elettrosmog-alle-scuole-sud-le-ffs-rispetteranno-i-limiti
La soluzzione prevista dalle Ffs fino allo scorso giugno
+4
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 min

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
6 min

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
17 min

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
18 min

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
1 ora

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
1 ora

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
1 ora

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza di ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
1 ora

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
1 ora

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
1 ora

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
1 ora

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
1 ora

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
2 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
2 ore

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
Bellinzonese
2 ore

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
Luganese
3 ore

Birra protagonista nel fine settimana in Capriasca

La quarta edizione di Birra in Capriasca si terrà l’1 e 2 luglio sul piazzale delle scuole elementari di Tesserete
Locarnese
3 ore

Feste di Comino, siamo al capolinea

Mancano i rincalzi per portare avanti anche in futuro l’evento sulla montagna centovallina. Il Gruppo promotore, a malincuore, costretto a rinunciare
10.02.2020 - 16:44
Aggiornamento: 17:32

Elettrosmog alle Scuole Sud, le Ffs rispetteranno i limiti

Bellinzona: trovata la soluzione per ridurre da 4 a uno i microtesla (limite massimo ammesso dall'Orni) nella palestra frequentata dagli allievi

Elettrosmog alle Scuole Sud di Bellinzona: le Ffs revocheranno la richiesta di deroga all’Ordinanza federale sulle radiazioni non ionizzanti (Orni) avendo trovato le soluzioni tecniche e infrastrutturali in grado di far rientrare entro i limiti massimi ammessi il campo magnetico che verrà generato dal nuovo terzo binario previsto accanto alla palestra nel tratto compreso fra la galleria di Svitto e il riale Dragonato. Questo dopo che in un primo tempo – stando al Rapporto d’impatto ambientale pubblicato lo scorso giungo insieme ai piani – le Ffs medesime ritenevano il progetto già “ottimizzato nei limiti della fattibilità tecnica e finanziaria”; convinzione ora smentita dagli approfondimenti effettuati dopo le opposizioni inoltrate all'Ufficio federale dei trasporti. Il tema, ricordiamo, aveva fatto parecchio discutere lo scorso giugno quando durante la pubblicazione dei piani si era appreso che col terzo binario vi sarebbe stato un sensibile superamento (4,2 microtesla anziché uno). In quell’occasione il Municipio di Bellinzona e l’Assemblea dei genitori delle Scuole Sud avevano espresso tutta la loro preoccupazione inoltrando delle opposizioni all’Ufficio federale dei trasporti. Uft al quale sono pervenute, sempre nell'ambito del terzo binario, in tutto 27 opposizioni.

Una schermatura e modifiche alla linea di contatto

«Le Ffs – spiega interpellato dalla ‘Regione’ il portavoce Patrick Walser – hanno ricevuto le opposizioni e trasmesso all’Uft le proprie osservazioni». Oltre a ciò, le Ferrovie non sono rimaste con le mani in mano. «Le opposizioni ci hanno permesso di approfondire ulteriormente alcuni aspetti del progetto, tra cui l’impatto delle radiazioni non ionizzanti», annota Walser: «Per questo aspetto abbiamo valutato altre possibilità costruttive, volte a limitarne le emissioni al minimo tecnicamente possibile. Queste nuove soluzioni di progetto vengono ora sottoposte all’Uft, che molto probabilmente provvederà a ordinare una nuova esposizione pubblica». Le Ffs hanno esposto il nuovo passo al Municipio quale partner importante del progetto, tanto che il rispetto del limite di un microtesla «varrà per tutti i cosiddetti Laus, luoghi a utilizzo sensibile. Compresa chiaramente anche la palestra delle Scuole Sud». In sostanza saranno apportate modifiche alla linea di contatto e verrà posata una schermatura.

'Passo avanti per un progetto di grande importanza'

Dal canto suo l’Esecutivo cittadino esprime soddisfazione, considerato che nella propria opposizione cautelativa invitava le Ffs a fare tutto il possibile per rispettare i valori limite su tutta la tratta ferroviaria e in particolare nei locali in cui soggiornano dei bambini. «Abbiamo accolto positivamente l’aggiornamento sottopostoci dalle Ffs in occasione di un recente incontro», dichiara il municipale Simone Gianini, capodicastero Territorio e Mobilità: «Si tratta di un passo che faciliterà la realizzazione di un progetto in cui la Città, direttamente interessata, crede molto. Infatti con il completamento del terzo binario fino alla stazione di Bellinzona i benefici saranno molteplici. Da una parte è la condizione necessaria per poter potenziare ulteriormente il trasporto pubblico regionale su rotaia, altrimenti impossibile nel breve-medio termine sino all’auspicato arrivo della circonvallazione ferroviaria; dall’altra l’inserimento di una nuova fermata Tilo in piazza Indipendenza, concepita sul modello di S-Bahn, migliorerà sensibilmente l’accesso dei pendolari alla città; infine la riqualifica del comparto porterà con sé anche il recupero di un tratto di murata, la realizzazione di nuovi spazi pubblici di qualità e il risanamento dell’autosilo Cervia con possibilità di ampliamento. Tutto ciò sarà  oggetto di una variante di Piano regolatore attualmente in fase di approfondimento».

Le altre opposizioni pendenti

Davanti all’Uft sono intanto sempre pendenti le 27 opposizioni: con la propria, il Municipio contesta gli 800mila franchi proposti dalle Ffs per espropriare l’edificio sede del Dicastero opere pubbliche destinato alle ruspe. Lo Swiss Valuation Standards ritiene infatti che il valore di mercato sia di 2,85 milioni, mentre quello del terreno che verrebbe riconsegnato al Comune a lavori conclusi è valutato 920mila franchi: pertanto l’indennizzo – sostiene il Municipio – dovrebbe almeno corrispondere alla differenza dei due importi, pari a 1,93 milioni. Pollice verso dell’esecutivo anche ai 200mila franchi proposti dalle Ffs per espropriare l’area posteggi del Servizio sociale, valutata dal Municipio 550mila franchi. Altro punto critico, il nuovo deposito della palestra alle Scuole Sud: l’ipotesi sostitutiva indicata dalle Ffs ha dimensioni che non corrispondono a quanto pattuito nel dicembre 2018: da qui la richiesta affinché le dimensioni siano maggiorate del 20%. Tra gli opponenti figurano anche la casa per anziani Paganini Rè e diversi privati: temono conseguenze visto che via Saleggi sarà occupata dal cantiere previsto fra il 2021 e il 2025; l’elenco comprende anche l’Associazione per la difesa degli interessi del centro storico (Adics), il Fondo di previdenza per il personale dell’Ente ospedaliero cantonale (per l’edificio amministrativo e abitativo Residenza Piazza in via Lugano 4) e la Società ticinese per l’arte e la natura (Stan).

Terreno contaminato: si risana

Dal canto loro le Ffs ricordano che l’area adiacente alla futura nuova fermata Tilo è attualmente oggetto di importanti lavori per il risanamento del terreno contaminato dalle attività della ex lavanderia Caviezel: «A gennaio 2020 è stato possibile avviare questo intervento, complesso e oneroso, anche grazie all’importante contributo della Confederazione nell’ambito degli investimenti relativi al terzo binario», conclude il portavoce Patrick Walser.

Leggi anche:

Terzo binario a Bellinzona: in tutto 27 opposizioni

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved