ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Comprarsi mezza Locarno con un lancio di dadi, da oggi si può

Dopo le edizioni dedicate a Lugano e al Ticino, arriva sul mercato anche la versione incentrata sulla Città sul Verbano del gioco da tavolo Monopoly
Luganese
4 ore

I martedì creativi del Centro diurno Talete

Origami e pasta da modellare nei pomeriggi organizzati alla struttura di Pro Senectute a Lamone
Luganese
5 ore

Va in scena ‘Avventura e Sicurezza’. Più di un’esercitazione

A Lugano gli enti di soccorso del cantone si presentano alla popolazione. Sarà possibile cimentarsi con le diverse attività
Luganese
5 ore

Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage

L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Luganese
5 ore

Crisi energetica, a Lugano piscine e palestre più fredde

Il Municipio ha deciso di implementare alcune misure volte al risparmio di elettricità e gas. Alcune di queste sono comportamentali.
Ticino
7 ore

‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’

Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Bellinzonese
8 ore

La cucina medievale regina della giornata dei castelli

L’antica gastronomia sarà il filo conduttore delle attività proposte domenica 2 ottobre nei tre manieri cittadini
Luganese
8 ore

Lugano è per AlpTransit a sud. Chi si batte plaude

‘Pro Gottardo ferrovia d’Europa’ soddisfatta per la risoluzione unanime sottoscritta dal Consiglio comunale
Luganese
8 ore

Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni

Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
8 ore

A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo

Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Grigioni
8 ore

Augio, presentazione di un libro fotografico sulla Val Calanca

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 20 al ristorante La Cascata, in presenza dell’autore Sergio Luban
Bellinzonese
9 ore

Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’

È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Luganese
9 ore

Il centro di Lugano si veste d’autunno

Nel solco della tradizione la Città propone momenti enogastronomici, bancarelle, musiche e giochi per tutti
Luganese
9 ore

La Città si mette il... ‘Cinema in Tasca’

Torna la rassegna che propone grandi film a prezzi popolari. Si parte con la stagione autunnale il 12 ottobre
Mendrisiotto
10 ore

‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié

La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Locarnese
10 ore

Sviluppo del comparto del Lido, perché il Municipio ‘tentenna’?

Lo chiede tramite un’interpellanza all’esecutivo di Locarno il consigliere comunale Udc Bruno Baeriswyl
Mendrisiotto
10 ore

Da Morbio Inferiore un viaggio nel tempo in due incontri

In programma due conferenze storiche: la prima sulla Belle Époque, la seconda sul contrabbando
laR
 
22.04.2020 - 06:00
Aggiornamento: 11:29

Casa anziani di Sementina: 'Non è tempo di bilanci'

Per il direttore della struttura colpita da diverse morti per Covid ora serve arginare il contagio. Intervenuto anche il medico cantonale

di Samantha Ghisla
casa-anziani-di-sementina-non-e-tempo-di-bilanci
laRegione

Contagi e vittime di Covid-19 tra gli ospiti della casa anziani di Sementina: dopo l’articolo da noi pubblicato ieri e alcune reazioni giunte in redazione ne abbiamo parlato direttamente con il direttore Silvano Morisoli. “Al termine dell’emergenza sanitaria si tireranno le somme per capire cos’ha funzionato e cosa invece no. Posso assicurare che stiamo lavorando con il medico cantonale, Giorgio Merlani, e con lo Stato maggiore cantonale di condotta (Smcc) per analizzare la situazione”, spiega da noi contattato. La struttura di Sementina, ricordiamo, è una dei quattro istituti della Città di Bellinzona, ma solo lì si è verificato un contagio massiccio tra ospiti (con numerose vittime) e personale. Non è però secondo Morisoli questo il momento giusto per trarre un bilancio. “Attualmente la priorità consiste nel tenere lontano il virus dalle strutture in cui fortunatamente non è entrato e arginare il contagio laddove invece è attualmente presente”, spiega Morisoli precisando che negli ultimi giorni non si è comunque assistito a nuovi contagi tra i residenti. Il numero dei contagi e delle vittime, aggiunge, è un dato che al momento non viene reso pubblico ma comunque comunicato quotidianamente allo Smcc: “Non vogliamo nascondere tali cifre, ma si tratta di dati molto sensibili”.

Morisoli: 'Il materiale protettivo c'è sempre stato'

Fin da subito, a inizio marzo, sono state messe in campo le misure di protezione decise a livello cantonale dapprima limitando e poi non permettendo le visite dall’esterno. “Non abbiamo mai avuto problemi di approvvigionamento di materiale protettivo, ovvero mascherine, guanti, camici, copricapo, disinfettanti, prodotti virucidi per superfici. C’è sempre stato e la distribuzione è stata assicurata per ogni struttura”, assicura Morisoli smentendo una testimonianza giunta in redazione. Conferma per contro che un collaboratore ha rassegnato anzitempo le proprie dimissioni poiché non era d’accordo con il genere di misure di protezione da mettere in atto. “Non possiamo permetterci che ognuno decida di testa propria, scegliendo di fare di più o di meno di quanto prescritto e previsto dalle competenti autorità alle quali noi ci siamo strettamente attenuti: sarebbe un’anarchia. All’interno del Settore Anziani sono stati allestiti protocolli e direttive di salvaguardia personale e dei residenti alle quali bisogna scrupolosamente aderire ed osservare”, spiega Morisoli.

Per i collaboratori niente cibo da casa 

Il nostro interlocutore precisa che dal 21 marzo in avanti - ovvero da quando sono stati accertati i primi casi di coronavirus all’interno della struttura - sono state apportate ulteriori misure per scongiurare il rischio di contagio tra le mura della casa. In pratica, ci spiega, sono stati separati i pazienti con coronavirus dagli altri, i pasti non sono più stati distribuiti nel locale in comune e si è optato per animazioni effettuate singolarmente e non più in gruppo. Tra le misure, la direzione ha anche chiesto al personale di non introdurre cibo dall’esterno, invitando i collaboratori a fare capo alla mensa interna per la pausa pranzo e per la cena. “Per agevolarli abbiamo però abbassato il prezzo del pasto”, precisa Morisoli. Questa è una delle misure apportate in tutte le case anziani del Comune di Bellinzona. "Segnalo anche che la consegna e fornitura di merci dall’esterno segue un inter preciso e dettagliato prima di essere introdotto e distribuito, con la messa in atto di misure di disinfezione", sottolinea.

Lavori in corso in piena emergenza

Il numero di decessi e gli spostamenti interni di ospiti hanno fatto in modo che nella struttura di Sementina rimanesse vuoto un intero reparto. A tal proposito Morisoli conferma che erano stati avviati dei lavori di rifacimento di un piano dell’istituto per anziani, che avrebbe così potuto accogliere nuovi ospiti, ma nel frattempo sono stati interrotti "dopo attenta riflessione con gli organi preposti”, afferma Morisoli. “Abbiamo deciso di fermarci fintanto che non sarà concluso il momento di difficoltà generato dal coronavirus, in modo da dare priorità alla gestione della situazione attuale”, spiega il direttore.

A breve Morisoli annuncia un’ulteriore comunicazione con le famiglie per un aggiornamento, dopo i due scritti riferiti nell’articolo di ieri. “C’è apprensione da parte di alcuni familiari ed è comprensibile. Non poter vedere il proprio caro e non sapere cosa succede è difficile da accettare e gestire emotivamente. Sicuramente ci sono famigliari che si sarebbero aspettati alto e che si sentono delusi e arrabbiati. Sarà mio impegno, una volta conclusa la pressione pandemica, incontrarli per poter discutere del loro vissuto e promuovere un momento di cordoglio”, aggiunge. 

Il medico cantonale: 'Focolaio particolarmente diffuso'

Da noi interpellato, il medico cantonale Giorgio Merlani conferma di essere intervenuto alla casa anziani di Sementina. "Nell’ambito della sorveglianza epidemiologica eseguita dal mio Ufficio su tutte le Cpa del Cantone in collaborazione con le stesse, abbiamo riscontrato un focolaio Covid particolarmente diffuso in questa struttura", ci spiega. Sul numero di casi e di vittime non può però esprimersi. "Non è sempre facile attribuire con esattezza le morti Covid e le morti non Covid e determinare quale sia il ruolo del virus sul decesso. Come già ribadito in altre situazioni, ritengo di non poter rilasciare informazioni pubbliche sul numero di decessi nelle singole strutture", risponde.

Sul genere di intervento effettuato, Merlani precisa: "Abbiamo fornito indicazioni di tipo organizzativo e rivisto la formazione e l’addestramento sull’uso dei dispositivi di protezione individuale per il personale. Il personale disponeva e dispone del materiale necessario di protezione". Il medico cantonale conferma infine che è in atto una sospensione sia dei lavori nel piano che è rimasto senza pazienti, sia delle nuove ammissioni.

Leggi anche:

Case anziani di Bellinzona, diversi decessi a Sementina

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved