torre-energetica-castione-sara-conosciuto-in-tutto-il-mondo
La torre visualizzata in un'immagine d'artista
+3
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
24 min

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
37 min

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
47 min

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
17 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
18 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
23 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 gior

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
1 gior

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
14.11.2019 - 12:02
Aggiornamento : 12:29

Torre energetica: 'Castione sarà conosciuto in tutto il mondo'

Presentato il progetto della Energy Vault di Biasca: la struttura alta 60 metri sarà posata a inizio 2020 e vi resterà per alcuni mesi per poi finire in India

Il prototipo di torre energetica concepito dalla Energy Vault Sa di Biasca e che a inizio 2020 e per la durata di circa sei mesi sarà in funzione dimostrativa, porterà la zona industriale di Castione in tutto il mondo. Non solo perché i potenziali clienti («siamo tempestati di telefonate») vi giungeranno da varie parti del globo, ma anche perché in futuro si prevede di installare proprio a Castione la cosiddetta ‘control room’, ossia la sede nella quale Energy Vault potrebbe gestire in remoto i vari impianti venduti ‘muovendosi’ su quattro grandi fusi orari. Il condizionale è d’obbligo e molto dipenderà dal successo commerciale e dalla reale capacità dell’impianto di produrre corrente elettrica a sufficienza e nel momento in cui essa viene richiesta dai grandi consumatori, in primis le megalopoli assetate – in teoria – di energia rinnovabile in sostituzione di carbone e nucleare. È, questo, il messaggio trasversale percepito ieri sera dai molti presenti al centro civico di Arbedo dove il progetto è stato illustrato alla popolazione poche ore prima del deposito in Comune, oggi, della domanda di costruzione. La serata organizzata dal Municipio in collaborazione con i promotori è stata soprattutto l’occasione per mostrare l’impatto della torre sul territorio castionese e, per i molti tecnici presenti, di interrogare i promotori sulla concreta fattibilità e sull’efficienza energetica.

'A Biasca mancava spazio' 

Incominciamo dall’impatto: rispetto alle informazioni diffuse nei giorni scorsi, la torre dotata in cima di sei gru non sarà alta 130 metri bensì 60; inoltre i blocchi da 35 tonnellate l’uno che verrano sollevati e abbassati dalle gru per generare corrente elettrica in discesa non saranno 500 ma 100. Ribadito inoltre che il prototipo non produrrà corrente ma servirà a testare il cervello (software) e il processo di produzione e spostamento dei blocchi (hardware). «Un primo prototipo, di dimensioni ridotte e costituito da una gru da cantiere con blocchi di 500 kg, è stato testato a Biasca; ora desideravamo far entrare in funzione sia la linea di produzione dei blocchi costituiti in gran parte da cemento povero e terra, sia la strumentazione tecnica prodotta in Italia che è stata de facto già acquistata dall’azienda indiana Tata Power che la ritirerà una volta ultimata la fase test di Castione. Castione dove abbiamo trovato lo spazio necessario che a Biasca mancava», ha spiegato il capotecnico Andrea Pedretti, ingegnere ticinese che vanta un’ampia conoscenza nel campo delle energie rinnovabili ma che è anche reduce dal fallimento della ditta Airlight, fino al 2016 presente in Riviera con tre società e che non è riuscita ad attivare in Marocco il rivoluzionario impianto fotovoltaico sviluppato a Biasca anche grazie a finanziamenti pubblici. Che in questo caso non ci sono – è stato assicurato ieri sera – beneficiando Energy Vault di partenariati con vari gruppi privati sparsi nel mondo e molto interessati a partecipare, finanziandolo, al progetto di torre energetica.

'Resa dell'80%. Ecco dove sarà il guadagno'

Già, ma quale sarà il suo rendimento? E dove sarà il guadagno? Domande giunte dalla sala e alle quali Pedretti, insieme al Ceo Robert Piconi, hanno dato risposta. Tagliando con l’accetta, il principio è lo stesso dei bacini idroelettrici ad accumulazione, dove cioè l’acqua viene ripompata in quota di notte consumando corrente elettrica a basso costo e turbinata di giorno producendo corrente venduta a prezzi più elevati di quella notturna. La torre consuma corrente elettrica alzando i mattoni e ne produce, abbassandoli, nel momento di grande richiesta, quando la corrente messa in rete ha un costo maggiore. «Il bilancio finale è positivo – ha assicurato Pedretti – perché utilizziamo motori elettrici e componenti meccaniche di ultima generazione che mantengono molto elevata l’efficienza, calcolata fra il 78 e l’80%». In soldoni, se si consuma un kWh in salita se ne produce 0,8 in discesa, che venduto al prezzo previsto nelle ore di maggior consumo genera il guadagno destinato a rendere il progetto «una soluzione sostenibile sul piano finanziario e su quello ambientale».

Se carbone e nucleare costano meno

Il successo dipenderà da due fattori: il reale grado di efficienza (fra gli scettici c’è chi sostiene che non sarà dell’80% ma si assesterà attorno al 50%) e la reale capacità di farsi comprare corrente elettrica a un prezzo concorrenziale rispetto a quella fornita dalle centrali a carbone e nucleari ‘dure a morire’. La soluzione sarebbe quella di dismetterle, ma proprio qui entra in campo la volontà politica dei Paesi più inquinati. E questo è un altro discorso.

Garanzia di 200mila franchi

Ma tornando a Castione: in sala c’è chi ha lodato l’iniziativa, poiché in grado di portare vantaggi al Comune in termini di visibilità e forse anche di impieghi. Ma se il prototipo non verrà infine venduto agli indiani? Il caso Airlight insegna che a Biasca lo smantellamento è finito sul gobbone del Comune. «Tranquilli – ha assicurato Pedretti – perché abbiamo depositato 200mila franchi per evitare al proprietario del terreno occupato, ed eventualmente al Comune, brutte sorprese».

Leggi anche:

Ad Arbedo-Castione è in arrivo una gru acchiappaenergia

Guarda 6 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved