haber-piu-che-sgradevole-ma-il-premio-alla-carriera-resta
Il direttore artistico Giancarlo Zappoli consegna ad Haber il premio alla carriera (Castellinaria)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
4 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
5 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
6 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
9 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
13 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
17 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
19.11.2019 - 18:59
Aggiornamento : 23:38

'Haber più che sgradevole'. Ma il premio alla carriera resta

Il direttore artistico di Castellinaria Giancarlo Zappoli condanna il comportamento sessista dell'attore sul palco del festival. 'Abbiamo premiato l'artista, non la persona'

a cura de laRegione

"Inappropriato" e "più che sgradevole". Questi gli aggettivi con cui il direttore artistico di Castellinaria, Giancarlo Zappoli, condanna il comportamento sessista dell'attore bolognese Alessandro Haber in occasione della serata di domenica scorsa, in cui il 72enne era al Festival del cinema giovane di Bellinzona per ricevere il premio alla carriera. Haber, prima di ricevere il riconoscimento dalle mani di Zappoli, si è reso protagonista di apprezzamenti fuori luogo, doppi sensi e uscite imbarazzanti nei confronti della presentatrice Moira Bubola e in generale del pubblico femminile, sollevando dubbi sull'opportunità di conferirgli il premio. "Ma non ho premiato la persona – ha dichiarato Zappoli ai microfoni della Rsi –. Ho consegnato il premio all'attore capace di entrare nei personaggi con umanità". Già in passato il bolognese ha attentato alla dignità delle donne, tanto, per esempio, da essere allontanato dal Teatro Stabile di Bologna per le presunte molestie a una collega 19enne. “Io premiato le sue qualità artistiche. Se noi andassimo a vedere la vita privata, il personale, il carattere, di tanti interpreti, non solo del mondo del cinema, ma di altre forme artistiche, avremmo qualche problemino". 

Quanto alla mancata presa di posizione per distanziarsi da quanto avvenuto in sala, Zappoli afferma che "ci sarebbe stata se ci fosse stata una reazione evidente da parte del pubblico. In sala, e chi c'era lo sa ma chi ha scritto non era presente, non c'è stato il benché minimo fischio. Per di più, alla fine della proiezione de 'I segreti del mestiere', Alessandro Haber è risalito sul palco con gli altri interpreti e non c'è stata nessuna reazione nei suoi confronti. Il pubblico avrebbe avuto tutto il diritto di contestarlo e avrebbe fatto bene a farlo, ma non lo ha fatto. Sul palco, prima di lasciarsi andare a quello cui si è lasciato andare, aveva anche lodato l'amore coniugale, paragonandolo all'amore per il teatro". Un episodio che per il direttore non offusca l'immagine del festival che si concluderà il 23 novembre. “Il nostro festival parla con i suoi film, con le sue scelte da 32 anni. Sono davanti agli occhi di tutti e si sa quali sono".

Leggi anche:

Un vecchio allupato a Castellinaria

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved