lati-di-sant-antonino-concretizzato-il-piano-di-rilancio
Alcuni degli attuali prodotti della Lati
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

‘Norme moderne e solide per la Cantonale e le polcom’

Il capo del Dipartimento istituzioni Gobbi sulla revisione totale della Legge polizia.Il comandante Cocchi: si è iniziato a lavorare dieci anni fa
Ticino
5 ore

Scuole post obbligatorie, riconosciuta la parità formale

Le licenze di scuola media non avranno più la ‘menzione Sms’, che creava un’asimmetria per l’accesso alle scuole professionali e a quelle medio superiori
Luganese
6 ore

Bioggio: fermato un cantiere, indizi di reperti archeologici

Proprietario di una casa in costruzione ‘bloccato’ per dar luogo alle indagini dell’Ufficio cantonale dei beni culturali
Bellinzonese
7 ore

Entra finalmente nel vivo la nuova stagione estiva di Carì

Dallo scorso weekend gli impianti di risalita sono in funzione sino a quota 2’000 metri, scatta un ricco programma di attività
Luganese
7 ore

Cureglia, arriva la pavimentazione fonoassorbente

I lavori, previsti in via Cantonale e via Campagna, si svolgeranno dall’11 luglio al 30 settembre
Bellinzonese
7 ore

La ’ndrangheta prende il treno: inchiesta terminata a Milano

Probabile rinvio a giudizio per i fratelli Rossi, titolari anche della Gcf di Bellinzona indagata in Ticino (cantiere Monte Ceneri) ma non in Italia
Locarnese
7 ore

Frontale scooter-auto a Corcapolo, ferite gravi per il centauro

L’incidente intorno alle 15.45 sulla strada cantonale all’altezza dell’intersezione per Calezzo. Il ferito portato in ospedale da un elicottero della Rega
Ticino
7 ore

Livelli a scuola, ‘usiamoli come indicatori e non come criteri’

È una delle proposte del Consiglio cantonale dei giovani, che chiede anche 5 anni di scuola media e maggiore sensibilizzazione su droghe e alcol
Luganese
8 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Vaglio e Sala

Il cantiere per il risanamento fonico inizia giovedì 14 luglio. Traffico regolato con semafori o agenti di sicurezza.
Locarnese
8 ore

Concerto bandistico a San Nazzaro

Si esibisce l’Unione filarmonica Gambarognese
Bellinzonese
8 ore

Festa delle Costine con la Pro Carasso-Galbisio

Domenica 17 luglio a partire dalle 9.30 inizieranno i primi voli in elicottero fino ai Monti Marno, solo in caso di bel tempo
Locarnese
9 ore

Minusio, festa al Portigon

Due serate di musica proposte dal Fans club Hcap Locarnese e Valli
Bellinzonese
9 ore

Manca poco al calcio d’inizio del Torneo dei Bar

La manifestazione organizzata dal Leventina Calcio avrà luogo dal 13 fino al 16 luglio a Rodi-Fiesso, buvette e griglia tutte le sere
Locarnese
9 ore

Patriziato di Cevio-Linescio in assemblea

L’incontro si terrà nell’aula magna delle scuole medie
laR
 
14.04.2020 - 06:00

Lati di Sant'Antonino, concretizzato il piano di rilancio

Il Coronavirus ha solo rallentato il montaggio del nuovo caseificio: sul mercato prossimamente anche latte e formaggelle bio

In via Gorelle a Sant’Antonino, nello stabilimento Lati, stanno per concludersi gli interventi tecnici e infrastrutturali necessari a riorientare sul mercato l’offerta di quella che per molti anni è stata - e intende ancora esserlo - la principale azienda casearia ticinese e uno dei maggiori gruppi alimentari attivi nel cantone. Come si ricorderà, le importanti difficoltà accumulate per diversi mesi e che l’avevano portata a un passo dal fallimento, verso la fine del 2018 avevano trovato una soluzione con la cessione del 70% delle azioni detenute dalla Federazione ticinese produttori di latte alla Cooperativa dei produttori di latte della Svizzera centrale, con sede a Lucerna. In quella circostanza si era stabilito che per restare concorrenziale la Lati avrebbe dovuto ripensare i propri prodotti, dando loro una connotazione tipicamente ticinese. Pena, l’impossibilità di restare a galla sul mercato ticinese e svizzero.

Da 52 a 20 dipendenti

Al nuovo piano d’investimento deciso all’inizio dello scorso anno, sono seguite decisioni drastiche ma ritenute indispensabili per il mantenimento della società. Dei 52 dipendenti impiegati durante il 2018, ne sono rimasti inizialmente 40. Una dozzina di licenziamenti per i quali è stato approntato un piano sociale in collaborazione col sindacato Unia, sottoscrivendo l’impegno nel ricollocare gli ex collaboratori in altre ditte e nell’individuare soluzioni interne per gli altri. In quella circostanza i tagli hanno toccato i settori nel frattempo chiusi: quello del latte a lunga scadenza Uht (che non risultava più competitivo) e quello delle consegne con furgoni e camion che avrebbe richiesto investimenti troppo onerosi. Proprio a questo riguardo un anno fa è stato siglato un accordo di collaborazione con la Grünenfelder di Quartino, attiva nella distribuzione di prodotti alimentari e anche non food. Così facendo è stato reimpostato il servizio verso ristoranti e piccoli negozi di paese, mirando anche qui alla valorizzazione dei formaggi locali. “Questo accordo - evidenzia il presidente della Lati, Carlo Croci - ha comportato il travaso di una ventina di nostri collaboratori del settore food. Di modo che attualmente a Sant’Antonino ne contiamo una ventina”. 

Nuove ricette

Parallelamente, come detto, è partita l’acquisizione di nuovi macchinari per la lavorazione e trasformazione del latte con l’obiettivo di essere sul mercato con nuovi prodotti durante la primavera 2020. “L’iter per il montaggio dei caseificio e dell’impianto di confezionamento - rileva Croci - è stato un po’ rallentato dall’emergenza dovuta alla pandemia da Coronavirus. A ogni modo i nostri obiettivi fissati a inizio 2019 non sono cambiati e confidiamo di poterli concretizzare non appena lo consentirà il quadro economico generale così duramente colpito”. Tutto quanto era in programma è stato avviato ed è ora quasi ultimato: “I tecnici stanno ultimando il montaggio delle apparecchiature, mentre dal profilo alimentare possiamo annunciare due novità che però attualmente non possiamo portare ai meeting di degustazione poiché sospesi in tutta la Svizzera: da una parte venderemo latte bio a corta-media scadenza, nonché una formaggella pure bio, rifornendoci dall’azienda agricola Ramello di Adrian Feitknecht a Cadenazzo che ha ottenuto il marchio di garanzia. Dall’altra abbiamo cambiato le ricette di tutte le altre formaggelle che le renderanno ancora più sfiziose”. Fra questi prodotti Lati, uno dei più rinomati è il Gorello: “Il cui nome è preso in prestito dalla zona di Sant’Antonino dove sorge il nostro stabilimento. Nome che intendiamo cambiare, per renderlo un po’ più attrattivo”. 

Le difficoltà di grande distribuzione e ristoranti

Quanto al problema Coronavirus che ha bloccato in Ticino le attività produttive non indispensabili, Carlo Croci non nasconde la difficoltà del momento: “Da una parte confidiamo nella buona salute dei nostri collaboratori, che ringrazio molto per gli sforzi intrapresi volti a garantire la piena operatività. Dall’altra dobbiamo considerare le attuali difficoltà dei nostri principali clienti. Quattro di essi rappresentano il 90% del fatturato Lati: due sono la cosiddetta grande distribuzione”, costretta a introdurre restrizioni nella vendita con accessi limitati ai negozi, “ciò che riduce sensibilmente la vendita dei nostri prodotti freschi”; mentre gli altri due clienti “lavorano esclusivamente col settore esercentesco che ha praticamente azzerato l’attività”. Si tratta di Günenfelder e del colosso elvetico Transgourmet-Prodega. Il 20% del pacchetto azionario, ricordiamo, è rimasto in mano alla Federazione ticinese produttori di latte (che prima deteneva il 100%), da cui Lati ritira la stragrande maggioranza del latte di cui necessita. Mentre il 10% delle azioni è detenuto dalla Cetra Alimentari Sa di Mezzovico-Vira di cui è membro lo stesso Croci ed è molto attiva nello smercio di formaggi nella Svizzera interna.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved