ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 sec

Con l’Atte alla scoperta della Stabio romana e longobarda

La sezione del Mendrisiotto ripropone la passeggiata storica dopo il grande successo della prima uscita
Lavizzara
5 min

Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’

Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Mendrisiotto
27 min

L’ultimo libro di Andrea Netzer a LaFilanda

Il volume, ‘Camminare oltre, una vita’, sarà presentato domenica al Centro culturale di Mendrisio
Luganese
38 min

Tre settimane di cantiere a Massagno

Traffico limitato lungo via San Gottardo per i lavori alle sottostrutture e la sistemazione dell’incrocio Arizona
Chiasso
2 ore

Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino

Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
3 ore

È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale

Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
4 ore

Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio

Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
4 ore

Il Carnevaa di Goss di Sant’Antonino compie 50 anni

La manifestazione si terrà dal 16 al 19 febbraio nel capannone ex pista di ghiaccio
Bellinzonese
4 ore

La sezione La Turrita del Centro si riunisce a Bellinzona

Appuntamento per lunedì 6 febbraio alle 20 al Ristorante Unione
Bellinzonese
4 ore

Pomeriggio di ballo liscio in compagnia dell’Atte Leventina

Appuntamento in programma giovedì 2 febbraio dalle 14 presso il ristorante Alla Botte di Pollegio
Bellinzonese
4 ore

Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’

Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
5 ore

Incontro di meditazione a Pambio Noranco

L’appuntamento è lunedì 6 febbraio alle 20.30 presso il centro Serrafiorita
Bellinzonese
5 ore

Cresciano, inaugurazione della sala multiuso e tombola

Appuntamento in programma domenica 5 febbraio presso il campo sportivo in compagnia di... Yor Milano
Bellinzonese
5 ore

I numeri vincenti della lotteria del Carnevale di Cadenazzo

I cinque fortunati possono scrivere a carnevale.cadenazzo@gmail.com per ritirare il loro premio
Luganese
5 ore

Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti

In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
6 ore

Sei itinerari tematici per i parchi insubrici

Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
10 ore

Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado

Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
10 ore

Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’

Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Mendrisiotto
16 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
16 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
17 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Ticino
17 ore

Rielezione toghe, correttivi per scongiurare un nuovo 2020

La commissione firma il rapporto stilato da Pagani: ‘Il Consiglio della magistratura si doti di un regolamento ed espliciti il diritto di essere sentito’
Mendrisiotto
18 ore

Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone

Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
19 ore

La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti

Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
19 ore

Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri

Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Luganese
19 ore

Christian Vitta e Raffaele De Rosa a confronto a Massagno

I due consiglieri di Stato parleranno delle sfide dei rispettivi Dipartimenti. L’evento è in agenda il 5 febbraio al Cinema Lux e al Salone Cosmo
Luganese
20 ore

Caslano incontra i propri 18enni

Ventidue i giovani nati nel 2005 che hanno partecipato all’evento organizzato con l’autorità comunale
Mendrisiotto
20 ore

Parco Villa Argentina, un gruppo di lavoro per la riqualifica

Lo fa sapere il Municipio rispondendo a un’interrogazione di Tiziano Fontana, precisando che l’Ufficio dei beni culturali attende un progetto definitivo
28.04.2020 - 06:00
Aggiornamento: 08:35

Sementina: la rabbia dei figli e le risposte del direttore

Decessi Covid-19, i familiari di quattro ospiti morti nella casa di riposo e un dipendente muovono critiche alla Direzione. Che dà delle risposte

sementina-la-rabbia-dei-figli-e-le-risposte-del-direttore
La casa anziani di Sementina

Tristezza per la perdita subita, rabbia per come ritengono che i loro cari siano stati gestiti. Quattro familiari di ospiti della casa di riposo di Sementina deceduti per Covid19, nonché un operatore sanitario che vi lavora, dopo i nostri articoli del 21 e 22 aprile - incentrati sul fatto che nell’istituto vi sono stati 19 decessi, al contrario delle altre due strutture di proprietà della Città di Bellinzona dove il totale è zero - si sono rivolti al nostro giornale per raccontare la loro esperienza. Situazioni e opinioni che abbiamo sottoposto a Silvano Morisoli, direttore degli Istituti comunali per anziani, affiancato dalla direttrice sanitaria della struttura di Sementina e del centro Somen. Con una premessa da parte loro, ossia la difficoltà di chiarire determinati punti non potendo noi fornire le generalità dei nostri interlocutori. Ai quali, per comprensibili motivi, abbiamo garantito l’anonimato. Mentre qualcuno, fra di essi, sta meditando di inviare un esposto al medico cantonale. Il quale ha nel frattempo sottoposto la casa di riposo di Sementina a un regime di vigilanza. Le cifre d'altronde parlano da sole: oltre ai 19 decessi certificati Covid, nell'ultimo mese e mezzo ne figurano 8 per cause diverse, cifra questa superiore alla media. In soldoni il 46% degli ospiti è stato contagiato (18 sarebbero attualmente stazionari o in fase di guarigione) e il 24% è deceduto. Contagiati pure diversi dipendenti.  

Chi ci ha contattato sostiene che sarebbero stati accolti nuovi ospiti nonostante vi fosse il divieto cantonale per tutte le case anziani di procedere con ammissioni. È così?

“Le autorità preposte non hanno deciso il blocco delle nuove ammissioni”, esordisce Silvano Morisoli: “A ogni modo qui a Sementina è stata accolta, dal 10 marzo, unicamente una paziente Covid in fase di guarigione (trascorsi 14 giorni), proveniente dal Centro Somen e collocata nel nostro reparto Covid, come da disposizioni cantonali”.

Familiari che stavano portando l'ultimo saluto a un parente poi deceduto di lì a poco, hanno visto una paziente affetta da Alzheimer, nel frattempo pure morta per Covid, uscire dalla propria camera e, senza alcuna protezione, frugare nel bidone dei rifiuti nel quale gli infermieri riponevano guanti, mascherine e grembiuli usati visitando pazienti Covid.

“Questa informazione non ci è stata data”, dichiara Morisoli: “A ogni modo non è sempre facile avere sotto costante controllo pazienti con Alzheimer. Se quanto riferito fosse vero, dispiace che la persona oggi segnalante non si sia rivolta subito ai responsabili per rimediare alla situazione”. Chi ha assistito alla scena, ha tuttavia riferito alla 'Regione' di aver subito sollecitato il personale presente al piano, che è intervenuto.

Altro punto critico, la gestione degli asintomatici, quindi potenzialmente contagiosi e che in base a una statistica zurighese effettuata su 4 case di riposo rappresentano un quinto del totale degli ospiti: ebbene, risulta che a Sementina fino al 24 marzo gli ospiti asintomatici autonomi pranzavano e cenavano tutti insieme nel salone principale, i meno autonomi nella saletta al piano, anziché ciascuno nella propria camera come altre strutture per anziani ticinesi hanno fatto. Sono infine stati isolati solo a tampone positivo (taluni sono nel frattempo deceduti), mentre gli altri asintomatici (come detto, potenzialmente contagiosi) hanno continuato a girare al piano, svolgere attività socializzanti e scendere al pianterreno.

“Le direttive cantonali in merito alla refezione degli anziani - risponde il direttore - indicano la distanza sociale, la corretta igienizzazione delle superfici, il coretto lavaggio delle stoviglie. Dopo che sono emersi i primi casi Covid, e che sono stati isolati secondo le direttive cantonali, ci siamo adoperati per garantire la consumazione dei pasti all’interno dei singoli reparti e nelle camere”.

Tuttavia - rivelano alcune testimonianze da noi raccolte - soltanto durante il weekend del 18-19 aprile, quando è intervenuto il medico cantonale, si è provveduto a fare il tampone a tutto il personale, ciò che ha evidenziato la presenza di diversi positivi asintomatici. I quali nelle giornate precedenti hanno quindi potenzialmente trasmesso il virus. Personale che a più riprese aveva inutilmente sollecitato la Direzione a effettuare, con regolare frequenza, i tamponi a tappeto. Altre case per anziani lo hanno fatto, perché voi no?

“Non ci sono raccomandazioni per effettuare il test su persone asintomatiche”, replica il direttore: “Sono stati tamponati, anche a più riprese, residenti oligo-sintomatici o sintomatici. Mentre i collaboratori sintomatici che necessitavano di una presa a carico, venivano prontamente invitati a contattare il medico del personale che ne eseguiva il controllo e l’eventuale tampone, con la conseguente presa a carico in base ai risultati ottenuti, in collaborazione col medico di famiglia”.

Scarsità di operatori: nonostante le molte assenze (confermate che il 50% è stato contagiato?), la Direzione non ha ritenuto opportuno far capo a personale esterno (altri operatori socio­ sanitari, Pci, esercito, ecc.). Come mai?

“Non siamo autorizzati a rilasciare informazioni sul numero di collaboratori contagiati”, dichiara Morisoli: “Possiamo solo dire che l’informazione di cui disponete è purtroppo, ancora una volta, errata. Il numero di collaboratori contagiati è sensibilmente inferiore. L’apertura di un reparto dedicato ai residenti Covid ha imposto la revisione della turnistica con conseguente allungamento dell’orario giornaliero lavorativo ma mantenendo i corrispettivi giorni di riposo come da regolamentazione in uso. Ciò ha comunque permesso che a tutti gli ospiti fosse garantita un’adeguata presa a carico anche in situazioni di criticità e al personale di usufruire del riposo”.

Ancora sugli ospiti asintomatici risultati positivi e nel frattempo deceduti: da testimonianze risulta che scendessero al pianterreno per socializzare. Senza mascherina. Soltanto da venerdì 17 aprile gli ospiti sono tutti confinati in camera, finalmente isolati.

“Da noi - spiega il direttore - i residenti asintomatici e non assegnati al reparto Covid non sono reclusi in camera, e potevano quindi muoversi seguendo determinate regole ed istruzioni raggiungendo il giardino esterno. Successivamente queste misure sono state ulteriormente inasprite”. In che modo, Morisoli non lo dice.

I familiari da noi sentiti insistono sull'esitenza di forti lacune informative e proattività sullo stato di salute degli ospiti Covid, mentre nella lettera del 30 marzo la Direzione scriveva che “i familiari degli ospiti contagiati sono immediatamente informati e costantemente aggiornati sull’andamento del decorso”.

“Senza, ancora una volta, disporre della concreta segnalazione è difficile rispondere a una domanda così formulata”, ribatte Morisoli: “Abbiamo riscontri molto positivi da diverse famiglie che attestano il contrario. Non possiamo escludere che magari, qua o là, qualcuno non si sia sentito sufficientemente ascoltato. Se ciò è accaduto è sicuramente da ricondurre all’enorme mole di lavoro con cui tutti noi, direzione e collaboratori, ci siamo confrontati per più giorni. Teniamo però a precisare che ogni qualvolta giungeva una richiesta di informazione è sempre stata evasa”.

Tuttavia più di una testimonianza parla chiaramente di atteggiamento della direttrice sanitaria e del direttore amministrativo scostante nei confronti dei familiari preoccupati che sollecitavano chiarimenti al telefono.

“Senza una precisazione non è possibile una presa di posizione. Ci fosse chiarito di cosa esattamente si tratta potremmo dire qualcosa. In ogni caso a noi pare di aver sempre risposto adeguatamente e con modalità comunicative corrette alle differenti richieste. La presa a carico delle situazioni complesse è stata gestita sempre in modo coordinato e multidisciplinare, in collaborazione con i medici di famiglia e in alcune situazioni con i medici responsabili ospedalieri e col supporto medico-etico di Roberto Malacrida”.

Ma l’impressione che taluni familiari hanno avuto, è che le cure prestate ai loro genitori non siano state sufficienti né adeguate. Viene ad esempio lamentata l’assenza di flebo e quant’altro, viste per contro in pazienti ricoverati alla Carità.

“Non risulta quanto sotteso nella domanda, ovvero, tra l’altro, l’assenza di flebo: se questo fosse accaduto sarebbe stato utile che ci fosse segnalato subito”. Chi ci ha segnalato questo punto alla 'Regione', afferma di averne parlato con l’infermiera di turno, senza tuttavia che questo cambiasse qualcosa. Il direttore per contro assicura: “La nostra struttura e i collaboratori hanno prestato tutte le cure necessarie per garantire un’adeguata presa a carico. Questo particolare periodo storico di pandemia ha stravolto il normale accompagnamento della persona, negando la vicinanza dei propri cari e i normali e riconosciuti rituali durante l’ultimo accompagnamento”.

L'Mps al Governo: tanti punti da chiarire

Venti domande al Consiglio di Stati per capire cosa non abbia funzionato. Le pone il Movimento per il socialismo, convinto che a Sementina l'applicazione delle direttive cantonali per le case di riposo sia stata lacunosa e che, d'altronde, inadeguate e intempestive siano state le stesse direttive emanate dal medico cantonale. Fra i molti punti critici sollevati vi sono ad esempio: le visite dei familiari, che secondo l'Mps sarebbero proseguite fino al 17 marzo, una settimana dopo lo stop imposto dal Cantone; i tamponi eseguiti su tutto il personale solo dal 18 aprile, quando ormai i deceduti erano già parecchi; il riutilizzo di materiale monouso. In definitiva si chiede una valutazione sull'operato della direzione medica e amministrativa della struttura.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved