lo-zampino-di-mario-botta-nel-villaggio-di-sobrio
A sinistra la piazza di Sobrio dopo i lavori all'albergo e a destra gli schizzi di Mario Botta per la sala concerti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
3 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
3 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
4 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
4 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
4 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
5 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
5 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
05.02.2020 - 19:50

Lo zampino di Mario Botta nel villaggio di Sobrio

L’associazione Ars Dei ha coinvolto l’architetto internazionale per una sala concerti. E lancia un appello ai donatori: servono 5,5 milioni

L’architetto ha già fatto un sopralluogo sul posto e ha pure effettuato qualche schizzo di quella che potrebbe diventare una casa dei concerti a Sobrio. Ma al momento l’aspetto più urgente riguarda il finanziamento. Stiamo parlando del progetto che l’associazione Ars Dei – presieduta da Mauro Harsch – vuole portare avanti a Sobrio, frazione di Faido, dove ogni anno vengono ospitati numerosi gruppi di musicisti grazie agli eventi che ruotano attorno al ‘Villaggio della musica’. È infatti ingente il costo della stuttura pensata per ospitare concerti con la capienza di 200 spettatori: 4,5 i milioni ipotizzati. E si tratta di una struttura che dal punto di vista architettonico potrebbe portare una firma internazionale. L’associazione ha infatti preso contatto con l’architetto Mario Botta, che a fine maggio si è recato a Sobrio dicendosi entusiasta dell’idea di progettare una sala concerti innovativa, adatta anche per spettacoli di danza.

Ipotizzata anche l'idea di acquistare un hotel

Per poter finanziare l’opera, Ars Dei ha però bisogno dell’aiuto di donatori ai quali lancia un appello tramite i media, che si estende anche ad altri tasselli del progetto. Oltre alla sala per concerti, l’intento è infatti quello di comprare all’asta (che si terrà nei prossimi mesi) l’antico Albergo Ambrogini, l’unico presente nel villaggio leventinese, ormai chiuso da anni. I costi per l’acquisto e la ristrutturazione di questo edificio sono stati stimati attorno a un milione di franchi. L’idea dell’associazione è poi quella di annettere all’hotel un paio di case-dépendance, un negozio e un piccolo centro benessere in modo da risolvere in gran parte il problema degli alloggi che incombe sugli organizzatori dei vari eventi culturali. “Attualmente siamo in grado di ospitare settimanalmente dieci studenti e un paio di docenti – spiega l’associazione nell’appello che ha divulgato –. Riceviamo richieste di gruppi di 20-30 musicisti, cori e orchestre da camera, che puntualmente dobbiamo rifiutare per mancanza di spazi. Idem per i turisti. Dobbiamo poter disporre di una struttura in grado di ospitare una trentina persone”.

Si chiede sostegno anche per le spese annue

Il ‘Villaggio della musica’ ha preso vita a partire dal 2013, quando l’associazione Ars Dei ha acquistato quella che è poi diventata Casa Gustav Mahler, che ospita una sala per corsi e concerti, due studi e una sala conferenze, nel cui giardino è possibile organizzare spettacoli durante i mesi estivi. Per accogliere studenti e musicisti due anni più tardi Ars Dei ha acquisito una seconda abitazione: Casa Francis Poulenc, che può ospitare 8-10 studenti e comprende quattro camere da letto, uno studio, un soggiorno con cucina e due bagni. Oltre a questi due immobili, in collaborazione con dei privati viene utilizzata anche una cinquantina di case. Finora, questi passi sono stati possibili grazie ad alcune importanti donazioni che hanno permesso di sostenere l’1,2 milioni di franchi necessari per acquisto e interventi alle due case. Le spese di manutenzione annue e quelle per il SobrioFestival e l’Academy – che ammontano a circa 28mila franchi – pesano però sempre sull’associazione, basata sul volontariato per quanto concerne il lavoro dei membri di comitati e degli organizzatori. L’appello per le donazioni riguarda perciò anche la copertura di questo genere di spese vive. Per il futuo l’ambizione di Ars Dei non si ferma qui: viene infatti spiegato che ci sono nel cassetto ulteriori sogni, come quello di aprire una casa per anziani musicisti (e appassionati d’arte) e una bottega del liutaio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved