laRegione
Nuovo abbonamento
la-spada-nella-rocca-cerca-spazio-nel-progetto-dei-castelli
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
2 ore

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
2 ore

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
12 ore

Andrea Pronzini capo del Centro di formazione di polizia

Coordinerà le attività di selezione dei candidati aspiranti agenti. Subentra a Manuela Romanelli Nicoli
Luganese
13 ore

Gandria e Morcote, aumentano le corse in battello

La Società di navigazione ha potenziato l'offerta pomeridiana
Bellinzonese
13 ore

Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso

La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Luganese
14 ore

Tram Treno, le associazioni ambientaliste: si deve fare di più

I tre sodalizi chiedono al progetto del Dipartimento del territorio: riassetto dello snodo di Cavezzolo e mantenimento della linea di collina
Luganese
14 ore

I City Angels di Lugano distribuiranno 4000 mascherine gratis

Iniziativa di aiuto per combattere la pandemia, grazie al sostegno di due società ticinesi
Ticino
15 ore

Tutti i controlli radar della prossima settimana

Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Luganese
15 ore

Balneabili le acque di Porto Ceresio

Soddisfatta la sindaca, Jenny Santi che negli ultimi mesi era stata presa di mira da minoranza e ambientalisti
Bellinzonese
15 ore

Corbaro ritrova la libertà all'ombra del Castello di Cima

Il gufo, trovato dalla Spab con un'ala spezzata e curato dallo studio medico Keller e Pedretti, è tornato a volare nel bosco sovrastante la Turrita
Bellinzonese
08.05.2019 - 12:580

La Spada nella Rocca cerca spazio nel progetto dei castelli

Lanciando la manifestazione del 25-26 maggio (che traslocherà a Montebello), gli organizzatori hanno dato la propria disponibilità a Città, Cantone e Otr

"Quando siamo sul posto a fare le prove in costume medievale, la gente si ferma, è interessata, i turisti ci fanno le foto". È molto grande l'interesse dei frequentatori dei Castelli di Bellinzona per le rivisitazioni storiche promosse dal comitato della Spada nella Rocca, come sottolinea il presidente Francesco Pedrelli. Proprio per questo, assieme al presidente onorario Renato Dotta (nei panni di Federico Barbarossa) lancia un appello a Cantone, Città e Organizzazione turistica regionale affinché possano essere coinvolti nel progetto di valorizzazione dei tre manieri patrimonio Unesco che costerà tra i 7 e i 9 milioni di franchi e verrà realizzato tra il 2020 e il 2024. Come precisato nella conferenza stampa di lancio della prossima edizione, per il momento gli organizzatori della manifestazione giunta quest'anno alla 21esima edizione non sono ancora stati ufficialmente contattati dal gremio che si sta occupando dell'implementazione del progetto. Il loro coinvolgemento "è un'idea già nel calderone che dovrà essere valutata", spiega il direttore dell'Otr Juri Clericetti, anche membro del comitato della Spada nella rocca.

Non è dunque escluso che nei castelli del futuro possano essere presenti figuranti medievali con una certa regolarità. Oltre agli attori e agli artigiani "di casa nostra" potranno in tal senso risultare particolarmente utili i contatti del gruppo – l'unico in Ticino esperto in rievocazioni medievali – con chi è attivo in quest'ambito anche a livello internazionale. In tal caso, aggiunge Pedrelli, gli organizzatori della Spada nella rocca necessiteranno sicuramente di un aiuto a livello organizzativo (che attualmente richiede molti sforzi) per potersi concentrare di più sull'animazione in sé. 

A Montebello brucerà una strega?

Guardando al futuro più prossimo, la novità più lampante della prossima edizione prevista sabato 25 e domenica 26 maggio è il ritorno nell'ubicazione che aveva dato origine alla manifestazione, il Castello di Montebello. Dopo 4 anni a Castelgrande, la decisione è stata presa dagli organizzatori dopo un'analisi effettuata nel corso dell'ultima edizione da parte di uno studente della Scuola superiore alberghiera di Bellinzona che riteneva appunto più idonei gli spazi del secondo maniero. Sempre su suo consiglio, l'animazione si concentrerà non solo nelle parti esterne di Montebello bensì anche dentro le mura. Tra gli eventi principali vengono segnalati: sabato alle 18 una conferenza scenica con Gerry Mottis, autore del romanzo storico “Terra bruciata - Le streghe, il boia e il diavolo” seguita, alle 20, dalla messa in scena del processo alla strega con finale a sorpresa; quella sera le danzatrici di Piazza Armerina (Sicilia) chiameranno le tenebre e sono anche previste danze con il fuoco. La domenica alle 11 è prevista la messa in latino celebrata da Don Rolando Leo con la partecipazione della corale Vox Tibi di Avegno Gordevio. In programma anche spettacoli di marionette per i bambini e il classico torneo dei cavalieri (sabato ore 16.30 e domenica ore 17). Alla due giorni parteciperanno 21 gruppi e 29 artigiani/mercanti, per un totale di 400 figuranti.

Gli organizzatori mettono l'accento sul fatto che non sarà possibile posteggiare l'auto a Montebello e che via Daro sarà chiusa al traffico privato. In compenso dal parcheggio gratuito di via Tatti è previsto un servizio di bus navetta (A/R adulti 6 franchi, ragazzi 4, fino a 5 anni gratis). I prezzi d'entrata alla manifestazione sono rimasti invariati: 10 franchi dai 16 anni, 5 franchi tra 6 e 16 anni e gratuito per i più piccoli; previsto anche un ingresso famiglia di 25 franchi per due genitori con figli fino a 14 anni. Programma completo su laspadanellarocca.

© Regiopress, All rights reserved