ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 min

Chiasso, maccheroni offerti davanti allo schermo gigante

L’evento è in programma venerdì 9 dicembre nello chalet di piazza Bernasconi. Organizzano gruppo Urani e rioni
Mendrisiotto
40 min

Mendrisio, distinzione comunale a Gardi Hutter

Dopo due anni di sospensione forzata, torna la cerimonia di fine anno. Migliore sportivo è Martino Valsangiacomo
Mendrisiotto
48 min

Chiasso celebra la Giornata del volontariato

Le associazioni attive sul territorio sono state accolte il 5 dicembre al Cinema Teatro
Luganese
54 min

Lugano, lavori notturni in via San Gottardo e in Via Balestra

Dal 12 al 22 dicembre, dalle 20 alle 6 la Divisione spazi urbani eseguirà dei lavori di manutenzione stradale. Anche Ffs aprirà un cantiere dal 12 al 16.
Luganese
6 ore

Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta

Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
6 ore

A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato

Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
11 ore

Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie

L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
14 ore

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
15 ore

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
15 ore

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
16 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
16 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
16 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
Luganese
17 ore

Lugano celebra i suoi volontari

In occasione della Giornata internazionale del volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il Municipio ha ringraziato i settecento presenti
Bellinzonese
17 ore

Bella prova degli schermidori turriti in quel di Küssnacht

Associazione Bellinzona scherma soddisfatta dei propri atleti che hanno partecipato alla prima gara a livello nazionale dopo il lungo stop dovuto al Covid
Luganese
17 ore

Cureglia, dopo due anni torna il pranzo per le persone in Avs

Al tradizionale appuntamento hanno partecipato centinaia di cittadini e il Municipio al completo guidato dalla sindaca Tessa Gambazzi Pagnamenta
Locarnese
17 ore

La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’

Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Bellinzonese
17 ore

Riduzione della sofferenza psicofisica o stress con l’Atte

Il corso di Mindfulness (otto incontri e una giornata intensiva) si terrà a partire dal 18 gennaio al Centro diurno a Bellinzona
Mendrisiotto
17 ore

Lanciata la petizione contro il postribolo a Balerna

Nelle scorse settimane era stata depositata la richiesta per il cambio di destinazione d’uso di un edificio che attualmente ospita un’officina
Bellinzonese
18 ore

A Bellinzona torna la notte di musica live nei bar

Mercoledì 7 dicembre, dalle 19 a mezzanotte in centro città, si terranno 9 concerti in 7 locali
Locarnese
18 ore

Concerto d’Avvento giovedì a Verscio

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, la Chiesa di San Fedele si appresta ad accogliere il tradizionale appuntamento musicale prenatalizio
Locarnese
18 ore

Mercato di Natale in Città Vecchia a Locarno

Dopo due anni condizionati dalla pandemia, si rinnova il tradizionale appuntamento del cuore storico cittadino; 230 le bancarelle allestite
Locarnese
18 ore

L’‘inCanto’ è un Concerto di Natale con il Coro Fat

Sabato 10 dicembre alle 18 appuntamento nella Chiesa parrocchiale di Brione sopra Minusio con l’ensemble diretta dal maestro Gabriele Beltrami
Ticino
19 ore

Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’

Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Locarnese
19 ore

Con Zurich On Ice scende in pista il Fairplay nello sport

A Locarno On Ice denso programma di animazioni per le prossime giornate. Compresa la presenza dei giocatori di Ambrì Piotta e Lugano
Grigioni
19 ore

Oltre allo sci, anche un mercato e San Nicolao a San Bernardino

L’evento è previsto sabato 10 dicembre al Centro sportivo, quando apriranno anche altre piste di fondo
22.01.2020 - 06:00
Aggiornamento: 07.01.2022 - 18:12

A Osogna il bacino di laminazione ‘al posto di due ditte’

Il Municipio di Riviera propone a Swissgrid un’alternativa in zona industriale, salvando così il bosco golenale. A rischio AlpiAsfalt e Holcim

di Giorgia Mossi
a-osogna-il-bacino-di-laminazione-al-posto-di-due-ditte
L'entrata di Holcim e AlpiAsfalt (Ti-Press)

L’energia idroelettrica costituisce una risorsa rinnovabile essenziale per la popolazione svizzera. Eppure, con il progressivo abbandono del nucleare, la biodiversità dei corsi d’acqua è messa sempre più a dura prova dalle oscillazioni giornaliere dei deflussi. Ripercussioni che interessano da vicino anche la fauna ittica del fiume Ticino, uno dei tratti più compromessi della Svizzera. Indispensabili, dunque, misure di risanamento. Ma se il progetto di rinaturazione della zona Torretta a Bellinzona e la costruzione della nuova centrale del Ritom avanzano a vele spiegate, lo stesso non si può dire per l’impianto Ofible di Biasca. L’ipotesi nuovamente ventilata dai gestori delle centrali idroelettriche di realizzare un bacino di demodulazione di 600’000 metri cubi nella zona boschiva tra Iragna e Lodrino – già contestata nel 2013 dall’allora lista civica ‘Per Iragna’ che parlava di ‘ecomostro’ e poi scartata dalla Commissione di studio aggregativo poiché ritenuta superata – ha indispettito anche il Municipio di Riviera.

Misure compensative

«Com’è stato ribadito fin dal principio, un’importante infrastruttura come questa non deve venir ubicata in una zona che, tra l’altro, è inserita nell’inventario federale delle aree golenali di valenza nazionale – afferma alla ‘Regione’ il sindaco Alberto Pellanda –. Dovrebbe bensì inserirsi correttamente all’interno del tessuto urbano in modo da garantire una buona vivibilità. Ovviamente, ciò implica la realizzazione di misure compensative a livello di sistemazione di tutto il territorio comunale». L’esecutivo locale però non è rimasto con le mani in mano. Anzi, grazie al contributo dell’ingegner Aron Ghiringhelli – cittadino della frazione di Osogna – ha fatto propria una sua controproposta. L’idea, sfruttare nel quartiere di Osogna un’area industriale situata nelle immediate vicinanze della centrale Ofible. «Un bacino di demodulazione implica un impatto territoriale rilevante – puntualizza il vicesindaco Giulio Foletti, capodicastero territorio –. Posizionarlo in una zona già caratterizzata da fattori antropici quali la linea ferroviaria e le strade, rappresenta a nostro avviso una soluzione più sensata». Provvedimento che sulla sponda opposta di Iragna permetterebbe di preservare la superficie più pregiata del comune: il fondovalle, importante valenza naturalistica e paesaggistica per la comunità locale.

Una condotta fino al Verbano? ‘Mah’

Se il Municipio si dimostra intenzionato a creare le giuste premesse affinché l’opera venga realizzata e la pianificazione “si svolga in modo partecipativo, garantendo un ampio e continuo coinvolgimento degli enti locali”, come previsto dal rapporto della Commissione aggregativa, i gestori delle centrali idroelettriche sembrano dimostrare poca considerazione. «Alle nostre richieste di confronto, l’Azienda elettrica ticinese (Aet) e le Officine idroelettriche di Blenio (Ofible) hanno manifestato poco interesse», annota Foletti: «Nemmeno le proposte da loro ventilate, come realizzare una condotta che sfoci nel Lago Maggiore, risultano essere soluzioni concrete».

‘Valorizzare il territorio’

A essere poco chiari – lamenta il Municipio – sono anche gli obiettivi di risanamento e le dimensioni dell’infrastruttura. Si tratta di indicazioni necessarie affinché questi interventi – finanziati da Swissgrid, società proprietaria della rete elettrica svizzera – riducano gli effetti dei deflussi discontinui. Ma il tempo incalza, poiché la domanda di costruzione dovrà venir presentata all’Ufficio federale dell’ambiente entro fine 2023. «Ora il Gruppo di lavoro deve entrare nel merito del progetto – sottolinea il municipale Sem Genini, responsabile del Dicastero ambiente, agricoltura e approvvigionamento idrico –. Visto, soprattutto, che il Masterplan per la riqualifica dei corsi d’acqua in Riviera è ormai in dirittura d’arrivo». Il risanamento del fiume però non è l’unica prerogativa. «Le misure principali come l’eliminazione dell’argine sommergibile e l’allargamento dell’alveo mirano a ridurre le conseguenze dello sfruttamento idrico». La pianificazione strizza tuttavia l’occhio anche alla rivitalizzazione della superficie comunale. «Alcuni degli accorgimenti sono orientati proprio alla valorizzazione del territorio per cercare di incrementare la vivibilità del paese, preservandone – come stabilito fin dall’inizio negli obiettivi principali – la preziosa superficie agricola. Anche a beneficio dei residenti. Perciò è essenziale che tutti gli attori coinvolti siano sulla stessa lunghezza d’onda. Altrimenti, il Municipio è pronto ad accantonare il Masterplan finché tutti gli obiettivi non vengano definiti».

Ipotesi: anche in caverna per migliorare ulteriormente i deflussi

Rispettoso della sensibilità locale e integrato nel paesaggio. L’ipotesi di realizzare il bacino di demodulazione nella zona industriale del quartiere di Osogna ha conquistato il consenso dell’esecutivo di Riviera. «Nonostante il fondovalle sia stato compromesso da grandi progetti d’importanza nazionale e internazionale, tutt’oggi racchiude molti elementi che determinano la qualità di vita della comunità locale – puntualizza l’ingegner Aron Ghiringhelli –. L’infrastruttura, che si estenderebbe lungo l’autostrada dalla Giustizia fino al campo da calcio per una superficie di poco inferiore a 50’000 metri quadrati, permetterebbe quindi di risparmiare tutti i boschi golenali di grande pregio naturalistico situati sulla sponda opposta di Iragna». Ma se il volume di accumulo non fosse sufficiente per risanare i deflussi discontinui, dovrebbe essere accompagnato da altri provvedimenti. Un’eventualità è rappresentata da un ulteriore bacino in caverna. «L’attento inserimento della struttura nel contesto paesaggistico locale curandone il mascheramento, renderebbe il tutto effettivamente poco percepibile dal fondovalle», annota Ghiringhelli. Si tratta di interventi importanti che dovranno prevedere anche misure di compensazione a livello naturalistico. La prima, ridare dinamismo al bosco golenale. Ma non è finita qui. «Durante i periodi più siccitosi, il torrente della Nala così come quello della Boggera difettano d’acqua. L’ideale, quindi, sarebbe garantire un deflusso residuo più importante in modo che ridiventino attrattivi per la fauna ittica». E, con il materiale di scavo, attutire i rumori autostradali. In che modo? Completando e potenziando le colline antirumore. Il consenso del Municipio è assicurato. Ora ­– concludono i nostri interlocutori – si dovrà attendere la risposta dei gestori delle centrali idroelettriche.

Via due ditte? ‘Un sacrificio preferibile ad altre opzioni’

sLa proposta alternativa di bacino di demodulazione portata avanti dal Municipio di Riviera dimezzerebbe la zona artigianale e industriale di Osogna, sacrificando la fascia compresa fra l’autostrada e via Industrie Nord. A venire sommersa dalle acque sarebbe la porzione attualmente occupata nella parte nord dalla Holcim, che lavora inerti e produce calcestruzzo, e nella parte sud dalla AlpiAsfalt che produce miscele bituminose per le strade. Entrambe operano su terreno patriziale, con Holcim proprietaria di una piccola parte. Mentre i Comuni solitamente tendono a tenersi ben strette le zone artigianali – perché portano indotto e posti di lavoro –, qui si assiste al fenomeno contrario. Possibile? «Tutte e tre le versioni finora sottoposteci nel corso degli anni – chiarisce il sindaco Alberto Pellanda – vanno a intaccare in modo per noi inaccettabile importanti porzioni di bosco golenale. La prima, del 2013, riguardava il solo ex comune di Iragna; la seconda, più recente, si estenderebbe da Iragna a Lodrino; la terza partirebbe dal campo da calcio di Osogna per finire, in direzione sud, all’altezza dell’abitato. Per contro ci sembra meglio sostenibile incidere su una zona produttiva che, come noto, ci crea qualche preoccupazione, considerati i contenuti attuali». L’idea così come proposta, aggiunge il sindaco, obbligherebbe Swissgrid a indennizzare le due ditte alle cui dipendenze vi sono oggi meno di dieci persone, nonché il Patriziato; oppure, se ve ne fossero gli estremi, di delocalizzarle altrove. «Quel che è certo è che dal profilo ambientale e paesaggistico consideriamo la nostra alternativa migliore, non da ultimo perché metterebbe ordine in questa zona, influendo positivamente anche su altre». Detto in altre parole, «all’introito di risorse finanziarie sempre utili per un Comune come il nostro, preferiamo qui puntare su una compensazione ambientale che miri a un miglioramento complessivo sul territorio, oltre a quello relativo alla discontinuità dei deflussi». Quanto al Municipio, conclude Alberto Pellanda, «siamo ben disposti a discutere e approfondire con le parti in causa più idee per individuare la migliore e la meglio praticabile, e questo indipendentemente dalla paternità».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved