ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
2 ore

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
7 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
9 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
10 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
10 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
11 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
12 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
12 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
12 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
12 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
12 ore

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
Bellinzonese
12 ore

Cinema, teatro, libri e castagne: ad Acquarossa la nespolata

L’incontro prenatalizio torna il 14 dicembre con una ricca 22esima edizione
Luganese
12 ore

Lugano, torna il presepe sott’acqua

Fervono i preparativi per l’allestimento del tradizionale evento. L’inaugurazione è prevista sabato 17 dicembre
18.04.2020 - 11:15

Da Bellinzona un appello agli altri servizi di autolettiga

Per il dopo Covid-19 il presidente della Croce Verde solleciterà la Federazione cantonale: 'Fare una radiografia che individui migliorie e nuove sinergie'

da-bellinzona-un-appello-agli-altri-servizi-di-autolettiga
Servizi in questo periodo molto sollecitati (Ti-Press)

“L’attuale crisi generale dovuta al Covid-19 potrebbe rappresentare un impulso, un punto di partenza per avviare una riflessione ad ampio raggio sui servizi di pronto intervento ticinesi, magari non proprio nell’ottica di una medicalizzazione cantonale, ma in quella di una maggiore sinergia fra enti regionali, senza andare a intaccare le singole peculiarità”. È l’auspicio che il presidente della Croce Verde di Bellinzona, interpellato dalla ‘Regione’, esprime a titolo personale elencando tutta una serie di buone ragioni affinché la Federazione cantonale ticinese dei servizi autoambulanze, che riunisce i cinque enti attivi sul piano cantonale nonché quello del Moesano e la Rega, colga l’occasione per analizzare a fondo l’attuale organizzazione e dotazione di personale e materiale, individuando in un confronto aperto e prospettico gli ambiti nei quali implementare delle migliorie, considerando anche la sostenibilità finanziaria.

Quali lezioni trarre

Premesso che “il servizio come attualmente svolto ha una buona qualità frutto di un costante processo di aggiornamento”, Vincenzo Lacalamita intende inoltrare alla Federazione una richiesta ufficiale di incontro fra le parti, ritenendo che il momento, una volta superata la fase acuta, sia propizio per effettuare una radiografia dell’esistente per capire quale lezione trarre da una situazione del tutto eccezionale e inattesa, e cosa eventualmente cambiare per muoversi meglio nel futuro, considerando sia eventuali altri periodi pandemici, sia le sfide che si pongono in tempi normali per affrontare adeguatamente le urgenze’. Tutto ciò mentre nella Turrita la Croce Verde festeggia quest'anno il secolo di vita, con eventi però rinviati al 2021 proprio a causa del Coronavirus. Proprio in questi giorni viene intanto inviata a tutti i fuochi la nuova campagna sostenitori, volta a garantire il necessario sostegno finanziario a fronte delle varie sfide aperte sul campo.

Ambulanze diverse, un bel problema

Un ‘caso’ tipico, in questo ambito, è rappresentato dai differenti veicoli in dotazione ai rispettivi servizi di autolettiga. “Qualora si renda necessario, in determinate situazioni, effettuare un trapasso di barella con paziente da un’ambulanza all’altra, l’attuale diversità rappresenta un problema che si risolverebbe optando per veicoli e allestimenti interni uguali”, esemplifica Lacalamita. I vantaggi “sono bene immaginabili qualora si presentasse un’emergenza locale: un soccorritore attivo professionalmente in un’altra parte del cantone saprebbe ‘orientarsi’ più facilmente a bordo di ambulanze uguali a quella nella quale lavora abitualmente”. Un passo in questa direzione è stato fatto siglando recentemente un accordo fra Croce Verde di Bellinzona e Servizio ambulanza Locarnese e Valli (Salva) che indica la necessità di dotarsi di mezzi identici.

Ricercare soluzioni win-win 

Bene per contro la formazione: “Da tempo è stata uniformata e centralizzata sul piano cantonale. Uguale per tutti è anche la scala salariale. Stiamo invece ancora lavorando sul regolamento cantonale”. Altri punti che richiederebbero una maggiore sinergia “potrebbero essere i modelli di fatturazione, la gestione del personale, il prepensionamento laddove esiste, ma anche la fase che precede il prepensionamento”. E già che si parla di personale, “un ragionamento potrebbe riguardare anche il coinvolgimento dei sindacati e dei medici”, annota Vincenzo Lacalamita: “Nel primo caso, da noi è già realtà. E quanto ai medici, diversi anni fa abbiamo sottoscritto con l’Ente ospedaliero un accordo, credo unico a livello cantonale, grazie al quale il San Giovanni a nostre spese mette a disposizione suoi dottori di pronto soccorso per le situazioni più impegnative. Si tratta della tipica situazione win-win che consente a noi di risparmiare qualche franco non dovendo assumere un medico in pianta stabile, e all’ospedale di approcciarsi più tempestivamente ai casi più gravi”. Altri servizi di autolettiga hanno invece dei medici alle loro dipendenze. Qual è dunque la soluzione migliore? “Bisognerebbe analizzarlo coinvolgendo tutte le parti in causa, compreso l’Ente ospedaliero”, confida Lacalamita.

Logistica: quale soluzione scegliere?

C’è poi la questione logistica. In un contesto storico come l’attuale che ha evidenziato la necessità di superare le diversità fra enti sanitari pubblici e privati per affrontare al meglio la crisi sanitaria, “mi piace pensare che anche il pronto intervento possa ragionare su quali siano le soluzioni più adeguate dal profilo infrastrutturale. La pongo come domanda: è giusto che ciascun ente abbia la propria sede? Mi chiedo se non sia meglio realizzarne magari due principali (Sopra e Sottoceneri) con delle antenne dislocate sul territorio in punti strategici atti ad accorciare ulteriormente i tempi d’intervento. Questa non è una proposta, ma un'idea di logistica che si potrebbe approfondire”. Intanto proprio il Municipio di Bellinzona, ricordiamo, sta pianificando a Giubiasco la nuova centrale di pronto intervento per Croce Verde, Pompieri, Protezione civile e Azienda multiservizi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved