità e i tempi di ripresa delle attività”. In tema di eventi e attività culturali il Municipio ha dato mandato ai propri servizi di “immaginare un piano di rilancio una volta che gli assembramenti saranno di nuovo permessi. Attualmente però non vi è alcuna certezza sulle tempistiche”. Infine  la categoria dei commercianti che si garantivano la sopravvivenza economica grazie al Mercato del sabato. “Anche loro - ricorda l’Esecutivo - possono innanzitutto far capo al fondo di aiuto comunale. Altri aiuti potranno essere valutati nelle prossime settimane. Si tratterà anche di capire quando il Mercato del sabato potrà riprende, magari anche solo parzialmente come sta avvenendo altrove; un’ipotesi è il 23 maggio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved