laRegione
ex-cima-norma-investitori-disponibili-a-pagare-per-un-museo
Abouzar Rahmani e Marino Venturini
ULTIME NOTIZIE Cantone
TICINO
10 ore

Le sfide della scuola a distanza

All'assemblea della Conferenza cantonale dei genitori sarà presentata l'indagine ticinese sull'insengamento durante il Covid
Bellinzonese
13 ore

'L'ex oratorio sia un primo passo per la Casa delle culture'

Il Ps auspica che il Municipio non si limiti all'occupazione degli stabili di Giubiasco. Malacrida: 'per il momento ci concentriamo su questo progetto'
Ticino
17 ore

Coronavirus, in Ticino 7 decessi, più ricoveri e più dimissioni

Il numero di casi è leggermente calato rispetto a ieri. L'occupazione dei posti letto negli ospedali rimane invece elevata a 352
Il commento
21 ore

La gioia per le disgrazie altrui

La sfortuna altrui può anche far piacere
Bellinzonese
21 ore

Centro benessere di Acquarossa, pronto il piano di quartiere

I promotori del Sun Village hanno presentato la documentazione necessaria per continuare la procedura edilizia. Molta attenzione all'impatto paesaggistico
Mendrisiotto
21 ore

Ivo Durisch ha deciso: 'Lascio il Municipio di Riva San Vitale'

Il municipale socialista ha rassegnato le dimissioni dopo 16 anni: 'L'ho fatto per dare continuità al lavoro nell'esecutivo'
Locarnese
21 ore

Ascona, così potrà crescere il Castello del Sole

Pronta la variante pianificatoria che permetterà di convertire una zona agricola in area edificabile
Ticino
1 gior

Covid, da domenica Lombardia e Piemonte saranno aree arancioni

Per i ticinesi non dovrebbe cambiare nulla: accesso nelle due regioni confinanti consentito solo per motivi di lavoro, salute o estrema necessità
Ticino
1 gior

Covid e mezzi pubblici, 2'300 firme chiedono più corse

Il Sindacato indipendente studenti e apprendisti consegna la petizione contro i trasporti affollati: il Cantone deve fare di più
Bellinzonese
20.05.2019 - 13:360

Ex Cima Norma: investitori disponibili a pagare per un museo

Ufficializzata stamattina l'acquisizione del marchio da parte della Domani Food Sa. Il Ceo Rahmani: 'Però non siamo venuti a fare beneficenza'

Svolta per l'ex fabbrica di cioccolato Cima Norma a Dangio, in Valle di Blenio. Da una parte lo storico marchio di tavolette – rilanciato da Marino Venturini e consorte nel 2017 con produzione affidata a un'azienda terza – è stato venduto alla Domani Food Sa, che ha già iniziato la produzione nel nuovo stabilimento di Rancate. Quando nel corso dell'anno l'attività entrerà a pieno regime sono previsti in totale 20 posti di lavoro e, nel 2020, una trentina. Dall'altra la stessa società si dice disponibile a investire nel futuro del vecchio edificio bleniese, attualmente occupato in parte da privati e in parte dagli spazi espositivi della Fondazione fabbrica del cioccolato, attualmente senza presidente e alle prese con parecchie fatture ancora scoperte, in particolare nei confronti degli artigiani della zona.

Una collaborazione pubblico-privato

"Non siamo venuti a fare beneficenza – sottolinea il Ceo di Domani Food Sa Abozuar Rahmani da noi interpellato – ma siamo disponibili a investire, a patto che l'impegno sia dimostrato anche da parte degli attuali proprietari, della Fondazione, del Cantone e dell'ente turistico". L'intenzione della società è infatti di partecipare alla ristrutturazione della facciata principale, alla creazione di un museo del cioccolato e di un atelier. Ed è in particolare per la concretizzazione dell'ipotizzato museo che Rahmani aupica la collaborazione e il sostegno da parte degli enti pubblici e da parte degli attuali proprietari. A tal proposito Rahmani è categorico: "Siamo una società commerciale e quindi dev'esserci un senso commerciale nell'operazione. È necessaria una collaborazione tra pubblico e privato che permetta, nel caso di un museo o di una caffetteria, di portare clientela e turisti in modo da ottenere dei profitti e non affondare così il progetto dopo sei mesi di vita"."Attualmente non c'è un vero e proprio accordo – continua il Ceo – ma assicuriamo il nostro impegno a concretizzare l'idea". Un impegno anche finanziario? "Sì, contribuiremo finanziariamente", assicura Rahmani sottolineando che non è ancora stato stabilito a quanto potrebbe ammontare la loro parte di investimento.

Verso il mercato internazionale

Fondatore e Ceo di Domani Food SA, un “Swiss-Mediterranean Food Group” che ha nel suo portfolio snack salutari di alta qualità e cioccolato, Abozuar Rahmani è un imprenditore di lunga data che proviene da una famiglia alla quarta generazione nel settore agroalimentare, già attivo in Europa, Dubai, approdato in Svizzera nel 2012 e in particolare nella regione di Ginevra. L’intento di Rahmani, viene precisato in un comunicato stampa odierno, è quello creare prodotti innovativi e competitivi mantenendo un legame con la tradizione. Per quanto riguarda l'export del prodotto, Rahmani precisa che inizialmente si punterà sul mercato europeo, ma l'intenzione è di espandersi successivamente nel resto del mondo e in particolare verso Stati Uniti, Asia e Medio Oriente.

 

 

 

© Regiopress, All rights reserved