ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 min

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
18 min

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
1 ora

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
1 ora

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
1 ora

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
1 ora

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
2 ore

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
16.03.2020 - 12:29
Aggiornamento: 19:39

Covid-19 in casa anziani a Claro: 'Così gestiamo la situazione'

Positivi al virus una dipendente e alcuni ospiti della Residenza Visagno. Clima triste, ma tanta professionalità. Acquistato un tablet per le videochiamate

di Samantha Ghisla
covid-19-in-casa-anziani-a-claro-cosi-gestiamo-la-situazione
La Residenza Visagno (Ti-Press)

Il temuto coronavirus si è fatto strada anche alla casa anziani di Claro. Come conferma da noi contattato il direttore amministrativo della Residenza Visagno, Silvano Barelli, l'esito dei tamponi effettuati negli scorsi giorni parla di una collaboratrice positiva e tre ospiti che attualmente si trovano nella struttura e che vengono curati qui. Un altro ospite è stato nel frattempo trasferito all'ospedale La Carità di Locarno. "La casa anziani è composta da tre reparti suddivisi su tre piani e attualmente abbiamo concentrato i malati in un unico reparto. I contagiati si trovano in isolamento nelle proprie camere", sottolinea il direttore precisando che la collaboratrice contagiata è invece a casa. Per isolare il reparto dal resto della struttura e limitare così il rischio di diffondere il virus, la casa anziani ha anche predisposto un apposito spogliatoio per il personale che lavora su questo piano, in modo che non abbia contatti con gli altri colleghi. Tutti lavorano in ogni caso provvisti di mascherina. "Ci siamo anche attivati per fare in modo che le divise vengano lavate con appositi prodotti", aggiunge Barelli sottolineando il grande impegno e la grande professionalità dimostrata in questa situazione dai suoi collaboratori.

'L'ambiente è triste'

Da una settimana, come deciso dal governo cantonale, questa e le altre case anziani su suolo ticinese sono chiuse ai visitatori. "L'ambiente è triste, i residenti cominciano a sentire la mancanza dei propri cari", ci racconta il direttore. A questo vuoto cercano di ovviare con contatti personali i dipendenti della Residenza Visagno che solitamente si occupano di offrire le loro terapie agli anziani e gli animatori della struttura. "Abbiamo anche acquistato un tablet per permettere agli ospiti di mantenere un contatto con i propri famigliari", aggiunge Barelli. Venerdì scorso lui stesso ha contattato tutti i famigliari degli anziani presenti nel reparto isolato. Le famiglie dei contagiati hanno invece ricevuto la comunicazione dal direttore sanitario della casa. Oltre a esternare la propria preoccupazione, le famiglie hanno mandato anche messaggi di solidarietà al personale, spiega il nostro interlocutore dicendo quanto questo faccia piacere. Gli ospiti ricevono anche lettere e biglietti dall'esterno, appositamente puliti.

Poiché chiunque ha sintomi influenzali non può lavorare, attualmente anche il personale che lavora a tempo parziale o che era in vacanza è stato chiamato a dare una mano. Al momento non vi è carenza, sottolinea Barelli. Nemmeno il materiale sanitario è per ora insufficiente anche se, spiega il direttore amministrativo, effettivamente i dispositivi di protezione (camici, occhiali, guanti, mascherine) si esauriscono in fretta. Uno degli aspetti più difficili da gestire sembra essere l'incognita su quanto durerà e come si evolverà la malattia, aggiunge. "Il personale curante accompagna gli ammalati giorno dopo giorno ma è difficile capire quando il paziente sta iniziando la guarigione", fa notare Barelli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved