rogo-dei-camper-ad-arbedo-siamo-in-regola-con-le-licenze
Rescue Media
+9
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Brissago, il Municipio ‘si tuffa dal trampolino’

Al Consiglio comunale il credito per rifare le due piattaforme a lago del Lido comunale, sistemare la zattera e sostituire le boe di demarcazione
Ticino
2 ore

Guasto tecnico, treni deviati sulla linea di montagna del Ceneri

Un problema di esercizio sta creando disagi alla circolazione dei treni fra Lugano e GIubiasco
Ticino
3 ore

Cultura e tempo libero: cosa fanno i ticinesi

Un’analisi dell’Ustat sfata qualche stereotipo e conferma alcune tendenze sociodemografiche. Ah, ci piace anche il balletto
Mendrisiotto
3 ore

Sul ‘Tacuin’ echi della saggezza popolare

Partito un po’ per caso nel 1985, il popolare calendario si propone in edizione 2022 con nuove... trovate
Economia
3 ore

‘Il web ha dato un potere al consumatore mai avuto prima’

Il giornalista economico di Radio 24 Sebastiano Barisoni, venerdì scorso a Lugano, sulla rivoluzione determinata da rete e postpandemia
Grigioni
11 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
14 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
15 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Bellinzonese
24.11.2019 - 11:570
Aggiornamento : 14:32

Rogo dei camper ad Arbedo, 'siamo in regola con le licenze'

Lo assicura la titolare rispondendo a una segnalazione giunta alla 'Regione'. Le fiamme sono probabilmente partite dal magazzino

Sarebbe partito dal magazzino dei ricambi, contenenti oggetti di vario tipo in parte ancora inscatolati, l’incendio che sabato all’alba ha ridotto in carcasse e cenere 18 della trentina di veicoli che si trovavano nell’area dello Swiss Camper Store in via del Carmagnola 18 ad Arbedo. «Stando alle prime verifiche svolte una volta domate le fiamme – spiega alla ‘Regione’ la titolare Ida Duci – sembrerebbe che l’origine sia nel magazzino. Spetterà all’inchiesta stabilire la causa e per quanto ci riguarda domani avvieremo le pratiche con l’assicurazione con l’obiettivo di riprendere il prima possibile l’attività avviata nel 2013. Certo – aggiunge la titolare – il giorno dopo emerge ancora più forte lo sconforto per quanto accaduto». L’attività, avviata dove in precedenza c’era il magazzino dell’impresa Mutti, «funzionava molto bene. È dura ma ci rialzeremo». Informazioni importanti ai fini dell’inchiesta potrebbero darle i filmati registrati dall’impianto di videosorveglianza della vicina carrozzeria San Paolo Car; immagini che già sabato sono state consegnate agli inquirenti. Quanto alle esplosioni verificatesi durante l’incendio e udite dalla popolazione allarmatasi, sono da attribuire alle bombole di gas in dotazione ai camper.

Una segnalazione (privata) al Dipartimento del territorio e alla Procura

Ma l’attività poggiava su regolari licenze? È la domanda che un potenziale cliente, rivoltosi recentemente allo Swiss Camper Store, ha girato oggi alla nostra redazione: dal suo punto di vista infatti la struttura che una volta ospitava macchinari da cantiere sarebbe stata lacunosa nell’offrire un servizio per camper con officina meccanica rispettando tutte le norme del caso, da quelle edilizie a quelle per la sicurezza fino alla protezione dell'ambiente tramite ad esempio il recupero di liquidi e olii. Una sollecitazione – sottoposta peraltro anche al Dipartimento del territorio e al Ministero pubblico – che giriamo alla titolare: «Prima di insediarci – spiega Ida Duci – abbiamo richiesto e ottenuto dal Comune di Arbedo-Castione una regolare licenza edilizia con altrettanto regolare cambio di destinazione. Inoltre prima dell’incendio eravamo in regola con la verifica dell’impianto elettrico e della polizia del fuoco, con tanto di certificazioni riconosciute». Infine, per quanto concerne la presenza di bombole, «queste come detto sono in dotazione ai camper e la ricarica avviene attraverso un impianto, non di nostra proprietà, situato non lontano dalla nostra attività e anch’esso certificato». Interpellato dalla redazione, il sindaco Luigi Decarli rinvia a domani una verifica approfondita relativa alle decisioni di competenza comunale. Sul posto, durante le operazioni di spegnimento, era presente anche un funzionario del Dipartimento del territorio (Sezione protezione aria, acqua e suolo).

Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved