ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
14 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
17 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
19 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
1 gior

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
26.03.2020 - 14:54

Dal Tribunale federale via libera all’antenna in Val Morobbia

Buone notizie per gli abitanti di questa zona di Bellinzona che da anni lamentano problemi di connessione. Gianini: ‘Un’opportunità anche per il telelavoro’

di Samantha Ghisla
dal-tribunale-federale-via-libera-all-antenna-in-val-morobbia
La 'Regione' ne ha parlato la prima volta nel maggio 2018

Con la sentenza dello scorso 10 marzo il Tribunale federale (Tf) mette la parola fine alla vertenza che da anni impedisce a Swisscom di realizzare un impianto di telefonia mobile sul campanile della chiesa di Sant’Antonio, in Valle Morobbia, quartiere che con l’aggregazione è diventato parte del Comune di Bellinzona. Con questa decisione i giudici di Losanna ribaltano di fatto la sentenza emessa lo scorso novembre dal Tribunale amministrativo cantonale (Tram), che aveva annullato la licenza edilizia concessa dall’allora Municipio di Sant’Antonio nel 2016 e impugnata da due confinanti. Se dal canto suo il Tram riteneva che l’impianto contrastasse con il carattere monumentale dell’edificio e con il vincolo di conservazione della chiesa parrocchiale dedicata ai santi Antonio e Abbondio - bene culturale protetto - ora il Tf stabilisce che l’interesse pubblico del servizio di telefonia è più importante dell’aspetto estetico dell’antenna. Swisscom, che aveva impugnato la decisione della corte cantonale, può dunque procedere con la realizzazione dell’impianto.

L'obbligo di garantire il servizio pubblico di telefonia

Il Tram, spiega il Tf, si è infatti basato solo sul criterio di tutela del monumento senza considerare quanto prevede la Legge federale sulle telecomunicazioni, ovvero l’obbligo di garantire a tutte le cerchie della popolazione in tutte le regioni della Svizzera il servizio pubblico di telefonia. È quanto stabilisce anche il documento ‘Impianti per la telefonia mobile e monumenti storici’ stilato nel 2018 dalla Commissione federale dei monumenti storici e dal Dipartimento federale dell’interno. Ovvero che in assenza di ubicazioni alternative - come in questo caso - è necessario ponderare non solo le esigenze di conservazione degli edifici bensì anche quelle tecniche, ponderando tutti gli interessi in gioco. La decisione del Municipio di rilasciare la licenza edilizia viene dunque definita comprensibile e giustificabile dal Tf, in particolare perché si è basata sulla nota insufficienza di copertura di rete, soprattutto nella parte alta della valle.

L'importanza delle nuove tecnologie

La sentenza, che potrebbe essere destinata a fare giurisprudenza, è accolta positivamente dall’esecutivo cittadino, come ci conferma, da noi contattato, il capodicastero Territorio e mobilità Simone Gianini. “In un periodo particolare come quello che stiamo vivendo, emerge in modo chiaro la necessità dell’innovazione tecnologica, non solo per trovare un vaccino efficace contro il coronavirus, ma anche per riorganizzare e poi far ripartire la nostra società”, sottolinea il municipale, che aggiunge: “L’emergenza in atto ci fa riflettere sull’importanza delle nuove tecnologie, anche quelle sinora controverse, pure in ottica futura: se nelle ultime settimane è scattata in Ticino, come nel resto dell’Europa, la corsa al telelavoro, la Valle Morobbia si trova particolarmente svantaggiata da questo punto di vista”. Ma grazie alla nuova antenna, la difficoltà a trovare campo o a connettersi a internet con il proprio cellulare potrà finalmente essere risolta “e facilitare quindi l’abitazione in valle, in attesa pure della prevista posa della fibra ottica da parte dell’Amb”, conclude Gianini.

Impatto visivo 'assai limitato'

Per quanto riguarda l’impatto visivo o estetico dell’antenna, sia l’Ufficio della natura e del paesaggio, sia il Municipio, sia il Consiglio di Stato avevano stabilito che l’aspetto della torre campanaria non sarebbe stato pregiudicato. Quanto Swisscom intende posare non è in effetti la classica antenna che si sviluppa in altezza sopra un edificio: si tratta più precisamente di due antenne fatte a pannello e di due apparecchiature tecniche. Mentre queste ultime saranno sistemate all’interno del campanile, i due pannelli verranno sistemati vicino alle aperture in cima alla torre. Secondo la corte cantonale ciò avrebbe alterato in modo evidente il monumento protetto, ma non è infine stato di questa opinione il Tf. “Dal fotomontaggio e dai disegni in 3D risulta che le due antenne saranno percepibili dal suolo pubblico o da spazi accessibili al pubblico: considerate tuttavia le dimensioni esigue e contenute (58 x 26 cm), e il colore grigio che ne attenua l’effetto visivo, nonché la distanza dal suolo pubblico, il loro impatto sul monumento, anche se non trascurabile, sarà assai limitato”, spiegano i giudici di Mon Repos. Il documento citato sopra ammette infatti che gli impianti siano visibili in modo limitato. Inoltre, aggiunge il Tf, tali antenne potranno essere smontate senza causare danni. A tal proposito Swisscom ricorda che una soluzione simile è stata scelta anche a Losone, per la chiesa di Sant’Antonio Abate, e che nel caso bellinzonese la scelta del campanile è sostenuta anche dalla Parrocchia.

Leggi anche:

Morobbia: il Tram stronca l'antenna Swisscom sul campanile

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved